Saragò suona la carica: “Possiamo battere il Caracas”

sarago_dlg_foto_01CARACAS – Domani sul rettangolo verde dello stadio Olímpico della UCV andrà in scena la gara di ritorno dell’Octagonal tra Caracas e Deportivo La Guaira. Nella gara d’andata ad avere la meglio sono stati i rojos del Ávila che, grazie ad una doppietta di Reiner Castro, hanno battuto per 0-2 la squadra allenata dall’italo-venezuelano Eduardo Saragò. Il tecnico di origine calabrese è fiducioso nelle potenzialità della sua arancia meccanica e per questo motivo spera di ribaltare la situazione.
“Quello che abbiamo mostrato in campo nella gara d’andata ci dimostra che la rimonta è possibile. Con questa certezza affronteremo la gara di ritorno. Se devo fare un’analisi di quello che abbiamo fatto nel match d’andata, devo dire che sono soddisfatto della mia squadra sia a livello tattico che di prestazione. Sfortunatamente il risutato non ci beneficia. Non serve a niente giocare bene, se alla fine poi il risultato favorisce il tuo avversario” confessa Saragò.
Il tecnico di origini italiche conosce bene il Caracas, squadra che ha allenato fino allo scorso dicembre e con cui ha vinto una Coppa Venezuela e sfiorato lo scudetto. Sa che non sarà facile superare una squadra così ben costruita.
“Il Caracas in questo Clausura ha saputo sfruttare al massimo le capacità di due killer d’area come Edder Farías e Reiner Castro, che hanno segnato ben 22 reti. Questo dimostra che hanno un reparto offensivo eccellente ed una percentuale di effettività ottima sotto porta”.
Saragò ha preso il timone della corazzata arancione nel mese di giugno, e ha oleato la sua macchinaria per affrontare tre fronti: Torneo Clausura, Coppa Venezuela e Coppa Sudamericana. In campionato la sua squadra ha avuto periodi di alti e bassi, soprattutto per le fatiche del torneo continentale dove la formazione arancione ha centrato gli ottavi di finale, diventando la prima squadra venezuelana che raggiunge questa fase.
Poi, smaltite le fatiche della Sudamericana, ha iniziato ad inanellare una serie di risultati utili che gli hanno permesso di entrare tra le migliori otto del campionato. Adesso per continuare a sognare con la prima stella del Deportivo La Guaira, mister Saragò spinge sull’acceleratore: “Dobbiamo cercare di giocare una gara simile a quella d’andata, ma dobbiamo essere più efficaci sotto porta. So che sarà difficile imporre il nostro gioco in due gare consecutive contro il Caracas. Difficile ma non impossibile. Questa volta faremo in modo che il buon gioco mostrato in campo si rispecchi anche nel risultato”.
Il match Caracas-Deportivo La Guaira è in programma domani alle 17:30 nello stadio Olímpico della UCV.
Il quadro dell’Octagonal si completerà con le gare Monagas-Deportivo Táchira (1-2 all’andata), Atlético Venezuela-Deportivo Lara (3-0) e Carabobo-Zulia (0-3).