Sudamericano sub17 – Conechny scatenato lancia l’Argentina. Vincono Brasile ed Uruguay

IMG

Due partite e due vittorie. Al secondo turno di Hexagonal l’Argentina sub17 allenata da Miguel Lemme prende il largo; mentre le altre si scannano tra loro, l’Albiceleste colleziona il secondo successo e sale a quota sei in classifica, mentre Brasile ed Uruguay – sconfitte all’esordio – vincono e salgono a quota tre appaiando Paraguay ed Ecuador. Una grande bagàrre insomma, che pare aver come protagonista proprio la già citata Argentina, brava ad uscire rafforzata dalla serata di ieri rifilando quattro gol al malcapitato Paraguay e offrendo una grande prova di forza.

IPOTECATO IL MONDIALE – Se quattro squadre su sei staccheranno il biglietto per il mondiale cileno, la Seleccion ha già fatto la metà del cammino verso quella meta. La partita di Asuncion è senza storia, perchè i padroni di casa non riescono ad arginare la forza di una squadra in serata, trascinata dalla vena realizzativa di Tomas Conechny. E’ la punta del San Lorenzo il grande protagonista della notte al “Nicolas Léoz“, perchè nei novanta minuti di gioco crea uno scompiglio pazzesco, segna due gol e non dando riferimenti all’avversario riesce a giocare una quantità impressionante di palloni. L’uno-due che chiude i giochi l’Argentina lo piazza nel primo tempo; prima è proprio Conechny in mischia a deviare in gol una bella palla giocata da Roskopf, e pochi minuti dopo lo stesso attaccante del Ciclòn – davanti a Meza – anzichè tirare smarca il solissimo Berterame per il gol del 2-0. La ripresa si apre con il Paraguay più propositivo, che sfiora il gol in un paio di occasioni e accorcia le distanze con Sebastian Ferreira, ma le praterie lasciate all’Argentina sono fatali. E, ovviamente, Conechny ne approfitta, andando prima in profondità per l’assist del 3-1 di Julian Chicco e poi finalizzando una sua fuga con un bel mancino in diagonale.

LINCOLN SHOW – Se il talento di Conechny ha monopolizzato l’attenzione in Paraguay – Argentina, lo stesso si può dire del trio offensivo brasiliano sullo stesso campo, solo un paio d’ora prima. Nel 2-1 che il Brasile rifila all’Ecuador c’è tutto il meglio dell’attacco atomico di una Canarinha sempre più avvinghiata alle invenzioni personali (ed estemporanee) dei suoi assi. Il gol dell’1-0 nasce da un tiro bellissimo di Evander, che con un destro potentissimo coglie la traversa da quasi trenta metri, e quando la palla cade c’è Leandro – sì, sempre lui, la punta della Ponte Preta che piace all’Udinese – che con un tap-in difficilissimo sblocca la gara. Gol facile? Nemmeno per sogno. La porta è vuota, sì, ma la coordinazione del capocannoniere del Sudamericano (6 gol) è da applausi. Poco dopo la mezz’ora arriva la gemma di Lincoln, che su punizione batte imparabilmente Cevallos. L’asso verdeoro è scatenato, crea scompiglio per oltre un’ora, ma alla fine rovina la sua partita entrando in maniera scomposta su un avversario – Tello, autore poco prima del 2-1 – prendendosi il rosso diretto. Contro l’Uruguay non ci sarà.

URUGUAY DI MISURA – Dopo la sconfitta all’esordio patita dall’Ecuador, l’Uruguay si rifà sotto in classifica battendo 1-0 la Colombia, unica squadra ancora ferma a quota zero. A risolvere la partita è un colpo di testa in mischia di Diego Rossi, numero 9 della Celeste e spina costante nel fianco cafetero. Molto male questa Colombia, che in due uscite non ha ancora trovato la via del gol e non solo, sembra squadra incline a subire molto. La difesa è da registrare, e se la manovra offensiva rimane questa difficilmente arriveranno punti. Per contro, l’Uruguay è sempre la solita squadra ordinata e giudiziosa, cinica al punto giusto, pragmatica quando deve affondare il colpo. Il ct Ostolaza sta alternando molto gli uomini a sua disposizione, segno che a suo avviso quasi tutta la rosa si equivale. Il prossimo esame si chiama Brasile, l’obbiettivo sono i tre punti.

CLASSIFICA

1 Posizione precedente: 3 2 2 0 0 5 1 +4 6 WW
2 Posizione precedente: 1 2 1 0 1 5 4 +1 3 LW
3 Posizione precedente: 2 2 1 0 1 2 2 +0 3 WL
4 Posizione precedente: 2 2 1 0 1 2 2 +0 3 LW
5 Posizione precedente: 1 2 1 0 1 1 1 +0 3 WL
6 Posizione precedente: 3 2 0 0 2 0 5 -5 0 LL