Primera División – Sprofonda l’Argentinos, orgoglio Quilmes abbatte il Vélez

Boghossian raggiante per il doppio vantaggio conseguito dopo pochi minuti. (foto: olé.com.ar)
Boghossian raggiante per il doppio vantaggio conseguito dopo pochi minuti. (foto: olé.com.ar)

Solo un giorno di riposo e si ricomincia. Il mondiale è alle porte, motivo per cui in Argentina si corre a ritmi insostenibili.
L’Olimpo torna alla vittoria e lo fa ai danni di un Argentinos Juniors che, a cinque giornate dal termine, ha un piede e mezzo nella B Nacional. Il Vélez ripete l’incubo dello scorso weekend, viene travolto da un Quilmes con il sangue agli occhi e vede la vetta allontanarsi inesorabilmente.

Quilmes, a tutta birra – Deve esserci qualcosa di magico nella persona Ricardo Caruso Lombardi. Un’aura divina deve circondarlo. Non si spiega altrimenti come riesca a rivitalizzare una squadra considerata dai più sportivamente deceduta. La pesante sconfitta subita dall’Estudiantes aveva tarpato le ali al Cervecero. Nonostante ciò Caneo e compagni sono stati capaci di annullare la voglia di rivalsa del Vélez e di incanalare l’inerzia del match dalla loro parte già nei primi minuti della contesa. Uno-due devastante firmato Ríos-Boghossian e Vélez disorientato. Pratto ha provato a riportare in partita i suoi ma la consapevolezza di essere all’ultima spiaggia ha fatto sì che il Quilmes sprigionasse ogni residuo di energia conservato nel proprio corpo. Resistenza ad oltranza e colpo mortale inferto allo scadere con il rigore di Lema. Il Quilmes non ha alzato bandiera bianca e, per ora, è fuori dal descenso. Il Quilmes procede a tutta birra alla ricerca della salvezza.

Olimpo su, Argentinos giu – L’Olimpo spazza via l’entusiasmo degli ospiti – reduci dal successo sul Vélez – per effetto di un primo tempo autoritario, nel quale gli uomini di Perazzo mettono subito in chiaro le proprie intenzioni. Battere un rivale diretto per la salvezza e distanziarsi il più possibile dalla zona del descenso. Un cabezazo di Musto e due perle di Valencia – il vero spacca-partita – stendono il Bicho già nella prima frazione. La ripresa è pura formalità. L’Argentinos vede affievolirsi la luce della speranza ogni giornata che passa. La B Nacional lo attende.