Tevez è incontenibile, il Boca Juniors vince il Superclasíco

Carlos Tevez ha ancora una volta preso il Boca Juniors sulle sue spalle, portandolo ad espugnare il “Monumental” in un Superclasíco incredibilmente bello (visti gli altri derby recenti, non ci eravamo più abituati).
L’Apache prima serve a Bou la palla del vantaggio, poi mette dentro la doppietta – e che doppietta – decisiva.
Questo giocatore ha una capacità di trascinare la squadra impressionante. D’altronde sia alla Juve che al Manchester City si era già visto di cosa fosse capace.
Tutti si augurano che alla fine non vada in Cina, perché la Primera Division perderebbe senza dubbio il suo giocatore da copertina.
 
Sul match però c’è altro da dire: il River Plate ha gestito male i momenti chiave, e non l’ha chiusa quando era avanti 2-1. Lasciare in partita questo Boca è come giocare ad un casino online senza conoscerne le regole. E, alla fine, la paghi.
Tra le (poche) note positive in casa millonaria c’è senza dubbio Driussi, ormai pronto per provare il salto nel calcio europeo. Il ragazzino è maturato molto nell’ultimo anno e ha trovato continuità di prestazione.
Il Boca ha avuto dalla sua anche una scelta più ampia di pedine da muovere durante il match; con il River stanco, Centurion ha devastato l’avversario tra le linee dando una buona alternativa a Bou. Giocare senza riferimenti offensivi contro una difesa senza gente veloce, è stato probabilmente il fattore decisivo che ha fatto pendere la partita verso la causa xeneize.
CADE L’ESTUDIANTES – Il Boca Juniors è anche la capolista del campionato vista la contemporanea sconfitta dell’Estudiantes sul campo del San Martín. A San Juan il Pincha perde 3-2, e viene raggiunto in classifica dal San Lorenzo, bravo a sbarazzarsi sabato dell’Union. Al quarto posto sale il Lanus, corsaro 2-1 sul campo del Rosario Central.