Peñarol, l’inaugurazione è una festa: River Plate travolto al “Campéon del Siglo”

(credito: tenfield.com.uy)
(credito: tenfield.com.uy)
(credito: tenfield.com.uy)

Il tutto esaurito per una grande festa. Il Peñarol inaugura alla grande il suo nuovo tempio, lo stadio “Campéon del siglo“, piccola vittoria dell’attuale società aurinegra che negli ultimi anni ha deciso di portare via la squadra dallo storico “Centenario” per provare a darle una dimensione internazionale. Quello di ieri sera è stato un grande spettacolo, al di là della partita in sé vinta trionfando proprio dal Manya, che ha spazzato via il River Plate con un sonoro 4-1.

Lo spettacolo della “Barra Amsterdam” ha monopolizzato l’attenzione, con coreografie inscenate prima e durante il match, che già stanno spopolando in rete. “E’ stata una bella serata – ha detto il dt Da Silva – siamo in un periodo delicato ma a questo penseremo domani, perché stasera è la nostra gente a dover prendersi la scena“. Ed in effetti l’aria respirata in questo impianto moderno pare adatta a chi intende cambiare dimensione non dimenticando le proprie origini. A segnare il primo gol storico nel nuovo impianto non poteva che essere quel giocatore che incarna in pieno lo spirito del Peñarol, quel Diego Forlan ancora bloccato in questo avvio di 2016, che forse potrebbe essersi tolto un peso di dosso proprio nella serata delle serate: “Questo stadio ci darà una spinta ulteriore per ripartire alla grande – ha detto il Cachavachasiamo in un periodo sfortunato, ma siamo forti e lo dimostreremo“.

In campo intanto c’è solo una passerella, con il Carbonero che risolve la pratica in poco più di un’ora. Dopo il vantaggio di Forlan è Murillo a raddoppiare, e la rete di Ignacio Fernandez serve solo a mitigare il passivo prima dei gol di Aguiar e del vivace Palacios. E i Millonarios? Non pervenuti, con Gallardo che ha cambiato tanto usando la partita per sperimentare il passaggio a più abiti tattici. Ma il risultato, in questa serata, era relativo.

PEÑAROL 4:1 RIVER PLATE

Stadio: Estadio Campeón del Siglo. Arbitro: Andrés Cunha (Uruguay).

PEÑAROL: Gastón Guruceaga (46′ Damián Frascarelli), Matías Aguirregaray, Carlos Valdez (46′ Diogo Silvestre), Guillermo Rodríguez (24′ Emilio Mac Eachen, 60′ Fabrizio Buschiazzo), Maximiliano Olivera, Nahitan Nandez, Tomás Costa (46′ Marcel Novick), Luis Aguiar (60′ Federico Valverde), Maximiliano Rodríguez (46′ Hernán Novick), Diego Forlán (69′ Cristian Palacios) e Miguel Murillo (46′ Mauricio Affonso). DT: Jorge Da Silva.

RIVER PLATE: Marcelo Barovero (10′ Julio Chiarini), Camilo Mayada, Leonardo Ponzio, Eder Alvarez Balanta (85′ Leandro Vega), Milton Casco, Ignacio Fernández (46′ Nicolás Bertolo), Nicolás Domingo (46′ Luis González), Joaquín Arzura, Andrés D’Alessandro (46′ Tabaré Viudez), Rodrigo Mora (46′ Sebastián Driussi) e Lucas Alario (46′ Iván Alonso). DT: Marcelo Gallardo.

GOL: 19′ Diego Forlán (P), 40′ Miguel Murillo (P), 43′ Ignacio Fernández (RP), 49′ Luis Aguiar (P), 72′ Cristian Palacios (P).