Perù – Disastro Alianza: addio ai playoff

 

alianza

dal nostro inviato speciale a Lima Davide Bozzano

A due turni dalla conclusione del lunghissimo massimo campionato peruviano (praticamente 44 giornate fra Apertura, Clausura e Liguillas) è ormai tutto deciso per quanto concerne la lotta per il titolo e la retrocessione. Melgar (attuale campione in carica), Cristal, “U” e “Muni” accedono alle semifinali, mentre César Vallejo e la neopromossa La Bocana retrocedono ufficialmente. In pratica, in attesa delle “final four” nazionali, si lotta solo per l’accesso alla prossima Coppa Sudamericana, con ancora in lizza Alianza, Sport Huancayo, Comerciantes Unidos e Juan Aurich. Da segnalare l’ennesimo tonfo del “equipo del pueblo”, travolto 4-0 nella selva e fuori dai giochi per il titolo. Per il sodalizio de La Victoria si tratta della quindicesima sconfitta stagionale: troppe se si considerano le velleità d’inizio stagione della dirigenza ed un organico obiettivamente di gran lunga superiore a buona parte delle rivali, soprattutto dalla trequarti in su.

Liguilla A

Ha i crismi dell’ufficialità la qualificazione (se mai ci fossero stati dubbi…) dei campioni in carica del Melgar ai prossimi play off. I ragazzi di Reynoso superano per 3-1 senza affanni un Defensor La Bocana probabilmente ormai rassegnato alla retrocessione. I rossoneri ipotecano il match già nel primo tempo grazie al colombiano Fernàndez al 29’ su assist di Bravo… “bravo” poi a raddoppiare al 42’ su suggerimento di un altro “cafetero”, Leudo. Faiffer prova a riaprire la gara al 73’ su imbeccata del neoentrato Benitez, ma ci pensa l’argentino Cuesta (diciannovesimo centro stagionale per lui) a chiudere definitivamente i conti a tre minuti dalla fine.

Rallenta ancora lo Sporting Cristal, che dopo due sconfitte consecutive racimola uno scialbo 0-0 sul comunque difficile campo di Chiclayo contro il locale Juan Aurich. Un match dai contenuti agonistici non particolarmente accesi, come testimonia l’unica ammonizione comminata dall’arbitro Palomino all’ospite Pacheco al 60’.

Ipoteca il quarto posto il Deportivo Municipal, vittorioso in casa per 2-0 sull’Uniòn Comercio. Al 9’ Zela è il più lesto di tutti nell’insaccare la sfera dopo la respinta della traversa su un calcio di punizione di un compagno e nella ripresa, dopo essersi concessi il lusso di sbagliare un calcio di rigore con Velasco al 57’ (palla sul palo), arriva la rete della sicurezza al 75’ ancora con l’attaccante argentino protagonista, abile nell’approfittare di una “dormita” della difesa ospite su un traversone dalle retrovie dell’uruguagio Lavandeira.

Nella delicata sfida salvezza di Cusco, si rivelano fatali le Ande all’Universidad César Vallejo, sconfitto in casa del Real Garcilaso per 2-0, fatto che sancisce la clamorosa retrocessione di una compagine, quella di Trujillo, negli ultimi anni protagonista del calcio peruviano come testimonia i risultati e le varie qualificazioni alle coppe continentali. A costringere “los poetas” a ripartire dalla “segunta” sono una rete per parte: al 21’ del difensore Herrera su cross di

Retamoso ed all’83’ del paraguaiano Neumann su assist del neoentrato uruguagio Gallegos. Per gli andini si tratta del quattordicesimo punto ottenuto ultime 7 partite disputate (4 vittorie, 2 pareggi ed una sola sconfitta), ruolino di marcia che permette a “la maquina celeste” di ottenere una tranquilla salvezza con due giornate d’anticipo, mentre per i ragazzi del tecnico argentino Comizzo si tratta della terza sconfitte nelle ultime quattro uscite (tra cui un clamoroso 7-2 subito in casa del Cristal).

Liguilla B

Mantiene il secondo posto nella “tabla acumulada” l’Universitario Lima che, in attesa di sapere se verrà accettato il ricorso per la recente sconfitta a tavolino (la seconda dopo quella dell’andata!) contro i “cugini” dell’Alianza, impatta in casa sull’1-1 contro l’ostico U.T.C. Cajamarca. Ad aprire le marcature è l’argentino Manicero al 32’ su assist dell’uruguagio Guastavino, prima del definitivo pareggio ad opera del sempreverde bomber Fano (38 primavere), autore al 68’ su calcio di rigore del classico gol dell’ex.

Terza sconfitta consecutiva per l’Alianza Lima, che sull’”infuocato” campo di Sullana (nel vero senso della parola viste l’alta temperatura che caratterizza la città della selva) perde… testa, partita e qualificazione ai play off venendo travolto dall’Alianza Atlético per 4-0. I biancoblu trovano terreno fertile per la propria manovra sulla fascia sinistra e, non a caso, da li nascono le prime due reti, entrambe ad opera di uno scatenato Chira al 17’ e 45’, su suggerimento prima di Aponzà e poi di Fernàndez. A compromettere le residue speranze di rimonta è la sciocca espulsione di Trujillo in pieno recupero (47’), autore di un brutto fallo tanto ingenuo quanto inutile. Sotto il cocente sole dell’Amazzonia, nella ripresa “los intimos” si sciolgono… come neve al sole e subiscono altre due reti con Aponzà al 56’ (assist di Correa) e Fernàndez venti minuti più tardi su passaggio dello scatenato colombiano.

Continua a rincorrere il sogno di disputare una coppa continentale la matricola Comerciantes Unidos, letteralmente travolgente (5-1) nel match casalingo contro un Universidad San Martìn forse demotivato per via della salvezza ottenuta in anticipo. Dopo la prima mezzora, in pratica, tutto è già deciso: 3-0 con le reti dell’argentino Brundo al 14’ (assist di Christian Laura), del paraguaiano Pérez al 25’ (suggerimento di Ardiles) e di Chàvez al 31’ (imbeccata di Correa). Al 42’ un altro argentino, Càseres, serve a Pena la palla che prova a riaprire la sfida, ma nella ripresa i padroni di casa dilagano con le reti di due subentrati, Posito al 47’ e Flores al 75’, ben serviti rispettivamente da Ardiles e Seminario. Da segnalare l’espulsione al 90’ dell’ospite Cartagena.

Finisce a reti inviolate (0-0) l’atteso “clasico” andino fra lo Sport Huancayo e l’Ayacucho, derby dall’altissima posta in palio essendo le due compagini impegnati rispettivamente nella corsa per un posto ai play off o per evitare la retrocessione. Il classico risultato ad occhiali arride agli ospiti, sempre più vicini alla zona salvezza.

RISULTATI E CLASSIFICA