Paraguay – L’ Olimpia vince tra le polemiche. In testa pareggi per Libertad e Sol de America. Ok il Cerro Porteno

Prosegue nel segno dell’ incertezza il campionato d’ Apertura paraguayo ormai giunto alla 10° giornata, la testa della classifica è sempre del Sol de America primo con 3 lunghezze di vantaggio sul Libertad ,che ha però un match da recuperare. Vincono Cerro Porteno e Olimpia Asuncion, entrambe provano a risalire la china dopo un inizio di stagione piuttosto altalenante complici anche gli impegni in settimana in Copa Libertadores. Momento non facile per il Guarani, El Cacique è ultimo a pari punti(7) con il River Plate e ha segnato solamente 7 gol fin’ ora, peggio dal punto di vista realizzativo ha fatto solamente proprio il River che ha battuto la porta avversaria solo in 5 occasioni.

La gioia di Rolon dopo il gol con il quale ha portat in vantaggio l' Olimpia (www.abc color.com)
La gioia di Rolon dopo il gol con il quale ha portat in vantaggio l’ Olimpia (www.abc.com)

Per quanto riguarda le sfide del week-end partiamo dalla vittoria per 4 a 1 dell’ Olimpia Asuncion contro il Rubio Nu dove il Decano, che doveva vincere a tutti i costi, viene aiutato da un arbitraggio alquanto discutibile che ha lasciato gli ospiti in 9 uomini già a fine primo tempo scatenando molte polemiche. Inizio di gara molto equilibrato, la gara si sblocca al  36′ con la rete di Carlos Rolon che porta avanti l’ Olimpia sugli sviluppi di un calcio d’ angolo. Subito il gol, il Rubio Nu, perde la testa e nel giro di 5 minuti prima rimane in 10 per l’ espulsione di Gustavo Romero (doppio giallo ma il secondo eccessivo) e poi in 9 a causa della gomitata di Fabio Escobar che colpisce Robert Piris . Nella ripresa Los Nuenses entrano in campo con la consapevolezza di dover evitare una goleada al “Manuel Ferreira” e ma resistono solo fino al 68′,  quando il giovanissimo Rodi Ferreira (classe 98′) subentrato nella ripresa sigla il gol del 2 a 0. Il colpo subito toglie energie fisiche e mentali agli ospiti che capitolano definitivamente all’ 80′  quando un buon passaggio di Luis Caballero permette a Freddy Bareiro di chiudere la contesa. Nel finale c’è ancora spazio per il gol della bandiera del Rubio Nu, che colpisce al 90′ con il suo uomo migliore, Diego Godoy, che si toglie almeno la soddisfazione di segnare una rete prima che, a recupero inoltrato, Alejandro Silva ( assist di Robert Piris) fissi il risultato sul 4 a 1. Polemiche a parte, vittoria importantissima per i ragazzi di Fernando Jubero che riescono a dare un minimo di continuità ai propri risultati e possono così avvicinarsi al meglio alla sfida delicatissima di Copa di questa settimana che è fondamentale per il proseguo della competizione. Da segnalare la grande prestazione di Robert Piris a metà campo autore di una partita in cui è stato fondamentale per il centrocampo della propria squadra sia in fase offensiva che difensiva.

Sergio Diaz talento classe 1998 del Cerro Porteno
Sergio Diaz talento classe 1998 del Cerro Porteno (credit: www.abc.com)

Vince anche il Cerro Porteno che espugna il campo del Deportivo Capiata nonostante le cose non si siano messe bene per il Ciclon che si è ritrovato con un uomo in meno al 32′ del primo tempo a causa della doppia ammonizione che l’ arbitro ha inflitto a Fidencio Oviedo. Ma la squadra guidata dal venezuelano Cesar Farias non perde la testa e nella ripresa scende in campo determinata a vincere e complici anche le mosse azzeccate del proprio allenatore, riesce a sopperire all’ inferiorità numerica sfruttando anche la grande intesa del terzetto offensivo formato da Luis Leal, Sergio Diaz(che ha firmato da pochissimo il contratto da professionista della durata d 5 anni con la maglia del Ciclon)  e Marcelo Estigaribia che regalano sprazzi di buon calcio infastidendo la difesa degli Escoberos. Il gol del vantaggio degli ospiti arriva così al 76′ ad opera di Marcos Riveros autore di una magistrale punizione che vale l’ 1 a 0 per il Cerro Porteno. Scossi dalla rete subita i padroni di casa, allenati da Feix Dario Leon, provano a reagire ma non riescono a sfondare la difesa Azulgrana nemmeno con le azioni di Julio Irrazabal e così al 91′ arriva la rete di Luis Leal che sigla la rete del 2 a 0 e sancisce in tal modo il ritorno alla vittoria del Cerro Porteno in campionato dopo 3 sconfitte di fila. Entrambe le squadre si trovano così appaiate a 13 punti a metà classifica.

L' attaccante del Libertad, Jorge Recalde esulta dopo il gol
L’ attaccante del Libertad, Jorge Recalde esulta dopo il gol (credit: www.abc.com)

Tremenda la beffa nei minuti finali toccata al Libertad che si è visto raggiunto dal General Caballero a recupero inoltrato. Allo stadio “Dr. Nicolas Leoz” passa avanti il Gumarelo grazie alla rete di Jorge Recalde che al 17′ porta avanti i suoi dopo essersi liberato con uno stop di petto molto elegante, nella ripresa però il General Cabellero pareggia i conti al 17′ grazie a ad una rete piuttosto rocambolesca di Hernesto Caballero il cui tiro finisce in rete dopo aver sbattuto prima sul palo e poi sulla spalla del portiere avversario Munoz. 10 minuti più tardi i ragazzi di Eduardo Rivera tornano avanti grazie ad un penalty (concesso per un fallo di mano) realizzato da Santiago Salcedo. Il gol del vantaggio sembra dare sicurezza al Libertad che però ha la grave colpa di non chiudere la gara sciupando diverse occasioni. Così al 93′ quando già i tifosi locali festeggiavano la vittoria arriva il gol del 2 a 2 ad opera di Jose Namandu che supera Munoz e porta a casa 1 punto prezioso per la classifica precaria del Matarife. 

Frena anche la capolista Sol de America impegnata in casa contro il malmesso Guarani che però a Villa Elisa da vita ad un match combattuto che nonostante lo 0-0 finale non ha mancato di offrire emozioni. La migliore chance del match capita al minuto 52′ della ripresa quando viene fischiato giustamente un calcio di rigore a favore del Cacique. Dal dischetto però Marcelo Palau si lascia ipnotizzare da Gerardo Ortiz che salva il risultato la porta dei Danzarines. Il Sol de America ci prova fino alla fine sbilanciandosi con l’ ingresso di Ernesto Alvarez e del “Loco” Sebastian Abreu che però non riescono a cambiare le sorti della gara. e così a fine gara la classifica delle due squadre cambia poco. Padroni di casa sempre primi con 19 punti mentre il Guarani allenato da Francisco Arce continua ad essere ultimo con soli 7 punti.

Negli altri match netta vittoria del General Diaz che in casa batte per 3 a o il River Plate. Davanti al proprio pubblico i padroni di casa dominano l’ intero match e vincono facilmente contro un avversario mai in partita. Infine termina per 1 a 1 la sfida tra Nacional Asuncion e Sportivo Luqueno. Vantaggio del Kurue-Luque al 12′ grazie alla rete del colombiano Vladimir Marin e pareggio del Tricolor siglato da Brian Montenegro che sigla il 7° centro stagionale e si porta in cima alla classifica marcatori.

CLASSIFICA 

# Squadra P. Dif P.ti
1 Sol de América Sol de América 10 7 19
2 Libertad Libertad 9 5 16
3 Sportivo Luqueño Sportivo Luqueño 10 2 16
4 General Díaz General Díaz 9 3 15
5 Rubio Ñu Rubio Ñu 9 2 15
6 Cerro Porteño Cerro Porteño 10 1 13
7 Deportivo Capiatá Deportivo Capiatá 10 0 13
8 Club Nacional Club Nacional 10 -2 12
9 General Caballero General Caballero 9 0 10
10 Club Olimpia Club Olimpia 9 -2 10
11 Guaraní Guaraní 9 -6 7
12 Club Ríver Plate Club Ríver Plate 10 -10 7