Primera División – Frena il River e il Godoy Cruz lo aggancia, Gimnasia solo in testa

Esplode di gioia il Tomba e ne ha ben donde: fuori dal descenso e in lotta per il titolo! (foto: olé.com.ar)
Esplode di gioia il Tomba e ne ha ben donde: fuori dal descenso e in lotta per il titolo! (foto: olé.com.ar)

La sedicesima giornata si è conclusa. Tre giornate ancora per decretare chi sarà campione e chi scenderà mestamente nella B Nacional. Frena il River in questo turno, stoppato dall’Olimpo. Ne approfitta il Godoy Cruz che espugnando La Plata aggancia il Millo a 2 punti dalla vetta, ora occupata in solitario dal Gimnasia La Plata. Il Boca Juniors regala un bel successo a Bianchi per il suo compleanno e il Lanús si reinserisce nella lotta al titolo battendo di misura l’All Boys. 

Tomba di cuore – Con una partita arcigna, solida difensivamente quanto cinica in avanti, il Godoy Cruz ammutolisce la Ciudad de La Plata e, grazie al gran gol messo a segno da Castillón, raggiunge quota 28 punti e si piazza a meno due dalla capolista Gimnasia LP, ovvero i rivali cittadini dell’Estudiantes, ora scalzati proprio dalla squadra di Jorge Almirón e declassati al quinto posto.
Decisivo Carranza in un paio di interventi, provvidenziale la traversa che blocca il tiro di bomber Carrillo, magico Facundo Castillón – tornato in ottima forma – che slalomeggia tra i difensori avversari, salta Rulli e insacca. In questo preciso istante il Tomba sta lottando per non retrocedere (è fuori dalla zona del descenso) e per il titolo. Do you remember Tigre 2008?

Riquelme ringrazia i tifosi che chiedono il suo rinnovo! (foto: olé.com.ar)
Riquelme ringrazia i tifosi che chiedono il suo rinnovo! (foto: olé.com.ar)


Buon compleanno Virrey
Il Boca Juniors sfodera una buonissima prestazione – sontuoso Riquelme in alcune circostanze – e confeziona un’importante vittoria per festeggiare sì il 65° anno di vita dell’allenatore boquense più vincente della storia ma soprattutto per assicurarsi la partecipazione alla prossima Copa Sudamericana. Erbes apre dopo pochi secondi con un pallonetto delizioso sull’uscita di Campestrini, Echeverría pareggia su calcio piazzato. Riquelme riporta in vantaggio i suoi su rigore allo scadere della prima frazione. Nella ripresa, una bella trama finalizzata di testa da Colazo allunga lo scarto. A chiudere la gara ci pensa Gigliotti ancora una volta dagli undici metri. Nel finale, a segno Furch per le statistiche. Ora, per l’Arsenal, testa alla Libertadores.

Il Lanús vuole lottare su tutti i fronti! (foto: olé.com.ar)
Il Lanús vuole lottare su tutti i fronti! (foto: olé.com.ar)


Lanús, il ruggito di Silva! –
La solita esultanza rabbiosa dell’attaccante uruguayano sembrava voler far ricredere chi dava già per spacciato il Granate nella corsa al titolo. La formazione di Barros Schelotto ora si trova a cinque lunghezze dal Gimnasia LP ma con una partita in meno (il recupero del 30 aprile contro il Tigre). Se dovesse vincere il recupero si porterebbe a meno due insieme a Godoy Cruz e River.
L’All Boys ha tentato di scardinare la retroguardia casalinga ma ha finito per sbattere contro il muro eretto dalla coppia Goltz-Izquierdoz e dalla saracinesca Marchesín tra i pali. Pertanto, si fa complicata la faccenda promedio per la squadra di Floresta.
Santiago Silva realizza una delle poche chances, il Lanús trionfa soffrendo, da grande squadra. È un avvertimento per le rivali: “non dateci per spacciati!”.

 

Il disappunto del River che abbandona la prima posizione! (foto: olé.com.ar)
Il disappunto del River che abbandona la prima posizione! (foto: olé.com.ar)


Frenata River –
Il golazo di Carbonero – sinistro a giro che va ad incastonarsi nell’angolo alla destra del portiere – aveva illuso l’ambiente millonario che sarebbe stato tutto semplice. Niente di più sbagliato. Siamo a Bahía Blanca, la casa dell’Olimpo. Uno stadio in cui le più importanti compagini d’Argentina hanno sofferto se non addirittura perso nettamente.
L’Olimpo, su un campo rovinato dalla pioggia battente, risponde colpo su colpo al River e nel finale del primo tempo crea i maggiori pericoli, su calci piazzati ovviamente. Prima Chichizola è bravo a sventare sul pericolo numero uno Furios. Poi Lugüercio sfrutta una torre di Gissi per impattare il match. Nel secondo tempo, l’Olimpo sembra accontentarsi del pari e lascia nuovamente spazio al possesso palla ospite. Il River, però, guidato da Lanzini non riesce ad incidere. Cavenaghi è oramai entrato in crisi d’astinenza da gol. L’unico vero sussulto della ripresa è rappresentato dal gran sinistro di Vangioni che si stampa sul palo. Per il resto, poco o nulla. Il River Plate si stacca e rimane a due punti dal Gimnasia in coabitazione con il Godoy Cruz. A tre giornate dal termine, è tutto ancora possibile. 

  • http://calciosudamericano.it Marco Bernardello

    Effettivamente il Lanus potrebbe fare le scarpe a tutti. Squadra solida con tanta gente esperta: alla fine potrebbe spuntarla.