Uruguay: finalmente si torna in campo, via con la 10a giornata. Nacional-Defensor e Fenix-Danubio sono il clou

Al centro Wilmar Valdez, nuovo capo della AUF (tenfield.com)
Al centro Wilmar Valdez, nuovo capo della AUF (tenfield.com)

Riparte la Primera Divsion uruguaiana, dopo il weekend di stop dovuto ai contrasti tra il Presidente della Repubblica Josè Mujica e l’ ormai ex numero 1 della AUF Sebastian Bauza. Quest’ ultimo infatti si è dimesso, al suo posto c’è ora Wilmar Valdez a comandare la Federazione calcistica. Le acque sembrano un pochino più calme adesso, e pare che la minaccia di Mujica di non far partecipare l’ Uruguay al Mondiale si risolverà in una bolla di sapone. Di sicuro bisogna sperare che i tifosi si comportino bene già a partire da questo fine settimana, evitando i soliti incidenti che hanno causato questo polverone.

Due in particolare i match che stuzzicano l’ interesse. Al Parque Capurro si affrontano il Fenix attuale capolista del Clausura e il Danubio campione del torneo d’ Apertura. Gli ospiti non possono permettersi di perdere, altrimenti vedrebbero svanire ogni possibilità di lottare per il primato. Leo Ramos schiera Martinones al posto di Fornaroli e confida nell’ ottimo stato di forma di Jonathan Alvez. Il tecnico del Fenix Juan Tejera può contare su Anibal Hernandez (sei reti finora per lui) e ha il dubbio tra il giovane Acosta oppure Maxi Callorda, per il resto formazione confermata. L’ Albivioleta non batte il Danubio da oltre tre anni e mai come oggi la possibilità di farcela è concreta. L’ altra sfida molto significativa è quella del Gran Parque Central tra il Club Nacional e il Defensor Sporting. Umori completamente contrapposti quelli delle due squadre. Il Tricolor ha fallito in Libertadores e l’ ultima gara contro il Gremio ha visto infortunarsi il difensore Andres Scotti, sarebbe una tegola pesante per mister Gerardo Pelusso la sua assenza. Sebastian Coates dovrebbe partire titolare, mentre in attacco Juan Mascia potrebbe prendere il posto di Ivan Alonso: El Terrible è in netto calo fisico e le sue reti mancano tantissimo al Nacional, che con soli 12 punti deve provare a vincere assolutamente. Sponda Defensor invece, l’ entusiasmo è alle stelle dopo il passaggio agli ottavi di Copa Libertadores, in cui la Violeta dovrà vedersela con i boliviani del The Strongest, cercando di tenere alto il nome dell’ Uruguay nel Continente. Giovedì la banda di Fernando Curutchet si richerà sull’ altura La Paz, dunque è immaginabile un minimo di turnover in vista della gara di campionato. Vedremo se De Arrascaeta, Gedoz e soci sapranno stupire ancora una volta.

Penarol e Nacional in cerca di rilancio, dopo una fallimentare Libertadores (ovaciondigital.com)
Penarol e Nacional in cerca di rilancio, dopo una fallimentare Libertadores (ovaciondigital.com)

Dietro al Fenix, c’ è la coppia formata da River Plate e Penarol con 17 punti. I Darseneros saranno ospiti della Juventud, quartultima nella Tabla del Descenso e a caccia di punti salvezza. I Penarolenses invece giocano al Centenario, contro un Sud America piazzato al terzultimo posto della Tabla e dunque bisognoso di strappare almeno un pari. Gli Aurinegros hanno concluso la loro catastrofica fase a gironi di Libertadores, pareggiando in casa contro l’ Anzoategui: hanno deluso le seconde linee schierate da Jorge Fossati, che avevano l’ occasione per mettersi in mostra. C’è tanta amarezza per aver disputato una pessima coppa (habitat naturale del Penarol fino a qualche tempo fa) e essere usciti contro avversari non certo imbattibili. Adesso spazio all’ undici titolare ed è obbligo arrivare al primo posto di questo campionato di Clausura.

Appena un punto dietro River e Penarol, troviamo in coabitazione Wanderers e Rentistas: i primi trascinati finora dal tandem Blanco-Pastorini, i secondi dal bomber Octavio Rivero, otto reti segnate dal talentuoso classe ’92. Sia Bohemios che Bichos Colorados giocheranno in trasferta, rispettivamente contro il Miramar (ultimo schiantato) e l’ ormai tranquillo Liverpool di Chevanton. Infine la partita dell’ Estadio Luis Troccoli, in cui il CA Cerro (che ha ritrovato i goal di Romario Acuna) cerca contro El Tanque Sisley gli ultimi punti utili a scongiurare il fantasma della retrocessione. Chiude la decima giornata la sfida tra Cerro Largo e Racing: Arachanes penultimi nella Tabla della Descenso e costretti a fare bottino pieno, attenzione dunque perchè i Racinguistas in caso di sconfitta potrebbero trovarsi risucchiati nella zona pericolosa.

PROGRAMMA 10a GIORNATA (ora italiana)

12/04 ore 21.00

Liverpool-Rentistas

12/04 ore 03.00

Penarol-Sud America

ore 15.30

Fenix-Danubio

ore 21.00

CA Cerro-El Tanque

Cerro Largo-Racing

Nacional-Defensor

Juventud-River Plate

Miramar-Wanderers

  • francesco

    il danubio ha vinto 2-1 giocando in 10 dal 27′!! ora se vincono il river plate e il defensor ci saranno 5 squadre in 2 punti.. cmq il sistema del campionato uruguaiano è proprio contorto.. ma perchè devono rendere tutto cosi inutilmente complicato!! chi vince l’apertura gioca contro chi vince il clausura e chi passa gioca contro chi ha vinto la classifica annuale :/ allora era meglio fare un torneo annuale e basta

  • giovanni

    Si hai ragione Francesco, però se la squadra che vince l’apertura è la stessa che vince il clausura automaticamente si proclama campione,
    oppure che una squadra che ha vinto la classifica annuale ha già vinto il clausura o l’apertura
    gioca solo contro la vincente dell’altro torneo corto, effettivamente che casino!
    Per me il miglior campionato sudamericano è quello brasiliano lungo stile europeo così dovrebbero essere tutti non ci sarebbe disparità in campo continentale, insomma la legge deve essere uguale per tutti e non due pesi e due misure.