Paraguay – Festa rinviata per l’Olimpia

(lavozdigital.com.py)

Un inopinato stop, sul campo del già salvo e senza obiettivi General Diaz, rinvia di sette giorni la festa dell’Olimpia. Che, per mettere in bacheca il titolo nazionale numero 40 della propria storia, dovrà aspettare l’ultima giornata, quando ad Asuncion arriverà la matricola Deportivo Santanì.

(lavozdigital.com.py)
(lavozdigital.com.py)

Al Defensores del Chaco è l’esterno Cristian Gustavo Sosa a regalare tre punti insperati al Gral, utili più che per la classifica, in chiave promédio. Il General Diaz vince un match brutto e soprattutto spigoloso, alla fine del quale si conteranno dieci ammoniti, sette dei quali nelle fila locali. L’aver messo la gara sul piano fisico ha portato difficoltà in casa del Decano, capace di proporre gioco per un breve tratto di gara, a cavallo dei tempi, durante il quale sono arrivate un paio di occasioni interessanti create dalla coppia d’attacco Zeballos – Bareiro. Il dt Arce ha poi provato a spaccare il match con l’inserimento di Salgueiro, ma l’impatto del fantasista uruguagio non è stato pari alle partite passate, e la rete – subita al quarto d’ora a causa di uno svarione evitabile – ha segato le gambe agli albinegros. “Dobbiamo subito dimenticarci di questa sera e pensare a dare una gioia ai nostri tifosi nel prossimo turno – ha chiosato il Chiqui a fine incontro – Ci hanno sostenuti stasera, noi non li deluderemo domenica“.

Già, perché l’Olimpia campione è solo questione di tempo. Una festa rinviata nella quale difficilmente il Cerro Porteño potrà recitare il ruolo da protagonista, facendo cambiare direzione al titolo del Clausura incanalandolo sui binari che portano al barrìo obréro. Gli azulgrana la loro possibilità l’hanno persa la sera del clasìco, e nemmeno l’1-0 al Nacional è utile a riaccendere qualche speranza. A decidere il derby è un calcio di rigore, molto dubbio, trasformato da Jonathan Fabbro nel finale, quasi al termine di una contesa nella quale il Cerro non ha di certo brillato.

A ridosso delle prime posizioni, e in piena lotta per entrare in Copa Sudamericana, si assestano Guaranì e Libertad; la piccola compagine che tanto bene ha fatto durante la scorsa Libertadores va a prendersi un punto prezioso in casa del Deportivo Capiatà. I padroni di casa passano in vantaggio con un calcio di rigore trasformato da Irrazabal, ma vengono presto raggiunti dal solito Corréa. Sconfitta, la seconda del semestre, che non evita il Gumarelo, giustiziato da Escobar sul campo del Rubio Nu. A completare il quadro del 21° turno, in attesa del posticipo di stasera tra Sportivo Luqueño e San Lorenzo (già retrocesso), è arrivato l’1-1 tra Deportivo Santanì e Sol de America; la piccola realtà del 2015 rimane la sorpresa di un semestre durante il quale ha fatto vedere ottime cose, collezionando scalpi importanti e soprattutto imponendosi a livello organizzativo. Trascinata da Santiago Salcedo, il Sol de America passa in svantaggio per mano di Velazquéz, ma nella ripresa trova il pari firmato da Santacruz.

RISULTATI 21° TURNO
Deportivo Santanì 1-1 Sol de America
Rubio Nu 1-0 Libertad
Deportivo Capiatà 1-1 Guaranì
Cerro Porteño 1-0 Nacional Asuncion
General Diaz 1-0 Olimpia
Stasera: Sportivo Luqueño – San Lorenzo

CLASSIFICA – Olimpia 43, Cerro Porteño 41; Guaranì 39; Libertad 37; Deportivo Capiatà 30; Sol de America 26; Deportivo Santanì 25; General Diaz 24; Nacional 21; San Lorenzo 20; Sportivo Luqueño e Rubio Nu 19.