Recopa 2014 – Lanus generoso, ma il trofeo va all’Atletico-MG

IMG

Gol, emozioni e tanti ribaltamenti di fronte. Ma la Copa, anzi la Recopa, trova casa in Brasile.

L’Atletico Mineiro di Levir Culpi si porta a casa il prestigioso trofeo, bissando il successo ottenuto nel 2013 in Libertadores dove il Galo venne letteralmente trascinato da Ronaldinho. Un coppa tutto sommato meritata, ottenuta in rimonta contro un grande Lanus che – nonostante lo 0-1 della Fortaleza – a Belo Horizonte è arrivato unito e compatto più che mai. “Ce l’abbiamo messa tutta – ha chiosato alla fine il tecnico del Granate, Barros Schelotto – ma gli episodi ci hanno tagliato le gambe“. E come dargli torto.

SUPPLEMENTARI FATALI – Gli episodi a cui si riferisce il Mellízo sono le due autoreti che il Grana si fa nei tempi supplementari. Già, perchè nei novanta minuti regolamentari il Lanus gioca alla grande e la chiude sul 3-2 grazie ad un gol nel recupero di Lautaro Acosta, che per un attimo fa tremare le gambe a tutto il pubblico del Mineirão. La partita, come detto, è stata emozionante; moduli quasi speculari per i due tecnici, che se la giocano con la difesa a quattro e due punte di ruolo, ma il Galo – con un Ronaldinho appena recuperato – schiera proprio l’ex milanista assieme a “O’Mago” Maicosuel a supporto degli attaccanti, mentre gli argentini si coprono con una mediana in linea e con una retroguardia che soffre ancora le partenze di Goltz ed Izquierdoz. A riprova di ciò, l’episodio che dopo cinque minuti permette all’Atletico di aprire i conti: Ronaldinho dribbla due avversari e puntando Araujo lo costringe al fallo di mano. Dal dischetto Diego Tardelli – eroe dell’andata – non sbaglia. Ma il Lanus è vivo, ed in venti minuti ribalta la situazione: il pari lo segna Ayala, con un grande destro costruito grazie al fraseggio agevolato da Diego Gonzalez, mentre il raddoppio arriva grazie al Tanque Silva che ribatte in porta un tentativo dalla distanza di Velazquez. Una manciata di minuti dopo però arriva l’immediato pari, segnato da Maicosuel.

LAUTARO, GOL E ROSSO – Il secondo tempo vede due squadre decisamente sulle gambe, con il solo Lanus a provare con orgoglio a tirar fuori il coniglio dal cilindro. Nonostante ciò, l’occasione più ghiotta è per i locali e a procurarsela è Ronaldinho, qualche minuto prima di uscire, con un destro a girare che Braghieri salva sulla linea. Finita? Macchè, nel recupero la zampata di Acosta sposta il discorso ai supplementari, di modo da dare tempo al destino di mettere in pratica il suo piano diabolico. Luan, entrato al posto di Dinho, cerca un cross che diventa un pallone innocuo sul quale il giovane paraguayano Gomez compie una sciocchezza, che impatta il match. Ma il “capolavoro” lo fanno poco dopo Ayala e Marchesín, con il Granate in dieci per l’espulsione proprio di Acosta: l’esterno tocca una palla di testa all’indietro ma coglie di sorpresa il portiere, che vede la sfera scivolarsi alle spalle ed entrare in rete. Non era destino, nonostante l’eroica impresa. E il Galo se la ride.

TABELLINO
ATLETICO MINEIRO (4): Víctor; Marcos Rocha, Réver, Leonardo Silva, Emerson Conceição; Pierre, Leandro Donizete, Ronaldinho (m.64, Luan), Maicosuel (m.76, Guilherme); Jô e Diego Tardelli (m.88, Jesús Dátolo). DT: Levir Culpi.
LANUS (3): Agustín Marchesín; Carlos Araujo (m.74, Lucas Melano), Gustavo Gómez, Diego Braghieri, Maximiliano Velázquez; Diego González, Leandro Somoza, Jorge Ortiz, Víctor Ayala; Lautaro Acosta e Santiago Silva. DT: Guillermo Barros Schelotto.
GOL: 1-0, m.6: Diego Tardelli. 1-1, m.8: Víctor Ayala. 1-2, m.25: Santiago Silva. 2-2, m.37: Maicosuel. 2-3, m.90+3: Lautaro Acosta. 3-3, m.102: Gustavo Gómez (p.p.) 4-3, m.111: Víctor Ayala (p.p.)
ARBITRO: L’uruguayo Roberto Silvera. Espulso: Lautaro Acosta (m.117). Ammoniti: Diego Tardelli, Pierre, Réver, Leandro Donizette (A-MG); Víctor Ayala, Leandro Somoza, Lautaro Acosta, Diego González, Braghieri, Gustavo Gómez (Lanus).

  • Manuel

    E vabbè impresa sfiorata dagli ospiti…sarebbe stato fantastico e incredibile! ma è pesata troppo la sconfitta casalinga dell’andata!

  • giovanni

    Stavolta niente Mineirazo ma il gol di Acosta aveva fatto temere al peggio per Ronaldinho e soci, la differenza nei tempi supplementari l’hanno fatta gli autogol dei paraguaiani Gomez e Ayala
    il primo sfortunato,
    e il secondo da Mai dire gol.
    Peccato per Lanus, impresa a metà, non ha saputo cogliere l’inerzia della rimonta
    e invece si è sciolto come neve al sole dopo i tempi regolamentari,
    applausi lo stesso per lo spettacolo in campo offerto da entrambe le squadre,
    partita viva.