SUDAMERICANA – Velez, missione compiuta: Rescaldani e Pratto abbattono i Pirati. Bene la U, la Loja e La Equidad

Velez, missione compiuta
Velez, missione compiuta

Si chiedeva una prova d’orgoglio, al buon vecchio Velez di Ricardo Gareca. E così è stato. Dopo la sconfitta della settimana scorsa in quel di Cordoba, il Velez si prende la qualificazione agli ottavi di finale di Sudamericana grazie alla vittoria per 2-0 sul Belgrano in una partita nella quale il Fortín ha buttato in campo la rabbia di una squadra che ha ancora fame di vittorie.

EVIDENTE IMPORTANZA –Era importante portare a casa questa qualificazione – dice Gareca nel post-partita – perchè è un segnale all’ambiente. Vogliamo far sapere che noi ci siamo ancora, e questa sera direi che lo abbiamo dimostrato“. Parole taglienti, che rispecchiano quanto si è visto in campo, con un Velez arrembante fin da subito che ha travolto i Pirati, squadra che ancora una volta ha evidenziato le solite carenze, soprattutto in fase offensiva. Nel primo tempo comunque bisognava almeno riequilibrare il passivo, cosa che avviene grazie ad una bella azione di Ezequiel Rescaldani, bravo al minuto 29 nel freddare Juan Carlos Olave. Ma l’episodio che decide la sfida arriva verso la mezz’ora della ripresa, quando l’arbitro Laverni accorda un rigore al Velez che fa infuriare Zielinski in pachina. Lucas Pratto lo trasforma, e per il Belgrano è notte fonda. “E’ una vergogna – sbotta il Ruso a fine gara – questi arbitri sono davvero degli incapaci. Già contro il Boca ci hanno mandato Maglio e abbiamo visto tutti com’è andata, oggi mi tocca ripetere di nuovo queste cose“. “Non so cosa pensare – è il commento del portiere Olave – anzi, forse lo so…”

LE ALTRE PARTITE – Ottimo colpo esterno, con conseguente qualificazione, per l’Universidad de Chile, che va a vincere 3-1 in Ecuador a casa di un Independiente Del Valle considerato una delle mine vaganti di questa fase. Ma la U, quando gioca, è davvero tanta roba: Isaac Diaz apre la partita, Solis la pareggia ma Aranguiz e Luciano Civelli la chiudono definitivamente. Ottavi conquistati anche per la LDU Loja, che va clamorosamente a sbancare Asuncion ed il campo del Nacional grazie ad un gol di Wila. Missione compiuta, infine, per La Equidad, che con l’1-1 conquistato in Cile elimina il Cobreloa; a firmare il gol della qualificazione è Moreno, per il vantaggio colombiano poi pareggiato su rigore da Chavez. La settimana prossima sarà la volta dell’ultima sfida in programma, quella tra River Plate e San Lorenzo, e poi il quadro degli ottavi sarà concluso.