Roberto Cavallo compie 50 anni: mezzo secolo da campione

IMG-20170427-WA0013CARACAS – Quattro scudetti vinti, piú di 600 partite disputate (tra Primera División, Coppa Venezuela, Coppa Libertadores, Coppa Conmebol), 25 reti segnate, e a questi numeri vanno aggiunte diverse presenze con la maglia della Vinotinto. Stiamo parlando di Roberto Cavallo De Robertis ex calciatorie italo-venezuelano che tra gli anni ’80 e ’90 ha rappresentato degnamente la nostra collettivitá sui principali campi della terra di Bolívar e in giro per il mondo.
Popolarmente noto come Roby, di ruolo difensore e frutto del vivaio del Centro Italiano Venezolano di Caracas debuttò in Primera División all’età di 16 anni con il Deportivo Italia. Stando alle statistiche fornite dal collega Eliézer Pérez con la maglia degli azzurri segnò 16 reti. Nella stagione 1985, grazie al secondo posto ottenuto nella stagione precedente partecipa alla Coppa Libertadores dove affrontó Blooming (Bolivia), Oriente Petrolero (Bolivia) e Deportivio Táchira.
Dopo 7 campionati disputati con la casacca del club italico si è trasferito al Caracas Fútbol Club con cui ha vinto quattro campionati. Coi rojos del Ávila partecipa a due edizioni della Libertadores (1993 e 1995) ed una della Coppa Conmebol (1993). Nelle manifestazioni internazionali partecipa a 4 tornei continentali e mette in bacheca 20 presenze.
Con la maglia della vinotinto partecipa a due edizioni della Coppa America (Brasile 1989 e Cile 1991) ed é nel gruppo che rappresenterá il Venezuela nelle qualificazioni per il mondiale Italia ’90. In totale con la maglia della Vinotinto accumula 12 presenze e zero reti.
Dopo aver appeso le scarpe al chiodo ha mantenuto la sua relazione con il mondo del calcio ricoprendo diversi incarichi. Ha giocato anche a beach soccer e poi é diventato allenatore di questo sport. In una intervista rilasciata alla Voce ci raccontò: “Nel 2000 abbiamo partecipato al mondiale arrivando in quinta posizione. Da segnalare che abbiamo battuto la Francia che allora aveva in rosa Eric Cantona. Nella Nazionale, come calciatore, ho giocato fino al 2006, nel 2008 ne sono diventato l’allenatore”.
Sotto la sua guida la Vinotinto si é qualificata per il mondiale che si é disputato a Ravenna nel 2011. Nelle qualificazioni Conmebol per la competizione iridata di Ravenna il Venezuela è stato superato soltando dai colossi Brasile ed Argentina.
Parlando dell’impresa, Cavallo ci convessò: “Quando siamo tornati da Rio de Janeiro erano passate appena due settimane dalla conclusione della storica Coppa America disputata dal Venezuela, la gioia dei tifosi era una cosa indescrivibile” commenta Roby Cavallo, commissario tecnico della nazionale di beach soccer.
“Siamo rimasti sorpresi dal ricevimento che ci hanno fatto al nostro arrivo. Ma io misi in guardia i miei giocatori per farli mantenere con i piedi per terra dato che non erano abituati a questo tipo di emozioni” affermò il tecnico italo-venezuelano.
Attualmente, Roberto Cavallo De Robertis, si dedica alla ditta di famiglia e gioca a calcio coi veterani del Centro Italiano Venezolano di Caracas con cui ha messo in bacheca diversi scudetti e medaglie d’oro nei giochi Fedeciv.