Sudamericano sub20 – Sei gol al Perù, l’Argentina torna a vincere. Goleada Ecuador sulla Bolivia, Cevallos protagonista

download

Sei gol per dimenticare il Paraguay. L’Argentina demolisce il Perù nella terza partita del Gruppo A di un Sudamericano sub20 fino ad oggi molto interessante. Il 6-2 rifilato alla Franja non è però frutto solo della predominanza tecnica argentina, perchè se è vero che Corréa e compagni sono entrati in campo con uno spirito più combattivo, è anche vero che i primi quattro gol sono stati gentile concessione di una retroguardia peruviana da film horror.

HORROR PERU’ SHOW – Finire il primo tempo sotto di quattro reti, tutte subite per colpa tua, non è il massimo. Per questo il Perù esce con le ossa rotte da una partita che alla vigilia rappresentava un’ottima occasione per dare continuità alla bella vittoria con l’Ecuador. In quell’occasione però la retroguardia di Victor Rivera aveva funzionato bene, mentre ieri il black out è stato totale. E i gol lo testimoniano; i primi due sono autoreti marchiane, con il portiere Prieto colpevole numero uno (a proposito, ma Grados perchè scalda la panchina?) che prima si fa passare la palla sotto le gambe su un innocuo retropassaggio e poi rimane impalato su una leggera deviazione di un compagno che lo batte per il gol dello 0-2. Due svarioni della (pessima) coppia centrale Abram – Bernaola completano l’opera, e permettono a Corréa e Simeone – bravo a sfruttare l’assist di un ispirato Martinez – di chiudere la gara con un tempo d’anticipo. Nella ripresa il Perù parte in quarta, cosciente del fatto di non aver più nulla da perdere, e dopo un paio di occasioni sprecate di testa trova la via della rete con Gonzalez-Vigil e – ancora una volta – Beto Da Silva, entrambi in gol con una zampata che non lascia scampo a Batalla. La pur apprezzabile reazione non basta però, perchè la difesa non è proprio in serata e sull’ennesimo errore arriva la prima rete di Leonardo Suarez in questo torneo. Infine, tocca ancora a Simeone sentenziare il povero Prieto: quarto gol in tre partite per il Cholíto, candidato numero uno alla vittoria della classifica dei cannonieri.

ECUADOR A VALANGA – “Mi aspettavo una reazione importante dai ragazzi e l’ho avuta. Ora testa al Paraguay dove non potremo fallire”. Parole sensate ed equilibrate quelle di Sixto Vizuete, tecnico dell’Ecuador che nel secondo match di serata strapazza la malcapitata Bolivia con un rotondo 5-0. La Trí se la giocherà con il Perù, in un testa a testa per il terzo posto. Gli andìni sono però avvantaggiati sulla carta, avendo una partita in più da giocare, e avendo vinto lo scontro diretto. Nel frattempo è inutile fare calcoli, visto che l’Ecuador ha dato risposte importanti contro una Bolivia poco incisiva, trascinato ancora da José Cevallos che – dopo una prima mezz’ora passata a studiare l’avversario – colpisce due volte la Verde con un paio di suoi numeri d’alta scuola. Nella ripresa arrivano le reti che arrotondano il risultato finale, tutte realizzate sfruttando la grande mole di gioco che questa Trí sviluppa sulle fasce. Da una discesa di Mercado sulla sinistra nasce il 3-0 di Burbano, uno degli elementi più interessanti di questa selezione, mentre la doppietta finale di Parrales è frutto anche di due disimpegni non proprio convenzionali della difesa boliviana. “La prestazione mi ha convinto sotto il piano dell’aggressività e del cinismo – ha concluso Vizuete – ora dobbiamo diventare più squadra dal punto di vista del gioco”.

CLASSIFICA GRUPPO A
Paraguay 6 (2)
Argentina 6 (3)
Perù 3 (2)
Ecuador 3 (3)
Bolivia 0 (2)

  • giovanni

    Nella storia del Sudamericano sub-20 si era registrato solo una volta il risultato di 6-2
    e bisogna risalire all’edizione di Argentina 1989
    Paraguay – Venezuela 6-2
    Mentre nel Sudamericano 2005 in Colombia c’è un precedente storico importante
    Argentina – Peru 6-0 (5 gol già nel primo tempo).
    Attualmente Bolivia e Peru a livello giovanile lottano più che altro per evitare di essere la Cenerentola del continente,
    i peruviani dal punto di vista tecnico mi sembrano peggiori dei boliviani, commettono errori pazzeschi non solo tattici ma anche individuali da calcio dilettantistico basta analizzare i gol di ieri.

    Primo gol da qualche parte hanno attribuito l’autorete a Perleche com’è possibile
    se appoggia semplicemente la palla di petto al portiere Prieto
    che forse non conosce il regolamento perchè non la prende con le mani?
    Si distrae e se la butta dentro ma se sta in campo a cosa pensa alla ragazza fuori che l’aspetta o a chi,
    un’ora prima a Colonia c’era stata una pioggia torrenziale ha sottovalutato che la palla avrebbe acquistato più velocità sul terreno, al limite poteva rinviare lungo senza pensarci su ma lui con la mente era altrove, completamente si addormenta, avrà riposato poco la sera prima della partita chissà, cose da pazzi,
    Papera versione Chiquito Flores che in Peru conoscono bene e anche gli amici di striscia lo striscione.

    Secondo gol da dove nasce vediamo un pò ,
    Cossio, che non è Roberto Carlos, vuole fare il fenomeno dribblando sulla fascia difensiva anzichè liberarsi del pallone lo perde ingenuamente ed è costretto a commettere fallo da cui sulla seguente punizione nascerà l’autogol di Bernaola che sbaglia il tempo nel saltare di testa buttandosi appunto la palla in rete.

    Terzo gol liscio horror in area di Abram, a differenza di Bernaola ,
    qui parliamo di un centrale titolare nel suo club Sporting Cristal ha vinto il campionato, se con la sub-20 commette errori colossali figuriamoci cosa combinerà in Libertadores non oso immaginare.
    Completa lo show Prieto che si lascia passare la palla sotto le gambe sulla conclusione di Correa.

    Sul 3-0 entra Da Silva ed esce Ugarriza il meno colpevole a sette minuti dall’intervallo che senso ha?
    Eventualmente avrei cambiato il portiere ormai già in tilt dal punto di vista mentale.
    Grados della produttiva cantera Sporting Cristal non gioca perchè nelle amichevoli di preparazione al torneo era apparso incerto e Valladares male ai Giochi Bolivariani è stato scavalcato da Prieto reduce dall’esperienza fallimentare in Spagna,
    rimane il 3° portiere Karlo Sanchez solo perchè gioca discretamente nelle serie B peruviana non gode di particolare fiducia da parte del ct Rivera ma tra un portiere di Segunda e uno che NON gioca in Primera se non nella squadra riserve non credo poi ci sia tanta differenza, siamo lì.

    Nel quarto gol Sergio Pena il capitano simbolo milita in Granada B in cui gioca male e con poca continuità pensate un pò avrebbe potuto scegliere Udine
    gli hanno dato la facoltà di decidere a lui da quanto ho capito,
    ebbene si avventura in un retropassaggio rischioso a difesa scoperta e impreparata e puff ha origine così il gol di Simeone.

    Nella ripresa la musica non cambia o forse sì.
    Aquino viene graziato dall’arbitro per un’entrata da criminale evita il cartellino rosso e si becca solo un giallo generoso.

    Argentina evidentemente con la testa già alla partita successiva nell’arco di un minuto circa regala 2 gol ai peruviani,
    retropassaggio da censura di Rolon , ragazzi MAI passare la palla dietro è rischioso è un concetto di base, se non si sa proprio cosa voler fare della sfera la si spazza in fallo laterale o per ultima ipotesi in calcio d’angolo.
    La difesa così ha il tempo di organizzarsi e schierarsi meglio, vi pare?

    L’altro gol peruviano,
    il nuovo entrato Bareiro si addormenta perde palla e Pena può servire Da Silva per dimezzare il punteggio.

    Quinto gol Cossio tanto per variare lui che dovrà sostituire nel suo club indovinate quale Sporting Cristal e vai ossia Yotun che ha firmato per gli svedesi di Malmoe vedremo quanto durerà la sua avventura,
    ebbene colpisce la palla debolmente in mezzo all’area favorendo la stoccata di Suarez.

    Sesto gol difesa schierata male Perleche forse l’unico che poteva strappare la sufficienza piena fino ad allora lascia scoperta la fascia destra dove non c’è più Ugarriza come detto a dargli una mano, Pena non corre e non si sacrifica idem Aquino anche lui di Sporting Cristal,
    quando Driussi cambia gioco per Suarez in ritardo Perleche vuole andare in chiusura i centrali si dimenticano di Simeone il migliore in campo che di testa indisturbato firma la sua doppietta personale e inoltre per un fallo da rigore commesso su di lui da Garces non sanzionato dall’arbitro avrebbe potuto realizzare una tripletta forse presentandosi dal dischetto.

    Fine delle trasmissioni.

    Argentina non si è stancata affatto,tutti a segno avversari compresi a dargli una mano,
    è mancato il nome di Driussi sul tabellino dei marcatori.
    Peru un disastro,
    Rivera dovrà fare un lavoro psicologico dopo questa batosta pesante,
    io al suo posto toglierei
    Prieto, Abram, Cossio, Aquino,Pena
    dentro Sanchez. Duclos (o Reategui), Zurek (o Duclos), Da Silva
    e cambio di modulo dal 4-2-3-1
    al 4-4-2(o 4-3-3) dipende dai movimenti di Ugarriza.
    Darei una chance da titolare a Vigil uno dei pochi a salvarsi per impegno oltre al gol
    anche se situazione facile per lui sul 4-0,
    Succar abbiamo visto non è un lottatore, poi isolato davanti non è agevolato,
    soltanto finalizza soprattutto a porta spalancata.

    Sull’altra partita c’è poco da dire.
    Ecuador ha vinto facile e a differenza di Paraguay non ha subito nemmeno un gol dai boliviani,
    le sconfitte contro Peru e Argentina forse non meritate nella forma
    hanno caricato il gruppo.
    Bella la doppietta di Cevallos giocatore da seguire che ha i tempi di inserimento
    scartato dalla Primavera bianconera forse perchè tendeva ad estraniarsi dal gioco ma se trova continuità di rendimento potrebbe avere una carriera più brillante di Noboa altro calciatore ben dotato tecnicamente più regista mentre Cevallos trequartista nel 4-2-3-1 di Vizuete agisce in mezzo dietro la punta Parrales con Burbano a destra e Mercado a sinistra anche loro tra i migliori in campo,
    bellissima la rete del gol di Burbano da manuale del calcio 10 tocchi senza interruzione
    con tacco incluso di Cevallos,
    si sveglia anche il centravanti Parrales con una doppietta seppur con la complicità del portiere Rojas e il solito inutile passaggio all’indietro, ahi che brutto vizio!
    Complimenti a Vizuete che ha avuto l’accortezza di cambiare modulo
    dal 4-4-2 che non aveva funzionato e passare al più produttivo in questo caso 4-2-3-1,
    al posto dei terzini Corozo e Chala ha lanciato Realpe e Johnson, a centrocampo la novità Quiroz.

    Stanotte si torna nel gruppo più duro a mio avviso
    Colombia- Venezuela
    e soprattutto
    Uruguay-Cile tutto da gustare.

    Bye bye!

  • giovanni

    Ho invertito le partite di stanotte sorry

    Cile-Colombia
    e poi
    Brasile-Venezuela

  • Lorenzo

    Onestamente: pessima Argentina. 6 gol frutto del caso. Male in difesa senza Monteseirin e Compagnucci. Non lo vince questo Sudamericano se gioca cosi.

  • giovanni

    La prima fase non è attendibile fino in fondo.
    Nel girone A finora si sono realizzati 24 gol in 5 partite
    mentre nel girone B 8 gol in 4 partite,
    c’è qualcosa di squilibrio come si può osservare.
    Da notare invece un dato curioso, nel Sudamericano 2013 Cile e Peru terminarono
    prime nei rispettivi gironi i cileni con il doppio dei punti sui colombiani e quasi il doppio sui peruviani facendo il confronto a distanza,
    ma nell’esagonale lottarono addirittura per il quarto posto utile a qualificarsi ai Mondiali di categoria, alla fine avanzò Cile che proprio contro Peru aveva a disposizione 2 risultati su 3,
    terminò infatti con un pareggio e Peru rimase a casa come consuetudine.
    Nel Sudamericano 2011 Uruguay nella fase a gironi totalizzò appena 4 punti ma nell’esagonale finale terminò secondo con 10 punti ossia 2 punti in meno dei brasiliani.
    Per ora Bolivia e Peru sono le uniche nazionali sub-20 che non si sono mai qualificate ai Mondiali.

  • Francesco Madeo

    Non riesco più a trovare la discussione in cui avevo chiesto info sul torneo e sulla possibile assegnazione del Mondiale 2030 all’Uruguay…
    Comunque mi pare di aver azzeccato i pronostici: Uruguay è la squadra migliore fino a oggi (ho visto la partita contro il Brasile: dominio assoluto dei padroni di casa, il centrale Lemos sembrava Godin, questo Brasile non soltanto mi sembra troppo “leggero” per tentare di vincere il Sub 20 ma se continua a giocare così rischia di non qualificarsi al Mondiale (per me Uruguay, Argentina e Colombia sono decisamente superiori).
    Peru è a un passo dalla qualificazione. Preciso che alla vigilia del Sub 20 avevo indicato questa nazionale come possibile rivelazione per alcuni motivi: 1) è la squadra che ha disputato più partite di preparazione a questo torneo; 2) è arrivata in Uruguay prima delle altre; 3) ha beneficiato del calendario favorevole (grazie al riposo nella gara iniziale è arrivato al top nella sfida fin qui decisiva contro Ecuador). Non bisogna gettare la croce sul portiere perché contro la Bolivia ha salvato la vittoria all’89°, se il Paraguay non avesse perso a pochi minuti dalla fine oggi Peru sarebbe già qualificato. Nell’ultimo turno sfida Paraguay-Peru: chi perde va fuori in favore dell’Ecuador, con un pari entrambe promosse a braccetto. Come si dice “biscotto” dalle parti di Quito?

  • giovanni

    Ciao Francesco Madeo, complimenti per i pronostici probabilmente azzeccati
    Uruguay ok,
    ma Peru come possibile rivelazione pensavo ti riferissi nel riuscire a qualificarsi ai prossimi Mondiali sub -20.
    Hai visto quanta fatica per battere i boliviani o no?
    Più che bravura direi fortuna, se Peru passa all’esagonale per me termina a zero punti felice di essere smentito.
    Per quanto riguarda i motivi che elenchi non mi sembrano alquanto validi,
    se fosse così beh allora Peru dovrebbe vincere a mani basse il torneo sudamericano o come minimo qualificarsi ai Mondiali di categoria ma non credo ci riuscirà:

    1) non conosco il numero preciso di partite amichevoli che hanno disputato tutte le nazionali ma non è SOLO il numero di amichevoli se non anche la qualità che forma una buona preparazione di base, inoltre bisogna vedere anche quanto tempo il gruppo si è allenato insieme e mi sembra che i calciatori della nazionale sub -20 boliviana hanno avuto pochi mesi a disposizione rispetto alle altre e il ct Chacior l’ha sottolineato ciò in conferenza stampa
    però in campo la differenza di valori tecnici tra Bolivia e Peru non si è notata anzi,
    Peru deve ringraziare il suo portiere seppur insicuro nelle uscite ma attento tra i pali stavolta.
    Nel calcio non si avanti con i “se”, purtroppo questa è la mentalità errata e allo stesso tempo arretrata dei peruviani che vivono solo del passato, tu forse mi sbaglio sei più simpatizzante di Peru che Ecuador,
    allora copiando il tuo ragionamento ti dirò
    se Bolivia non avesse sciupato le occasioni:
    gol divorato da Carrasco solo davanti alla porta prima della rete di Da Silva
    e poi salvataggio sulla linea di Cossio ad evitare il pareggio,
    ora Peru per accedere all’esagonale dovrebbe battere Paraguay e invece…
    ah e perchè minimizzare la vittoria meritata di Ecuador non ha rubato nulla,
    le partite durano 90′ minuti più recupero perchè arrendersi per un gol incassato e gettare subito la spugna?
    Se Uruguay segna un gol all’ultimo minuto si parla di “garra charrua”,
    se Ecuador vince a pochi minuti dalla fine non vale.
    Ecaudor non è tra le tue nazionali preferite ci sta eppure la stampa locale lì portò avanti una battaglia a te tanto cara quella contro i giocatori “naturalizzati” come ricorderai forse il mio messaggio all’epoca non l’hai letto non importa.
    Vabbè dai te la passo per buona se sei simpatizzante della nazionale uruguaiana almeno loro sono vincenti per natura e non falliti o poco professionali come il calciatore medio peruviano;

    2) arrivare prima in Uruguay non vedo quanto sia influente,
    beh allora Prieto conoscendo già a memoria il campo di Colonia non doveva commettere
    le papere contro gli argentini e sapendo anche che un’ora prima della partita c’era stata una pioggia torrenziale,
    ti pare?
    Troppo riduttivo così.

    3) Calendario favorevole vero, girone più morbido rispetto all’altro definito “grupo de la muerte”
    ma Peru ancora non è qualificato e quanta sofferenza nonostante il calendario agevole,
    a proposito tu eri favorevole a questo sistema anche in ottica qualificazioni ai Mondiali dei “grandi”, a me sinceramente questo format non piace, vedere una nazionale riposare mentre le altre giocano questo succede perchè i gironi sono di numero dispari
    è un pò penalizzante per le altre vedi Ecuador
    e come hai notato anche per i cileni che riposeranno solo a torneo concluso per loro.

    Parlì già di biscotto,
    ti piace vincere facile il tuo pronostico eh..?
    Così non vale però !
    Se dai per scontato il pareggio tra Peru e Paraguay che senso ha vedere la partita?
    Io invece spero nella vittoria di una delle due e che vinca il migliore,
    perchè sono un vero sportivo e mi vanto di esserlo.
    Se termina in pareggio bisogna osservare bene la partita dal primo all’ultimo minuto se è stata “vera” fino in fondo
    altrimenti ritiro indietro i complimenti su Peru come possibile rivelazione
    definizione un pò precipitosa,
    per me è stata la più deludente delle partecipanti,
    al posto di Bolivia nel girone avrei voluto vedere Venezuela.
    Per un calcio regolare
    allora gli ecuadoregni purtroppo devono pagare i paraguaiani per giocare a vincere

    Per non dimenticare

    13/11/2014
    River Plate – Estudiantes 0-1

    Partita vera.
    Doveva essere biscotto e non lo fu anzi,
    Estudiantes doveva addirittura regalare la partita a River Plate secondo gli scommettitori
    per interessi di classifica,
    e invece per un una volta in Argentina seguirono
    l’esempio inglese dove lì giocano con più onestà e professionalità senza imbrogli.

    Viva il “futbol” serio!

    Buona giornata,
    con simpatia.

  • Francesco Madeo

    Premesso che non sono uno scommettitore, né ho antipatie o simpatie particolari per squadre o giocatori, considerando la statistica che hai postato sugli ultimi confronti tra Peru e Bolivia (che io non conoscevo) e la qualità dell’attuale Sub 20 peruviana (molto più debole rispetto a quella delle passate edizioni (2011 edizione disputata in Peru c’era un signor giocatore come Carrillo – oggi ha una clausola rescissoria da 35 mln di euro – oltre agli allora promettentissimi Callens, Cueva, Ascues e Arroé; 2013 con Yordy Reyna, Benavente, Andy Polo, Edison Flores e un giovanissimo Tapia), se Peru riesce a qualificarsi all’esagonale finale compirà una grande impresa. Nelle due sfide alla portata fin qui disputate (contro Ecuador e Bolivia) Peru ha meritato nettamente di vincere. Non gioca bene? Pensa al non-gioco della Grecia che addirittura vinse l’Europeo…
    Sull’argomento “biscotto”, non credo a un risultato concordato a tavolino, ma c’è da considerare che nessuna delle due squadre è qualificata e soprattutto che almeno una delle due dovrà disputare nei prossimi giorni altre 5 partite. Inoltre non c’è alcuna differenza tra il qualificarsi come 1°, 2° o 3°. Non credo quindi che sarà una partita combattuta, e se il risultato non dovesse sbloccarsi nel primo tempo, beh non mi stupirei della massima coniata da Buffon “meglio due feriti che un morto”. Non si tratta di sportività o meno, ma di realismo. Tutto il mondo è paese: l’Uefa praticamente ogni anno assegna il premio fair play alle federazioni scandinave, ma bisogna sempre ricordare quel famigerato 2-2 tra Svezia e Danimarca (con tanto di cori sugli spalti “2-2 nordic victory”) che eliminò l’Italia ad Euro 2004. Fra l’altro non so perché hai citato River-Estudiantes, in cui un risultato di parità non serviva a nessuna delle due squadre…

  • giovanni

    Ciao Francesco Madeo mi fa piacere che tu legga con attenzione quando puoi i messaggi che posto qui significa che segui con interesse il sito, qualcuno magari ti sarà sfuggito ci sta.
    Estudiantes altro che biscotto forse non mi sono spiegato, ci riprovo…
    all’epoca doveva addirittura perdere la partita e regalarla a River Plate per avere speranze di entrare in Libertadores le quote non a caso erano scese a favore dei padroni di casa, confronta la data scrissi anche un mio commento qui
    carta canta.
    Poi per il resto noto che abbiamo una concezione diversa di vedere il calcio,
    io mi dissocio dalle tue riflessioni rispetto la tua opinione ci mancherebbe anche se non la condivido,
    per es. tutto il mondo è paese?
    Ti sbagli, nel campionato inglese a fine campionato le squadre senza motivazioni giocano alla morte contro squadre che hanno obiettivi ancora da raggiungere, da noi (e non solo) c’è un’altra mentalità diversa e ci si meraviglia se a volte una partita che sa di biscotto possa saltare.
    Ti ricordi un Venezia-Bari 2-1 gol di un certo Tuta al 90′?
    I baresi a fine partita si volevano mangiare vivo il brasiliano colpevole di aver segnato mandando all’aria il tacito accordo di un pareggio tra due squadre impegnate nella salvezza in cui un punto per uno non faceva male a nessuno.

    Peru che si qualifica all’esagonale compirà una grande impresa ma sei sicuro di quello che dici … e se Peru si qualifica ai Mondiali sub-20 che impresa sarebbe?
    In realtà ti contraddici, tu non sostenevi che il girone B per intenderci quello con Uruguay,Colombia ecc, era più duro?

    Peru ha meritato “nettamente” di vincere contro Bolivia.
    Falso.
    La partita era aperta a qualsiasi risultato, sembrava un match di ping pong da una porta all’altra in cerca del gol,nessuna squadra ha avuto il dominio della gara.

    Ecuador ha meritato di vincere contro Bolivia 5-0

    Argentina ha meritato di vincere contro Peru 6-2

    Argentina ha meritato di vincere contro Ecuador 5-2

    Paraguay ha meritato di vincere contro Bolivia 4-2

    L’unica squadra che ha meritato di vincere “nettamente” TUTTE le partite è Uruguay
    e qui sì ti rinnovo i complimenti ma non su Peru almeno per ora.
    Lasci intendere che il risultato tra Peru e Paraguay già sia scritto non ho capito se finirà a reti bianche
    o una segna e poi l’altra pareggia solo tu lo sai,
    io spero in una partita onesta,
    purtroppo la soluzione “sporca” per avere una partita regolare è che gli ecuadoregni abbiano pagato profumatamente i paraguaiani per vincere,
    di Svezia e Danimarca sinceramente m’importa poco non guardo i cattivi esempi,
    no grazie.
    Non sminuire la vittoria agli Europei della nazionale greca, altrimenti va a finire che viene rivalutato anche il percorso di Costa Rica agli ultimi Mondiali e non mi sembra corretto, io mi tolgo il capello di fronte a gente di lottatori veri in campo a differenza dei peruviani.

    Un consiglio,
    non lasciarti sedurre nè ingannare dalla stampa peruviana che vende solo fumo,
    nessun calciatore peruviano è “promettentissimo”
    altrimenti Messi da giovane con quale aggettivo può essere descritto?

    La nazionale peruviana nel 2011 giocava in casa il Sudamericano sub-20 non si qualificò ai Mondiali non riuscì nemmeno ad entrare nell’esagonale
    Carrillo è un giocatore sopravvalutato nelle partite importanti fallisce
    si mangia i gol
    e la maglia della nazionale gli pesa
    sbaglia puntualmente l’ultimo passaggio
    gli tremano le gambe perchè tecnicamente limitato o ha bisogno di uno psicologo,
    la clausola di rescissione non ti sembra alta?
    Quale top club secondo te è disposto a fare una follia per ingaggiare un calciatore peruviano come Carrillo?
    Callens 22 anni ancora milita nella terza serie spagnola quando spicca il volo in campionati più importanti?
    Cueva era panchinaro nella U.Espanola, in Spagna da Rayo Vallecano l’hanno rispedito al mittente senza alcun rimpianto mestamente è tornato nella mediocre realtà peruviana dove neanche riesce ad imporsi con continuità,
    Ascues scartato da Benfica. Benfica B e Panetolikos
    rientrato anche lui con la coda tra le gambe nell’improvvisato e superficiale campionato peruviano,
    Arroe rispedito al mittente vedi Peru anche lui prima da Siena
    e poi da Braga non è mai esploso il ragazzo è spesso infortunato difficile possa emergere il suo presunto talento ho i miei dubbi sinceramente.

    La sub-20 peruviana del 2013 era più forte dell’attuale e di quella del 2011
    però non riuscì a qualificarsi ai Mondiali ha zero partecipazioni finora come Bolivia.
    Reyna era sul punto di rientrare mestamente in Peru, alla fine da Salisburgo dove non faceva la differenza nemmeno nella squadra riserve lo hanno prestato a questo sconosciuto Grodig di metà classifica,
    Benavente milita ancora nella terza serie spagnola dove non è titolare fisso,
    Polo il nuovo Eto’o a te piace se non sbaglio, scaricato dalla Primavera interista e bocciato dai colombiani di Millonarios.
    Flores definito addirittura il Messi peruviano arriva a Napoli così titolava qualche estate fa Tuttosport,
    da Villareal inclusa squadra B è tornato mestamente nel mediocre campionato peruviano
    anche lui con rendimento discontinuo.
    I giocatori peruviani fanno fatica ad imporsi perchè sono scarsi, altrimenti il loro talento verrebbe fuori hanno poca voglia di allenarsi e la maggior parte di loro frequenta donnine dello spettacolo di facili costumi e anche di pessimo gusto con “kinder sopresa” avendo già famiglia alle spalle vedi Deza a Montepellier dove già l’hanno scaricato, si parla di Alianza Lima squadra di giocatori riciclati.
    Infine Tapia trasformato centrocampista ma nell’ultima sub-20 giocava da difensore però gli rubò il posto
    un certo Ortiz che a Sporting Cristal ha ritrovato l’ex ct Ahmed che lo conosce bene ma nello scorso campionato l’ha utilizzato poco infatti quando è stato impiegato lasciava molto a desiderare, non a caso ora l’hanno mandato via a Cienciano sembra.
    Tapia non ha avuto il permesso dal suo club di partecipare a questo Sudamericano
    non capisco perchè se a Twente non gioca mai forse il tecnico lo ritiene il primo rincalzo in caso di necessità ma non è titolare.

    In bocca al lupo per stasera,
    e non avere vergogna a dire che hai una leggera simpatia per la nazionale peruviana
    e anche per River Plate hanno la stessa “camiseta” più o meno,
    scherzi a parte ognuno ha i propri gusti ci sta e massimo rispetto ci mancherebbe.
    Io sono per un calcio romantico che forse non esiste più,
    non mi piacciono i risultati scontati ossia quando già sai come va a finire il match
    perchè il risultato è di convenienza ad entrambe le squadre, questo non mi sembra giusto, pazienza tutto va ben Madama la marchesa come si suol dire.
    Ti saluto cordialmente.

    Buona serata!

  • giovanni

    Solo una precisazione nella sub-20 del 2013
    il posto da titolare a Tapia glielo rubò Araujo esperienza negativa in Serbia vedi Stella Rossa
    e mesto ritorno in patria Alianza Lima squadra esperta a riciclare giocatori che non hanno successo altrove.
    Ortiz divenne titolare a causa della telenovela Max Barrios che aveva falsificato i documenti
    per giocare in realtà era ecuadoregno.
    Bye bye!

  • Francesco Madeo

    Biscotto servito: Paraguay e Perù promosse a braccetto. Come volevasi dimostrare….

  • giovanni

    Vergogna.
    Peru e Paraguay non meritano assolutamente di qualificarsi ai Mondiali
    e nemmeno alle Olimpiadi.

  • giovanni

    Caro Francesco Madeo ti scrivo
    così mi distraggo un pò.
    Leggi qua…

    Ultimo turno-Qualificazioni Mondiali 2002

    Uruguay – Argentina 1-1

    Già nel primo le reti di Dario Silva per gli uruguaiani
    e Claudio Lopez per gli argentini
    nella ripresa abbracci e baci non facciamoci male,
    non ricorda un pò una partita di cui tu conoscevi già il risultato o sbaglio?
    Beh in questo caso Argentina era già qualificata ma vincere a Montevideo forse sarebbe stato uno scherzo di cattivo gusto,
    non la presero bene i colombiani non qualificati ai Mondiali nipponici eliminati solo per differenza reti
    mentre
    con gli stessi punti Uruguay si qualifica ma deve passare prima tramite spareggio vinto ahimè contro Australia che a sua volta si prenderà la rivincita allo spareggio per i successivi Mondiali 2006,
    giustizia divina?
    Chissà,
    vuoi vedere che, senza dover aspettare il prossimo torneo sudamericano,
    Paraguay e Peru ,ritornando alla sub-20,
    ora non si qualificheranno ai Mondiali e nè alle Olimpiadi,
    gli lasciamo i Giochi Panamericani come premio di consolazione,
    però togliti prima la “camiseta” peruviana e festeggia insieme a noi nell’eventualità,
    ma ricorda che a giochi fatti non sarà ben gradito nessuno a salire sul carro del vincitore,
    non è una minaccia ma una promessa.

    Scherzi a parte,
    ti saluto cordialmente con una notizia di giornata.
    Come ben sai se mi hai letto io ho dichiarato di essere contrario al calendario “pilotato” già deciso a tavolino
    nelle qualificazioni ai Mondiali area Conmebol
    come avviene regolarmente dal 2002.
    Ebbene per i prossimi Mondiali in Russia 2018,
    quelli della Conmebol hanno deciso di realizzere il sorteggio del calendario
    che si effettuerà a San Pietroburgo il prossimo 25 giugno.
    Si disputeranno le giornate di qualificazioni così suddivise:
    4 turni nel 2015,
    6 turni nel 2016,
    8 turni nel 2017.

    Hanno votato a favore
    Cile, Colombia, Venezuela, Bolivia,Peru, Ecuador,
    e mi sembra anche Paraguay
    anche se da qualche altra parte ho letto Brasile ma non credo,
    hanno votato contro Uruguay e Argentina.
    Democraticamente e anche con un pò di buon senso
    alla fine tutti hanno accettato nonostante qualche perplessità.

    Mi autocelebro, come fai tu quando indovini i pronostici,
    per avere vinto una mia battaglia personale in questo caso
    ma devo fare soprattutto i complimenti al ct cileno Sampaoli lui però è argentino di nascita
    che ha voltato le spalle alla sua terra di origine
    schierandosi dalla mia parte,
    bravo Sampaoli onore a te
    mi tolgo il cappello e m’inchino.
    Complimenti!

    CI-CI-CI
    LE-LE-LE

    Viva Cile,
    Olé!