Penarol, altro ribaltone: via Goncalvez, panchina affidata a Jorge Fossati.

Jorge Goncalvez nella sua ultima partita contro l' Olimpia (tenfield.com)
Jorge Goncalvez nella sua ultima partita contro l’ Olimpia (tenfield.com)

Alla luce del deludente precampionato disputato dal Penarol e ad appena pochi giorni dall’ inizio del torneo di Clausura 2014, il celebre Club uruguayano opta per l’ ennesimo cambio di panchina, questa volta molto più inaspettato del precedente che vide subentrare “Tito” Goncalvez al posto di Diego Alonso. Pare che la decisione di interrompere il rapporto con l’ attuale DT Goncalvez sia stata presa in prima persona dal presidente Juan Pedro Damiani, dopo una telefonata svoltasi tra i due all’ indomani della sconfitta contro l’ Olimpia Asuncion nella Copa Antel, torneo di preparazione ad una stagione ormai alle porte. Adesso toccherà a Jorge Fossati, classe 1952 ed ex giocatore giallonero dal 1973 al 1980, riportare un pò di serenità e sopratutto un gioco soddisfacente che consenta di tornare al successo in patria e magari anche in campo internazionle.

Tito paga i risultati altalenanti della sua squadra che guida dal 19 Ottobre scorso, quando esordì nello 0 a 0 contro El Tanque Sisley. Da lì in poi il bilancio di fine stagione parla di un totale di 4 vittorie, 1 pareggio e 3 sconfitte e di un ottavo posto finale che non ha soddisfatto la dirigenza aurinegros ma che allo stesso tempo riponeva grande fiducia nell’ allenatore, pronto a riscattarsi nel Clausura 2014. Il punto più alto della breve gestione Goncalvez è stata sicuramente la vittoria nel Clasico contro il Nacional per 3 a 2, era solo il 24 Novembre ma per il tecnico sembrerà passata già un eternità. Si pensava potesse essere l’ inizio di una lunga serie di risultati positivi e un buon auspicio in vista del nuovo anno, invece il prestigioso sodalizio carboneros ha deciso di interrompere bruscamente il progetto avviato e affidarsi a un’ altra vecchia conoscenza dell’ ambiente Penarol: Jorge Fossati.

Jorge Fossati torna al Penarol dopo 18 anni (tenfield.com)
Jorge Fossati torna al Penarol dopo 18 anni (tenfield.com)

Sembra che i rapporti tra Goncalvez e alcuni giocatori non fossero dei migliori e le scarse prestazioni nel precampionato hanno evidenziato delle gravi lacune tattiche nell’ undici del Penarol che non sono piaciute al presidente Damiani, sempre più preoccupato. Un solo goal segnato in quattro gare amichevoli disputate (0 a 0 e 0 a 1 contro il Club Nacional, 1 a 1 contro il Velez e 0 a 1 contro l’ Olimpia) e un atteggiamento svogliato da parte dei giocatori hanno fatto sì che il patron intravedesse un futuro assai grigio per los hinchas del Decano e ha reputato opportuno stravolgere la situazione prima che fosse troppo tardi. “Tito è uno di famiglia qua, è stato un grande giocatore del Penarol e dispiace per come sia finita. Solo il tempo dirà se la nostra scelta è stata azzeccata”, afferma Damiani prima di dare il benvenuto (o forse meglio dire bentornato) a Jorge Daniel Fossati: “è già stato da noi e ha vinto, conosce l’ ambiente e ha una grandissima esperienza anche a livello internazionale. Ho scelto personalmente un allenatore di alto profilo per un progetto importante”. Il palmarès del “Flaco” come tecnico parla da solo: campione d’ Uruguay nel ’96 col Penarol, è rimasto nei cuori dei tifosi della Liga de Quito con la quale ha vinto un titolo nazionale nel 2003, una Copa Sudamericana e conseguente Recopa nel 2009; inoltre vanta in bacheca un campionato del Qatar e una Champions League asiatica con l’ Al Sadd e infine il titolo del Paraguay nel 2012 alla guida del Cerro Porteno. Curiosità: trionfo, quest’ultimo, conquistato ai danni dell’ Olimpia Asuncion, cui timoniere era proprio Gerardo Pelusso che si ritroverà contro nel Superclasico con il Nacional.

Forse questo esonero nei riguardi di Tito, uomo sul quale si riponevano grandi aspettative, è stato un pò avventato ma è probabile che alcuni retroscena e motivazioni verranno scoperti più avanti. Di certo il Penarol non si presenta nel migliore dei modi ai nastri di partenza della nuova temporada e domenica ci sarà già il primo esame per Fossati, contro il River Plate rivelazione del 2013. Doveva e deve per forza essere un anno di successi ma al momento ci sono molte incognite nell’ ambiente penarolenses, a partite dal mercato e senza dimenticare l’ appuntamento Copa Libertadores che il Campeon del Siglo dovrà assolutamente onorare e possibilmente andare il più lontano possibile. Una sfida affascinante quanto complicata per il “Flaco” Fossati.

 

  • Manuel

    Buona fortuna a fossati e al penarol speriamo sia una buona scelta e arrivo i risultati!

  • Francesco Madeo

    Fossati, un grande allenatore. Mi stupisce che non abbia mai avuto una chance europea.