Sudamericana 2013 – Il River Plate è ai quarti, pari tra San Paolo e Universidad Católica

copa-sudamericana-1774390w620La notte di Copa Sudamericana ci regala un’altra qualificata ai quarti di finale: si tratta del River Plate, che affronterà nel doppio confronto tutto argentino il Lanús. La favola della LDU Loja, ultima squadra ecuadoriana rimasta nella competizione, finisce al Monumental e a recitare il ruolo del cattivo è Manuel Lanzini. Ad avere le occasioni migliori, come prevedibile, sono i padroni di casa, che trovano il gol qualificazione al 36′, quando un Rojas lasciato colpevolmente solo lancia il numero 10, che elude l’estremo difensore lojano e serve a Teo Gutiérrez una palla soltanto da spingere in rete. Chiuso il primo tempo sull’1-0 (e con le proteste dei millonarios per un calcio di rigore non assegnato), nella ripresa è Lanzini a realizzare il raddoppio, eludendo palla al piede diversi difensori avversari prima di insaccare con un bel tiro dal limite dell’area.

TABELLINO

River Plate: Marcelo Barovero; Gabriel Mercado, Germán Pezzella, Eder Álvarez Balanta, Leonel Vangioni; Carlos Carbonero, Cristian Ledesma (46′ Matías Kranevitter), Ariel Rojas (46′ Leonardo Ponzio); Manuel Lanzini; Teófilo Gutiérrez, Federico Andrada (79′ Jonathan Fabbro). All: Ramón Díaz.

LDU Loja: Luis Fernández; Oscar Ayala (80′ Santiago Barboza), Robert Arboleda, Jimmy Bermúdez, Armando Gómez; Pedro Larrea (72′ Kener Arce), Julio Ayoví (63′ Erick Castillo), Dixon Arroyo; Jonny Uchuari; Armando Wila, Fabio Renato. All: Alex Aguinaga.

Reti: 36′ Teófilo Gutiérrez, 70′ Manuel Lanzini.

Arbitro: Julio Quintana Rodríguez (Paraguay)

Ammoniti: Gabriel Mercado, Manuel Lanzini, Federico Andrada, Oscar Ayala, Dixon Arroyo, Armando Wila, Jaime Ayoví.

Finisce in parità il primo round della sfida tra i campioni in carica del San Paolo e l’Universidad Católica: il risultato, 1-1, è identico a quello dell’andata della semifinale dello scorso anno, ma a campi invertiti. Di fronte a poco più di 12000 spettatori, il Tricolor Paulista parte bene: Ganso è in grande spolvero e Luis Fabiano realizza il suo gol numero 100 al Morumbí, sfiorando poco dopo il raddoppio di testa. Tutto sembra facile. E invece al 41′ una U Católica fin lì piuttosto timida sorprende la retroguardia avversaria e pareggia. A segnare, come un anno fa, è Nico Castillo, che mette i suoi nella situazione ideale: ora a Santiago basterà uno 0-0 per passare il turno.

TABELLINO

San Paolo – Rogério Ceni; Paulo Miranda, Rafael Toloi, Antônio Carlos, Douglas (Jadson 57′); Wellington (Fabrício 87′), Maicon, Paulo Henrique Ganso, Reinaldo; Aloísio (Osvaldo 74′), Luis Fabiano. All: Muricy Ramalho.

Universidad Católica – Cristopher Toselli; Cristián Álvarez, Hans Martínez, Enzo Andía, Alfonso Parot; Tomás Costa, Fernando Meneses (Claudio Sepúlveda 88′), Milovan Mirosevic, Fernando Cordero (Ismael Sosa 59′); Nicolás Castillo (Matías Jadue 82′), Michael Ríos. All: Martín Lasarte.

Arbitro: Darío Ubriaco (Uruguay)

Reti: 17′ Luis Fabiano, 41′ Castillo

Ammoniti: Douglas, Maicon; Andía, Parrot, Alvarez, Ríos, Castillo (42)

Da 23 anni non giocava una gara ufficiale fuori dal Brasile: sono bastati undici minuti al Bahia per subire l’unico gol della partita con l’Atlético Nacional. Un cross dalla destra di Daniel Bocanegra viene deviato da Diones nella propria porta; i brasiliani reagiscono immediatamente, ma sul colpo di testa di Fernandao la palla finisce poco oltre la traversa. Le occasioni, tanto per il raddoppio quanto per il pareggio, non mancano; nella ripresa il Bahiaço, non considerando una sciagura la sconfitta di misura, si difende con ordine e l’incontro perde intensità.

TABELLINO

Atlético Nacional – Franco Armani; Francisco Nájera, Alexis Henríquez, Oscar Murillo, Steffan Medina (Wílder Guisao 85′); Alexander Mejía, Farid Díaz, Daniel Bocanegra, Sherman Cárdenas; Alejandro Bernal (John Valoy 63′), Jéfferson Duque (Fernando Uribe 70′). All: Juan Carlos Osorio.

Bahía – Marcelo Lomba; Madson, Demerson, Titi (Lucas Fonseca 46′), Raúl (Jussiandro 70′); Fahel, Diones, Helder, Marquinhos (William Barbio 63′); Fernandao, Wallyson. All: Cristovao Borges.

Reti: Diones 11′ (autogol)

Arbitro: Roddy Zambrano (Ecuador)