Uruguay, 9a giornata: Rentistas-Wanderers è il clou. Fenix e River tentano la fuga

Comincia questa sera a mezzanotte (ora italiana) il nono turno di Clausura uruguayana. Ad aprire le danza sarà l’ anticipo del Luis Franzini tra Defensor Sporting e Racing, questo perchè la Violeta sarà protagonista nuovamente mercoledì in Copa Libertadores, sul campo dei peruviani del Real Garcilaso. Pochi i cambiamenti nell’ undici di mister Curutchet, non sarà semplice fare propri i tre punti contro un Racing in striscia positiva da cinque gare. Le due capolista, Fenix e River, non possono permettersi passi falsi vista la classifica corta e il Danubio che insegue a due punti di distacco: per il Fenix di Juan Tejera l’ impegno in casa della Juventud rappresenta una scoglio non impossibile da superare, mentre è assai più complicato per il River Plate il match contro il Rentistas di Adolfo Baran. I Riverplatenses si presentano al Complejo Rentistas con due soli assenti, ovvero Jonathan Ramirez e Hamilton Pereira, faranno il loro ingresso nella formazione titolare Claudio Inella e Leandro Rodriguez; due cambi anche nei padroni di casa: assenti Cafù Barbosa e Miguel Marquez, al loro posto Marcelo Lacerda e Gonzalo Bazallo. La sfida che si prospetta più elettrizzante è senza dubbio quella del Parque Viera, in cui si daranno battaglia il Wanderers (13 punti) e il Danubio (terzo con 15). I Bohemios vogliono ben figurare davanti i propri tifosi, il DT Alfred Arias può sorridere per il rientro del laterale Maxi Olivera, spazio ancora al giovane Kevin Ramirez, solito tandem offensivo Pastorini-Blanco. Il Danu invece apporterà alcune modifiche, dopo l’ ultimo allenamento svolto al Complejo de la Ruta 101: mister Leo Ramos rimpiazza Zambrana col giovane Gaston Faber, assenti Canobbio e Cotugno, chance per Fornaroli e Jadson Viera.

Veniamo alle due grandi di Montevideo. Entrambe hanno salutato la Copa Libertadores, deludente e sfortunata l’ esperienza per i due equipos uruguayani, che non sono riusciti a tenere alta la propria tradizione storica a livello internazionale. A questo punto diventa obbligatorio tornare protagonisti in Primera Division, anche per calmare gli animi degli aficionados delusi da questa situazione. Il Penarol, sulla carta, dovrebbe aver vita facile contro il Miramar già praticamente retrocesso; mister Jorge Fossati deve ancora definire la formazione titolare e ha tenuto a colloquio la squadra nella rifinitura al campo de Los Armos, fissando come obiettivo la risalita verso il primo posto in campionato.

Per quel che concerne il Nacional, i ragazzi di Gerardo Pelusso devono tornare al successo contro il Liverpool, altra gara che si giocherà all’ Estadio Franzini. I Negriazules non fanno bottino pieno da tre turni, battere il Nacional sarebbe un’ iniezione di fiducia significativa per la compagine del Lolo Favaro, che chiederà ai suoi uno sforzo particolare volendo festeggiare al meglio i 51 anni appena compiuti dal tecnico. Torna titolare Chevanton al fianco di Rodrigo Aguirre, ballottaggio in difesa tra Sanguinetti e Almeida. Nel Nacional le acque sono a dir poco agitate, anche se la squadra (nonostante la sconfitta) ha mostrato segnali di ripresa mercoledì nella sfida contro il Newells Old Boys. Don Pelu difende i suoi e smentisce presunte voci riguardo alcune liti nello spogliatoio: “non esistono problemi tra i miei calciatori, mi prendo la responsabilità di smentire queste dicerie. Stiamo vivendo una crisi, normale che ci siano dei confronti all’ interno del gruppo ma ai nostri tifosi assicuro che la squadra è viva e pronta a lottare”. La buona notizia per il Bolso uruguagio è che Coates sembra finalmente ristabilito, mentre sono in dubbio De los Santos e Nacho Gonzalez. Probabile che per sconfiggere il Liverpool ci si affidi alla coppia Ivan Alonso e Juan Mascia, autore di una superba prestazione contro il Newells.

Infine due i match chiave per quanto riguarda la Tabla del Descenso e quindi la salvezza. Al Luis Troccoli il Club Atletico Cerro attende il Cerro Largo, sfida che riguarda anche i due bomber Hector Acuna e Leonardo Rivero. In caso di vittoria i Villeros staccherebbero di otto lunghezze gli avversari e metterebbero un tassello decisivo per salvarsi, lasciando gli Arachanes al terzultimo posto. Penultimo della Tabla è invece il Sud America, il match casalingo contro il Tanque è una sorta di ultima spiaggia per gli uomini di Alejandro Apud.