Qualificazioni Russia 2018 – All’ Uruguay basta un lampo di Cavani contro un buon Perù: raggiunto l’ Ecuador in vetta

Grazie ad un bel goal di Edinson Cavani l’ Uruguay riesce a spuntarla di misura contro un agguerrito Perù, capace di rimanere in partita fino all’ ultimo istante. Per la truppa allenata da Oscar Tabarez si tratta di tre punti fondamentali che consentono di balzare in vetta al raggruppamento sudamericano con 13 punti al pari dell’ Ecuador, ma con una miglior differenza reti.

Cavani decide (conmebol.com)
Cavani decide (conmebol.com)

La gara giocata di fronte gli oltre 50.000 spettatori dell’ Estadio Centenario non è stata certo spettacolare, infatti di occasioni in area di rigore se ne sono viste poche specialmente nella prima frazione. Il motivo è da attribuire soprattutto all’ ottima prestazione della difesa peruviana che nonostante le assenze ha tenuto benissimo a bada sia Cavani sia Suarez, che ovviamente rappresentavano gli spauracchi principali alla vigilia. Tuttavia la squadra di Gareca si è anche resa pericolosa in attacco con Paolo Guerrero, che al 24′ si è visto neutralizzare il possibile goal del vantaggio da un bell’ intervento di Muslera. Nella ripresa il match invece si è fatto più vivo e l’ Uruguay ha cominciato a mettere una certa pressione e così (dopo un clamoroso autogoal sfiorato dal peruviano Advincula) al 53′ arriva il timbro del Matador Cavani, che imbeccato in area da Suarez insacca con un gran sinistro alle spalle dell’ incolpevole Gallese. Azione avviata dal Cebolla Rodriguez, che entrato al posto di Vecino ha saputo dare immediatamente un cambio di ritmo importante ad una manovra della Celeste cui mancava un uomo in grado di fare da raccordo tra il centrocampo e l’ attacco. Una volta segnato l’ 1 a 0 l’ Uruguay continua ad attaccare alla ricerca del raddoppio, ma Gallese compie un autentico miracolo su Carlos Sanchez permettendo al Perù di poter scagliare l’ assalto finale. Negli ultimi dieci minuti infatti i ragazzi di Gareca provano con grande generosità ad impensierire la difesa di casa e proprio al 90′ vanno ad un passo dal pareggio con un tiro di esterno di Advincula (bella prestazione la sua a destra e bel duello contro Alvaro Pereira) che esce di un soffio alla destra di Muslera, facendo venire un brivido al pubblico sugli spalti.

I Charruas possono quindi esultare assieme alla loro gente per una posizione di classifica sicuramente confortante in vista del futuro, anche se siamo solo ad un terzo del cammino che porta al Mondiale in Russia. Al contrario la Blanquirroja resta terzultima con 4 punti, anche se a Guerrero e compagni non si può davvero muovere alcuna critica, almeno in questa circostanza.

URUGUAY 1:0 PERÚ

Stadio: Estadio Centenario Pubblico: 55.000 personas

Arbitro: Roddy Zambrano Assistenti: Byron Romero y Christian Lescano (terna de Ecuador)

URUGUAY: Fernando Muslera, Maximiliano Pereira, Mauricio Victorino, Sebastián Coates, Alvaro Pereira, Alvaro González (79′ Jorge Fucile), Egidio Arévalo Ríos, Matías Vecino (46′ Cristian Rodríguez), Carlos Sánchez (86′ Diego Rolan), Luis Suárez y Edinson Cavani. Director técnico: Oscar Tabárez

PERÚ: Pedro Gallese, Luis Advíncula, Alberto Rodríguez, Christian Ramos, Jair Céspedes, Carlos Ascues (64′ Adán Balbín), Renato Tapia (62′ Yoshimar Yotún), Andy Polo, Christian Cueva, Claudio Pizarro (49′ Raúl Ruidíaz) y Paolo Guerrero. Director técnico: Ricardo Gareca

Goal: 52′ Edinson Cavani (U)

Ammoniti: 33′ Christian Ramos (P), 60′  Luis Advíncula (P)