Successi e goleade: statali al via nel segno delle grandi

Robinho e il Palmeiras si "presentano" con un tris ( Foto: Leandro Martins/Futura Press)

Stavolta, la fionda di Davide si è inceppata sul più bello. Iniziano con poche sorprese gli Estaduais 2015, con le favorite che conquistano i 3 punti in quasi tutti gli Stati lasciando poco spazio per respirare alle formazioni minori. Da San Paolo a Rio de Janeiro, dallo Stato di Minas Gerais a quello del Rio Grande do Sul, non c’è modo di imbucarsi alla festa delle grandi.

Robinho e il Palmeiras si "presentano" con un tris ( Foto: Leandro Martins/Futura Press)
Robinho e il Palmeiras si “presentano” con un tris ( Foto: Leandro Martins/Futura Press)

VERDÃO OK – 10 mesi dopo, Ituano e Santos si ritrovano. Ma l’esito è ben diverso da quel giorno di aprile in cui i rossoneri conquistarono per la seconda volta nella propria storia il Paulistão: zero problemi per il Peixe, in rete per due volte con Geuvânio (che gemma il primo gol) e una col neo acquisto Chiquinho. Inizia bene la terza vita di Tite al Corinthians: 3-0 facile al Marília. Col tecnico che decide solo… sull’autobus verso lo stadio di lasciare in panchina l’uruguaiano Lodeiro, in procinto di passare al Boca Juniors. Oswaldo de Oliveira schiera 6 nuovi acquisti, più il cavallo di ritorno Maikon Leite, nel 3-1 del Palmeiras con l’Audax: a segno anche due di questi, Leandro e Robinho. Al San Paolo è festa doppia: Luís Fabiano taglia il traguardo delle 200 reti in maglia tricolor nel tris in casa del Penapolense e il club annuncia l’arrivo dell’ex genoano Centurión, protagonista dell’ultimo titolo del Racing con la rete decisiva al Godoy Cruz. “C’è tutto per ambire a grandi conquiste” le sue prime parole da “brasiliano”. Il San Paolo ne ha acquisito il 70% per più di 4 milioni di euro.

centurion

ALECSANDRO PORTIERE – Anche a Rio de Janeiro va più o meno tutto come deve andare. L’unica a steccare è il Flamengo: solo 1-1 in casa del Macaé in una gara eufemisticamente animata. Nel finale il portiere del Fla, Paulo Víctor, si scontra con un attaccante di casa rimediando un taglio alla testa e dovendo lasciare il campo sanguinante, in una scena da film slasher: a sostituzioni finite, al suo posto in va in porta Alecsandro, già autore della rete del pareggio. Ma in 20 minuti non gli tirano mai in porta. Al termine del match, poi, un centinaio di tifosi rossoneri invade lo spogliatoio del Macaé causando terrore e un fuggi-fuggi generale. 3 punti per il Fluminense, alla prima senza Conca: nel 2-1 al Friburguense va a segno (su rigore) anche Fred, fresco di rinnovo fino al 2018. Tutto facile per il Vasco da Gama, che in casa della Cabofriense ha pochi problemi: a segno il bad boy Bernardo, di ritorno dal Palmeiras e in cerca della definitiva consacrazione, e l’ex Vitória Marcinho. Sorride, finalmente, anche il Botafogo: a risolvere nel finale la complicata sfida col Boavista, impreziosita da un incredibile tunnel di Jéfferson su un avversario, è l’ex bolognese Roger Carvalho.

A RITMO DI TANGO – Anche a Minas le big non tradiscono. E accolgono con un sorrisone i nuovi arrivati. Il Cruzeiro rimonta in casa del Democrata grazie al primo gol del camerunense Joel, e intanto prende dall’Internacional l’ex udinese Willians. L’Atlético Mineiro si sbarazza del Tupi in 17 minuti, e a ritmo di tango: prima rete ufficiale in bianconero (aveva già timbrato nell’amichevole con lo Shakhtar Donetsk) per Pratto, a chiudere i conti dopo l’1-0 di Dátolo.

prattogalo
A segno Lucas Pratto nel Galo (Foto: Cristiane Mattos/Futura Press)

CIAO PIRATA – La Cina è vicina anche a Porto Alegre: doppio Barcos nel tris all’União Frederiquense, ma il Grêmio è a un passo dall’accordo col Changchun Yatai. 1-1 col Lajeadense per l’Internacional, in una gara valevole anche per la Recopa Gaúcha (sfida tra il campione dell’anno precedente e quello della Supercopa Gaúcha, alla quale partecipano formazioni dell’hinterland) e terminata ai rigori: il Colorado ha la peggio, con D’Alessandro che sbaglia la trasformazione e a bordo campo se la prende con un giornalista locale. Ma a far notizia è anche la morte di un tifoso 17enne, tifoso del Novo Hamburgo, durante una rissa con i sostenitori dell’Aimoré nel post partita.

ALTRI TORNEI – Buona la prima per il Coritiba, vincente in casa del Nacional-PR. Solo un pari, invece, per l’Atlético Paranaense dei giovani col Cascavel. Nel torneo baiano, un punto in due per Vitória e Bahia, ancora frastornate dalla doppia retrocessione nella B nazionale. L’aletta Elber esalta lo Sport al suo esordio in rossonero: doppietta nel 3-0 al Santa Cruz, mentre si attende ancora di regolarizzare la situazione di Diego Souza, tornato dal Metalist. Delude il Náutico: solo 0-0 col Salgueiro. I neo acquisti Roger e Ananias subito a segno per la Chapecoense (5-0 all’Internacional catarinense: nel Brasileirão 2014 era toccato a quello gaúcho), ma a Santa Catarina l’impresa è dell’Avaí: sotto 0-2 in casa dell’entusiasta Joinville, rimonta grazie alla doppietta dell’interessante mancino Anderson Lopes prima di una rissa finale che porta a 3 espulsioni. Risale da 0-2 a 2-2 anche il Goiás, mentre meglio fa l’Atlético Goianiense: 1-0 con l’Anapolina grazie a Rafinha, 20enne pupillo di Zico cresciuto alla scuola calcio del Galinho.