Tre vittorie interne di misura nella notte di Libertadores

L'Union Espanola in festa - foto Anfp.cl
L'Union Espanola in festa - foto Anfp.cl

Verdetti ancora in bilico dopo le tre gare di andata del turno preliminare di Copa Libertadores giocati nella notte: i brasiliani dell’Internacional hanno superato 1-0 l’Once Caldas, il Flamengo è caduto a sorpresa per 2 a 1 sul campo del Real Potosì e i cileni dell’Union Espanola hanno battuto 1-0 i Tigres.

INTERNACIONAL-ONCE CALDAS 1-0 (1-0: 12′ Leandro Damião)

Sfida di lusso per un preliminare di Copa, vinto dai brasiliani di misura ma ancora ampiamente in bilico. L’obiettivo degli ospiti era limitare i danni in terra straniera per sfruttare il fattore campo al ritorno, e ci sono (più o meno) riusciti: solo un gol, quello di Damiao, ottimamente servito da Andrés Dalessandro (sempre più tentato dalle offerte cinesi: forse non ci sarà già più al ritorno!). La rete in avvio sembrava essere l’inizio di una sfida dalle tante realizzazioni, invece i paraguagi con il loro possesso di palla hanno saputo rallentare il ritmo e congelare il risultato.  Qualche occasione per gli ospiti c’è stata (sui piedi di Jhon Freddy Pajoy e Guillermo Beltrán), ma il verdetto è rimandato al ritorno.

REAL POTOSI’-FLAMENGO 2-1 (0-1: 30′ Luiz Antonio, 1-1: 32′ C. Centurión, 2-1: 58′ E. Brittes)

La sorpresa più grande della notte è sicuramente il successo in rimonta dei boliviani contro il grande Flamengo. Con la crisi societaria e gli attriti tra il tecnico Luxemburgo e Ronaldinho rientrati (Dinho era in campo), sembrava che i brasiliani potessero farcela facilmente, specie dopo il gol del vantaggio segnato da Luiz Antonio alla mezz’ora. Sembrava fatta, e invece dopo pochi secondi un gran colpo di testa del paraguagio Claudio Centurión ha rimesso le cose in parità. I 4.000 metri di altitudine dello stadio si sono fatti sentire sulle gambe di un brutto Flamengo, che a inizio ripresa ha subito anche il secondo gol per merito di Edgardo Brittes. La reazione brasiliana si è affievolita con il passare dei minuti: i pronostici per il ritorno a Rio dicono comunque Flamengo, ma guai a sottovalutare (ancora) la squadra boliviana!

UNION ESPANOLA – TIGRES 1-0 (1-0: 58′ Gonzalo Barriga)

Il primo tempo è stato dominato dai messicani, che hanno avuto occasioni su occasioni in particolare con Emmanuel Cerda e Alan Pulido, ben fermati dal portiere cileno Eduardo Lobos. Nonostante la scelta di mettere in campo alcune seconde linee, i Tigres hanno rischiato di tornare a casa con il bottino pieno: dopo un inizio remissivo, però, i cileni si sono un po’ ripresi e con l’ingresso di Emanuel Herrera e Mauro Díaz le cose sono cambiate. La svolta al 13′ del secondo tempo, quando Gonzalo Barriga è riuscito a sbloccare il risultato con un colpo di testa. I giovani messicani non sono riusciti più a riprendersi, ma hanno limitato i danni. L’impressione è che al ritorno a Monterey, con l’undici titolare, i Tigres possano tranquillamente ribaltare il risultato.