Paraguay Apertura 2015: Al Cerro il “Clasico” contro l’ Olimpia. Guarani corsaro contro il Libertad. Delude ancora il Nacional

parasudamericaSesta giornata ricca di emozioni in Paraguay. Era il weekend del Superclasico, che vedeva darsi battaglia al “Defensores del Chaco” Cerro Porteno e Olimpia, con la squadra di Nery Pumpido sconfitta di misura dopo aver giocato di gran lunga meglio rispetto ai rivali. Turno in cui si è registrata anche la vittoria del Guarani, che ha regolato a domicilio il Libertad con un secco 1 a 3, risultato che gli permette di sorpassare proprio il Gumarelo e prendersi la testa della classifica. Adesso gli Aurinegros possono preparare al meglio il gustoso recupero della quinta giornata, in cui saranno opposti al Cerro Porteno, che in classifica ha appena due lunghezze in meno. Nessun segnale di risveglio invece da parte del Nacional Asuncion: i ragazzi di Gustavo Morinigo non vanno al di là di un pari contro il fanalino di coda San Lorenzo. Un punto a testa che non soddisfa nessuna delle due squadre.

Il turno si era aperto sabato notte con la sfida tra il General Diaz e il Deportivo Capiata, con i secondi chiamati a fare dimenticare la disastrosa sconfitta di qualche giorno prima contro il Rubio Nu, che in casa aveva asfaltato i Capiatensi per 5 a 1, lasciando pensare che sarebbero stati tempi duri per i gialloblù. Ed invece la squadra di Hector Marecos, con due gol nella ripresa (Achucarro al 62′ e Mendieta al 65′) regola i rivali e fa un bel balzo in avanti in classifica. Situazione diversa per il General Diaz, che attualmente mostra di dipendere troppo dai gol del bomber Doldan e ora si trova penultimo con soli 4 punti. Per il club di Luque, soprattutto desta qualche perplessità il brutto gioco fatto vedere per tutti i 90 minuti e la mancata reazione dopo i gol subiti.

Chi sta vivendo un momento sicuramente non facile è il Nacional, stavolta La Academia impatta 1 a 1 contro il San Lorenzo. Partono bene i ragazzi di Gustavo Morinigo che però, per tutto il primo tempo, vanno a sbattere contro un Valinotti in versione para-tutto. Nella ripresa gli spettaori si aspettano un gol del Nacional, ma il Rayadito, tenuto in vita dalle parate del suo estremo difensore, colpisce a metà ripresa: il neoentrato Gonzalez, due minuti dopo il suo ingresso in campo, si fa trovare pronto e con un gran tiro batte Oscar Don e fa 1 a 0 per il San Lorenzo. Gran mossa di Humberto Ovelar e 4° centro in campionato per la punta del San Lorenzo. Per fortuna del Nacional Montiel dieci minuti più tardi fa 1 a 1 e riequilibra la gara, ma sono inutili gli assalti finali del Nacional, che deve accontentarsi del pari e mette ancora in evidenza le proprie difficoltà nel trovare la via del gol. In casa San Lorenzo resta da monitorare la situazione di Ovelar, che secondo le testate locali rischia seriamente di perdere la panchina: fondamentale la prossima partita in casa del ritrovato Deportivo Capiata.

Veniamo al primo al primo big match di giornata, con il Guarani che ha la meglio per 3 a 1 fuori casa sul Libertad. Partita ricca d’ emozioni fin dal primo minuto, quella giocata allo stadio ” Dr. Nicolas Lopez”. Gli Aurinegros passano avanti già dopo 2 minuti, grazie al gol di Juan Aguilar, bravo a controllare un pallone servitogli da Bartomeus e a girarlo in rete. Non si fa attendere troppo la risposta dei Los Repolleros, che 10 minuti più tardi pareggiano con un colpo di testa del numero 20 Antonio Bareiro, 1-1. Momento favorevole al Libertad, che gestisce il pallone e impensierisce più di una volta l’ estremo difensore ospite Aguilar, che però risponde sempre presente sui tentativi del Gumarelo e tiene la partita in parità. Come spesso succede nel calcio, se non sei cinico, poi finisce che il gol lo prendi: al minuto 40, Lezcano dalla destra butta un pallone in area, sul quale è bravissimo ad avventarsi Julian Benitez che regala ai suoi il gol del nuovo sorpasso. Primo tempo che termina però tra le polemiche, a causa di un gol fantasma non dato al Libertad poco dopo, che fa infuriare tutto lo stadio; infatti il tiro di Cardozo sbatte sulla traversa e casca ben al di là della riga di porta. Fatto sta che il primo tempo si conclude con il Guarani avanti per due reti a uno. L’ episodio innervosisce gli uomini di Pedro Sarabia, che nella ripresa controllano il gioco, ma non riescono a trovare il bersaglio grosso. E così, come nel primo tempo, a colpire sono gli Aurinegros: Santander, entrato nella ripresa al posto di Aguilar, salta un uomo e scarica per Fernando Fernandez che in mezzo all’ area non sbaglia e chiude i conti. Vittoria importantissima per il Guarani, che mette la freccia sul Libertad e si piazza al primo posto in classifica con 12 punti e il miglior attacco del torneo.

Buona vittoria per lo Sportivo Luqueno, che grazie alla “legge dell’ ex”, regola con due reti di Ortega il Rubio Nu, che aveva pareggiato con Nunez nella ripresa. Sportivo Luqueno che scavalca proprio gli avversari di giornata e si colloca a due punti di distanza dal primo posto.

Due squadre che si dovevano risollevare dopo le sconfitte nel turno precedente erano Deportivo Santani e Sol de America, che però finiscono per dividersi la posta in palio e portare a casa un punto a testa che per lo meno muove la classifica. I Los Danzarines, che erano passati avanti dopo appena 3 minuti con Hugo Santacruz, si fanno raggiungere a un quarto d’ ora dalla fine da Acosta che fissa il punteggio sull’ 1 a 1.

Piatto forte della sesta giornata è stato il Clasico tra Cerro Porteno e Olimpia, disputato al “Defensores del Chaco” e vinto dal Ciclon per 1 a 0 grazie alla rete a metà del primo tempo di Fabbro su calcio di rigore. L’ Olimpia esce sconfitta ma con la consapevolezza di aver giocato meglio, anzi per alcuni tratti di aver dominato gli avversari, ai quali va però riconosciuto il merito di aver difeso con le unghie il vantaggio, mostrando di saper soffrire senza perdere la testa. Ad iniziare meglio la gara sono i padroni di casa, che ne primi minuti si affacciano più volte davanti all’ area difesa da Campestrini, senza però riuscire a essere incisivi sotto porta. Ecco allora che a caricarsi la squadra sulle spalle ci pensa il “nino maravilla” del Cerro, Sergio Diaz,  che dopo una lunga cavalcata sulla fascia destra, prima salta Vargas e poi con un tunnel ridicolizza Rolon e costringe Salustiano Candia a stenderlo in area di rigore tra le proteste dei ragazzi di Nery Pumpido che non sono d’ accordo con la decisione dell’ arbitro. Dell’ esecuzione s’ incarica Fabbro che senza farsi condizionare dall’ emozione batte Campestrini e porta avanti gli Azulgrana. Bravo il numero 17 a non sbagliare il penalty, ma gran parte del merito va a Diaz che è stato bravissimo a cogliere impreparata la difesa dell’ Olimpia. A partire da questo momento è un monologo del Decano, i cui attacchi però vengono respinti da un Barreto in versione Superman. Incredibili le opportunità che capitano agli ospiti negli ultimi tre minuti della prima frazione: prima Walter Gonzalez, poi Salgueiro e infine Bareiro sciupano la possibilità di pareggiare la gara. All’ ingresso in campo per la ripresa, i ragazzi di Pumpido riprendono a bombardare la porta di Barreto che però risponde sempre presente e mantiene la propria porta inviolata. El Franjeado ci prova in tutti modi, con Pumpido che sbilancia la squadra con i cambi, ma senza ottenere il tanto cercato pareggio. E quando non ci arriva Barreto, ci pensa la traversa a salvare El Ciclon, come al minuto 70′ quando Vargas su punizione colpisce in pieno i legni della porta degli uomini di Leonardo Astrada. Inutili gli assalti finali dell’ Olimpia, che anzi rischia in contropiede di prendere il secondo gol che non arriva solo per un’ errore di mira di Ortigoza ben servito in contropiede da Cecilio Dominguez. La partita finisce e il Cerro vince il Clasico, portandosi a 10 punti in classifica e regalando ai propri tifosi la gioia della vittoria, dopo la delusione per l’ eliminazione dai preliminari di Copa Libertadores. L’ Olimpia frena il suo buon momento e si ritrova a 3 punti di distanza dai rivali in classifica, ma con la consapevolezza per quel che vale, di aver giocato bene e di aver messo sotto i rivali nel proprio fortino.

RISULTATI SESTA GIORNATA

Diaz – Deportivo Capiata 0 – 2

San Lorenzo – Nacional Asuncion 1 – 1

Libertad – Guarani 1 -3

Deportivo Santani – Sol de America 1 -1

Cerro Porteno – Olimpia 1 -0

Sp. Luqueno – Rubio Nu 2 – 1

CLASSIFICA GENERALE

# Squadra P. V P S Gol Dif P.ti
1 Guaraní, Paraguay Guaraní 5 4 0 1 14:9 5 12
2 Cerro Porteño, Paraguay Cerro Porteño 5 3 1 1 8:4 4 10
3 Libertad, Paraguay Libertad 6 3 1 2 7:6 1 10
4 Sol de América, Paraguay Sol de América 6 3 1 2 7:7 0 10
5 Sportivo Luqueño, Paraguay Sportivo Luqueño 6 3 1 2 7:9 -2 10
6 Deportivo Santaní, Paraguay Deportivo Santaní 6 2 3 1 9:5 4 9
7 Rubio Ñu, Paraguay Rubio Ñu 6 3 0 3 10:8 2 9
8 Deportivo Capiatá, Paraguay Deportivo Capiatá 6 3 0 3 8:11 -3 9
9 Club Olimpia, Paraguay Club Olimpia 6 2 1 3 7:6 1 7
10 Club Nacional, Paraguay Club Nacional 6 1 3 2 4:7 -3 6
11 General Díaz, Paraguay General Díaz 6 1 1 4 6:8 -2 4
12 Sportivo San Lorenzo, Paraguay Sportivo San Lorenzo 6 0 2 4 9:16 -7 2

CLASSIFICA MARCATORI 

1. Wilson Leiva Paraguay Paraguay Deportivo Santaní Deportivo Santaní 5 (0)
2. Nery Cardozo Paraguay Paraguay Rubio Ñu Rubio Ñu 4 (0)
Diego Doldán Paraguay Paraguay General Díaz General Díaz 4 (0)
Adalberto González Paraguay Paraguay Sportivo San Lorenzo Sportivo San Lorenzo 4 (0)
5. Gerardo Arévalo Paraguay Paraguay Sportivo San Lorenzo Sportivo San Lorenzo 3 (0)
Fernando Fernández Paraguay Paraguay Guaraní Guaraní 3 (0)
Rodrigo López Uruguay Uruguay Libertad Libertad 3 (0)
José Ortigoza Paraguay Paraguay Cerro Porteño Cerro Porteño 3 (1)
Santiago Salcedo Paraguay Paraguay Sol de América Sol de América 3 (2)
10. Jorge Achucarro Paraguay Paraguay Deportivo Capiatá Deportivo Capiatá 2 (0)
Juan Aguilar Paraguay Paraguay Guaraní Guaraní 2 (0)
Antonio Bareiro Paraguay Paraguay Libertad Libertad 2 (0)
Julián Benítez Paraguay Paraguay Guaraní Guaraní 2 (0)
Wálter González Paraguay Paraguay Club Olimpia Club Olimpia 2 (0)
Gumercindo Mendieta Paraguay Paraguay Deportivo Capiatá Deportivo Capiatá 2 (0)
Jorge Ortega Paraguay Paraguay Sportivo Luqueño Sportivo Luqueño 2 (0)
Dionisio Pérez Paraguay Paraguay Club Nacional Club Nacional 2 (0)
Robert Piris Paraguay Paraguay Rubio Ñu Rubio Ñu 2 (0)
Esteban Ramírez Paraguay Paraguay Sportivo Luqueño Sportivo Luqueño 2 (0)
Juan Raponi Argentina Argentina Sol de América Sol de América 2 (0)
Rodrigo Teixeira Brasile Brasile Deportivo Santaní Deportivo Santaní 2 (0)
Juan Salgueiro Uruguay Uruguay Club Olimpia Club Olimpia 2 (1)
Federico Santander Paraguay Paraguay Guaraní Guaraní 2 (0)