Ronaldinho Re del Sudamerica: El País lo incorona Pallone d’Oro, battuti Neymar e Maxi Rodriguez

Ronaldinho Re del Sudamerica
Ronaldinho Re del Sudamerica

Ora è ufficiale: i tifosi dell’Atletico-MG possono parzialmente dimenticare la delusione per il pessimo mondiale per club (non) giocato in Marocco, e festeggiare un piccolo trofeo.

Secondo il periodico uruguayano El País, che da anni assegna- tramite giuria – il Pallone d’Oro sudamericano, Ronaldinho è stato di gran lunga il miglior giocatore del 2013. Dinho, che quest’anno si è portato a casa una Copa Libertadores da protagonista, è intervenuto alla cerimonia ringraziando per questo ulteriore traguardo tagliato, a 33 anni suonati, ringraziando la famiglia e lo staff del Galo, capace di rimetterlo in piedi dopo gli ultimi trascorsi al Flamengo.

Sono felice – ha chiosato il fenomeno brasiliano – e penso di essermelo meritato per il lavoro che ho fatto in queste stagioni. La dedica è per chi mi ha sempre sostenuto, e per il club, che in me ha creduto quando nessuno mi avrebbe preso in considerazione“. Dinho dribbla poi le voci del suo futuro, che lo vorrebbero di nuovo in Europa per vestire la maglia dei turchi del Besiktas: “Non so che dire, se non che ad oggi non c’è nulla con nessuno“. Per lui, 179 voti, che segnano una differenza schiacciante con gli inseguitori e che gli permettono di mettere in bacheca un altro trofeo personale dopo i due Palloni d’Oro vinti con ai tempi del Barcellona.

Secondo posto per Neymar, premiato per le ultime cartucce sparate in attesa del trasferimento al Barcellona, e a ruota – sul gradino più basso del podio – Maxi Rodriguez, leader del Newell’s Old Boys. Tra i brasiliani, da segnalare la lunga lista di chi ha collezionato qualche preferenza: Everton Ribeiro, Jo, Victor, Edérson, Paulinho e Bernard. Tutta gente che ha fatto, o farà, parlare di sè.