Tutte qualificate agli ottavi di finale le squadre sudamericane

Gonzalo Huguain, bomber dell'Argentina
Gonzalo Huguain (cbc.ca, Clive Brunskill/Getty Images)

Sono terminati i gironi ai Mondiali in Sudafrica ed il risultato delle squadre sudamericane è sensazionale: tutte e cinque le formazioni – Argentina, Brasile, Uruguay, Paraguay e Cile – si sono qualificate per la fase successiva. Inoltre, a parte il Cile che è stato superato in classifica dalla Spagna dopo lo scontro diretto della terza giornata, tutte le altre squadre sono arrivate prime nel proprio girone.  Se per Brasile e Argentina si trattava di un risultato “obbligatorio”, altrettanto non poteva dirsi per Uruguay e Paraguay, che avevano avversarie sulla carta difficili, ma rivelatesi poi le clamorose delusioni di questi campionati del mondo 2010: Francia e Italia.

Squadra per squadra, vediamo cosa è successo nella terza ed ultima giornata dei gironi.

Argentina: la squadra di Maradona ha avuto la meglio sulla Grecia per 2-0 con gol di Demichelis e Palermo, subentrato 10 minuti prima al posto di Diego  Milito. Buona la prova della formazione albiceleste, che ha avuto però ancora una volta bisogno di un difensore per sbloccare la partita. Dopo il gol di Heinze nella gara di esordio contro la Nigeria, quello di Demichelis, che in mischia su calcio d’angolo si è trovato nella posizione giusta per battere a rete. Negli ultimissimi minuti, Martin Palermo ha fissato il risultato sul 2-0. A riposo il capocannoniere Higuain, autore di una tripletta alla seconda giornata. L’Argentina chiude il girone a punteggio pieno: sfrenata esultanza di Maradona al fischio finale. L’Argentina se la vedrà negli ottavi di finale contro il Messico.

Brasile: nell’ultima sfida, il Brasile ed il Portogallo non si sono fatte male, ed hanno cosi pareggiato per 0-0 una partita noiosa, con tanto di fischi dei tifosi. Il Brasile vince il proprio girone con concretezza. Negli ottavi di finale, il Brasile di Dunga se la vedrà con il Cile di Bielsa, squadra ostica che anche in 10 contro la Spagna è riuscita giocarsela ad armi pari.

Cile: già, il Cile si piega alla Spagna, una delle principali favorite alla vittoria finale, e giocando in 10 per più di un tempo, ma quando Estrada è stato espulso per somma di ammonizioni, Iniesta aveva appena segnato il secondo gol, dopo quello di David Villa al 24′. Ad inizio ripresa però un gol di Millar ha riaperto il match, che è stato molto combattuto, fino ai 10 minuti finali: a quel punto, qualcosa è scattato nella testa dei giocatori in campo, ed hanno praticamente smesso di giocare, trotterellando in mezzo al campo e passandosi la palla come se fosse un riscaldamento. Il Cile sarà comunque una squadra difficile per il Brasile, e l’esito non è necessariamente scontato.

Paraguay: il Paraguay porta a casa un tranquillo pareggio contro la Nuova Zelanda, e si qualifica prima nel proprio girone, che ha visto la clamorosa disfatta dell’Italia, classificatasi addirittura al quarto posto. Il Paraguay andrà a sfidare negli ottavi il Giappone, una delle squadre rivelazione di questi mondiali.

Uruguay: con un gol di Suarez, l’Uruguay di Tabarez ha piegato il Messico, vincendo così il proprio girone. La attenderà negli ottavi di finale l’altra squadra asiatica rivelazione: la Corea del sud, capace di prendersi il secondo posto alle spalle dell’Argentina davanti a Nigeria e Grecia.  Uruguay – Corea del sud sarà il primo degli ottavi di finale ad essere giocato, il 26 giugno alle 16.

sulla carta sulla carta