Venezuela: Al via la Primera División con un pizzico d’italianità

IMG_0872CARACAS – L’attesa é finita. Si alza il sipario della Primera División venezuelana, che in questa stagione 2017 avrá ben 19 i rappresentanti della nostra collettivitá. La squadra che ha piú italo-venezuelani é il Caracas con 7, seguita da Deportivo La Guaira con tre e Deportivo Lara con due.
Questo campionato sará anche caratterizzato per il ritorno nella serie A venezuelana di campioni del calibro di Juan Arango e Yohandry Orozco che dopo l’esperienza nel Cosmos dell’italo-venezuelano Gianni Savarese rientrano in patria per difendere la maglia dello Zulia. Senza tralasciare i rientri di Juan Falcon (con lo Zamora di Stifano) e Maestrico González (con il Deportivo La Guaira di Saragó).
Dopo l’esperienza con gli svizzeri del Sion, l’italo-venezuelano Gabriel Cichero rinforzerá il reparto difensivo del Lara. Sulle panchine rivedremo i volti di Noel Sanvicente, che dopo la sua avventura con la Vinotinto, torna sulla panchina del suo Caracas, e di Daniel Farias su quella dello Zulia. Analizzamo un po’ le 18 squadre che cercheranno di mettere in bacheca il trofeo del Torneo Apertura.
Iniziamo dai campioni in carica. Lo Zamora dell’italo-venezuelano Francesco Stifano ha perso i gioiellini Yeferson Soteldo ceduto ai cileni del Huachipato e Yordan Osorio volato in Portogallo per difendere la casacca del Tondela, ma nella ciudad marquesa sono arrivati Jorge Ignacio Serrano e Juan Falcón rientrato dopo l’esperienza nel campionato svizzero. La squadra allenata dal mister di origine campana ha tutte le carte in regola per bissare il successo della passata stagione e disputare da protagonista la Coppa Libertadores dove sfiderá Gremio (Brasile), Guaraní (Paraguay) e Deportes Iquique (Cile).
Alle sue spalle lo Zulia, la squadra rivelazione della passata stagione in questo Torneo Apertura potrá schierare Juan Arango e Renny Vega. Oltre alle ex stelle della Vinotinto, Daniel Farias ha nella sua rosa l’ex bimbo prodigio Yohandry Orozco. A rappresentare la nostra collettivitá nella formazione lagunare ci saranno: Yefferson Savarino e Brayan Palmezano. Con la base dello scorso campionato e i nuovi innesti lo Zulia sogna in grande sia nel torneo locale che nella massima manifestazione dove se la vedrá con Chapecoense (Brasile), Nacional (Uruguay) e Lanús (Argentina).
Il Deportivo Táchira, ha sempre le carte in regola per puntare allo scudetto. La nuova giunta direttiva non ha badato a spese per rinforzare la squadra e vincere quel titolo che gli é sfuggito lo scorso campionato per un soffio. In panchina ci sarà Santiago ‘Sacchi’ Escobar ed avrá a disposizione calciatori come: Victor Aquino, Pedro Ramírez e Giovanny Romero che sono arrivati in questa finestra di calciomercato per rinforzare una rosa dove troviamo i veterani Jorge Rojas e l’italo-venezuelano Edgar Pérez Greco. In questo Torneo Aperura i gialloneri saranno impegnati su due fronti: Campionato e preliminari della Coppa Libertadores.
Se dici Caracas, pensi a scudetto o finale scudetto. Ma, nella Cota 905, sono piú di 6 anni che non si festeggia un título e per questo motivo é stato richiamato in panchina Noel Sanvicente. I capitolini hanno giocatori interessanti come Reiner Castro, Edder Farias e Freddys Arrieta. Nella rosa dei rojos del Ávila sono sei gli italo-venezuelani: Miguel Mea Vitali, Giacomo Di Giorgi, Daniel Saggiomo, Rafael Arce Gargano, Ruberth Quijada Fasciana, Gabriele Rosa e Maurizio Lazzaro.
Un’altra delle squadre che fa parte delle cosidette sette sorelle é il Deportivo La Guaira di Eduardo Saragó. Per questo Torneo Apertura, la formazione arancione si è rinforzata con gli innesti di: Alan Liebeskind, Manuel Granados, Roberto Tucker, Juan Azocar, Edwin Aguilar e César ‘maestrico’ González. In questa finestra di mercato é arrivato anche l’italo-venezuelano Francesco La Mantia che si somma alla piccola colonia italo-venezuelana nel Deportivo La Guaira dove già ci sono: Eduardo Saragò e Vicente Suanno.
Chiude il gruppo delle favorite, il Mineros che per arerivare fino in fondo ha portato a Puerto Ordaz l’argentino Juan Domingo Tolisano artefiche dell’ottimo Clausura disputato dal Carabobo. I neroazzurri si sono rinforzati con gli arrivi di Richard Blanco (al rientro dopo il prestito al Zamora), Rolando Escobar, Javi López, Francisco Flores e José Marrufo. Con una rosa da favola la societá spera di riportare la coppa a Cachamay.
Tra le outsider troviamo: Aragua, Atlético Socopó, Atlético Venezuela, Carabobo, Deportivo Anzoátegui, Deportivo Lara, Estudiantes de Mérida, JBL Zulia, Metropolitanos, Monagas, Portuguesa e Trujillanos.
L’Aragua che da questa stagione sará allenato dall’italo-venezuelano Antonio Franco ha una squadra giovane e la missione é qualificarsi nella zona competizioni internazionali. Il tecnico di origine abruzzese avrá come assistente José Ciccarelli, anche lui di origini italiche.
Il Deportivo Lara punta a disputare un’ottima stagione e piazzarsi in zona octagonal. Fanno parte della formazione barquisimetana gli italo-venezuelani: Riccardo Andreutti e Gabriel Cichero.
Dopo aver dominato a sorpresa il Torneo Clausura, la missione del Carabobo in questa stagione é entrare almeno in zona coppe, per questo motivo ha portato un tecnico di caratura internazionale: il boliviano Julio Baldivieso. La missione é giocare l’octagonal e superare il preliminare di Coppa Libertadores dove sfiderá i colombiani del Junior di Barranquilla.
L’Atlético Venezuela, che in questa stagione ha la motivazione di disputare la Coppa Sudamericana, punterá a bissare la performance della scorsa stagione quando ha sfiorato la finale scudetto. Il tecnico incaricato di condurre le sorti degli azzurri é l’argentino Ignacio González.
Il Deportivo Anzoátegui, che ha vissuto una stagione altalenante spera che questo 2017 sia l’anno della consacrazione e che gli hinchas orientali possano vivere delle giornate di gloria.
Il Monagas, che é stato uno dei protagonisti dell’octagonal del Torneo Clausura spera di vivere una stagione tranquilla: la prima meta la salvezza, se poi arriva un posto nel gruppo degli otto sará ben ricevuto.
Con l’argentino Juan Cruz come nuovo allenatore, l’Estudiantes de Mérida spera di dormire sogni tranquilli lontani dalla zona retrocessione. Dal canto suo, il Trujillanos ha il morale alle stelle dopo aver conquistato la Coppa Bicentenario, torneo di precampionato dove hanno partecipato alcune delle big: una di queste lo Zamora di Stifano, battuto nella finale. Il Portuguesa, che sogna di vivere un campionato senza controllare la classifica ha effettuato degli acquisti puntuali che gli permettano di salvarsi.
Nella bagarre per non retrocedere ci saranno JBL Zulia e le neopromosse Metroplitanos ed Atlético Socopó.
Il menú é pronto, la stagione 2017 si preannuncia abbastanza competitiva e da vivere fino all’ultimo minuto. Squadre ed amanti del calcio sperano che i protagonisti siano i giocatori e non i tifosi con atti di violenza.
Il calendario della prima giornata ha in programma le seguenti gare: Zulia-Estudiantes de Mérida (sabato alle 15), Deportivo La Guaira-Atletico Socopó (17:00) e Deportivo Lara-JBL Zulia (17:00). Il primo turno si completerá domenica con: Atlético Venezuela-Metropolitanos (11:00), Trujillanos-Deportivo Anzoátegui (15:00), Monagas-Caracas (17:00) e Zamora-Aragua (18:00).
Le gare Deportivo Táchira-Portuguesa e Carabobo-Mineros sono state rinviate a causa degli impegni in Coppa Libertadores di gialloneri e granata.