Paraguay 3° giornata: ancora k.o. Olimpia e Nacional, bene Cerro Porteno e Guarani

IMG2

Archiviata anche la terza giornata di Apertura in Paraguay. Il turno si è aperto con lo scontro tra Guarani e General diaz, giocato venerdi e vinto dagli Aurinegros, per poi concludersi con l’ ennesima prova incolore di un’ Olimpia sconfitto ancora dal Deportivo Capiata. Mentre con un netto 0-3 esterno il Cerro Porteno (eliminato dai preliminari di Libertadores) trova la vetta della classifica in solitaria con 7 punti.

Come detto il Guarani ha avuto la meglio del General Diaz nell’ incontro del Rogelio Livieres, dove gli ospiti erano anche passati in vantaggio con il solito Doldan (3 gol in 3 gare), prima della rimonta degli uomini di Fernando Jubero. Infatti nella ripresa, grazie ai gol di Federico Santander (58′), Fernando Fernandez (59′) e Julian Benitez (64′) il Guarani ribalta la situzione. Insomma, dieci minuti terribili per le Aquile del Diaz, che subiscono il gioco offensivo e la voglia di vincere del furioso Guarani. Troppo tardi si risvegliano gli uomini di Humberto Garcia che all’ 87′ trovano di testa con Enzo Prono il gol del 3 a 2, utile ad aumentare soltanto il rammarico. Seconda vittoria in tre partite per il Guarani, che in settimana è pronto a fare l’ esordio in Copa Libertadores contro lo Sporting Cristal, partecipazione alla quale mancava dal 2009. Il General Diaz invece, frena di nuovo dopo la bella vittoria di settimana scorsa contro il Sol de America e resta ancorato a quota 3 punti.

Sabato si è consumato il pareggio per 1 a 1 tra Deportivo Santani (sorpresa di questa stagione) e il Libertad. Parte meglio il Gumarelo (in settimana se la vedrà contro l’ Atletico Nacional in Copa Libertadores) che domina la prima frazione di gioco, trovando al 16′ il gol del vantaggio con Rodrigo Lopez su assist di Moreira. Tutto sommato il Santani non sembra accusare troppo il colpo, benchè fino alla fine del primo tempo, le migliori occasioni siano per gli ospiti. Ma nella ripresa la squadra di Felix Leon entra in campo più sicura e concentrata, e al 61′ trova il gol del pari con Wilson Leiva, lesto a trafiggere Munoz in uscita. Sono 3 i gol in campionato per Wilson Leiva così come per Rodrigo Lopez. La battaglia in campo continua, ma apparte due espulsioni nelle fila del Libertad, il risultato non cambia. Un pareggio che alla fine accontenta maggiormente il Deportivo Santani, che così si trova imbattuto dopo 3 giornate al suo esordio in Primera Division, il Libertad al contrario non pensava di trovare un avversario così organizzato e maturo nel non perdere la testa dopo il primo gol subito.

Bene anche il Sol de America di Mario Jacquet, che in casa vince la seconda partita su due, stavolta 2 a 1 contro il San Lorenzo. Gli Azul, che avevano vinto all’ esordio casalingo, erano poi incappati in una brutta sconfitta settimana scorsa contro il General Diaz, ed era questa la migliore occasione per ripartire. Sfida chiusa dopo nemmeno mezzora del primo tempo. Il vantaggio arriva su rigore, con Salcedo bravo a battere Lopez e siglare l’ 1 a 0. Otto minuti più tardi è il terzino Caceres che con un gran tiro trova il gol del 2 a 0 per i Danzarines. Nella ripresa cambia poco, il Sol de America continua a fare la partita proponendo un gioco offensivo, seppur senza siglare il gol del 3 a 0 per alcuni errori sottoporta. Nei minuti di recupero moto d’ orgoglio del San Lorenzo che trova il gol con Javier Gonzalez, entrato 10 minuti prima: troppo tardi però.

Vittoria scaccia pensieri anche per il Cerro Porteno. La squadra di mister Leonardo Astrada era chiamata a rialzarsi dopo il deleterio pareggio casalingo contro i venezuelani del Tachira, che è costato l’ eliminazione dalla Copa Libertadores. Netto il 3 a 0 con cui El Ciclon si è sbarazzato dello Sportivo Luqueno. Al Feliciano Caceres decidono i gol di Paniagua (60′), Diaz (73′) e di Ortigoza (79′). Molto da lavorare ancora in casa Luqueno, mentre gli Azulgrana volano in testa con 7 punti. Già qualcosa per consolarsi dall’ eliminazione dalla Copa, quantomeno inaspettata.

Ultimi e con numerosi problemi ancora da risolvere sono l’ Olimpia e il Nacional di Asuncion: due delle cosiddette grandi di questo campionato. Non solo sono a secco di vittorie dopo 3 giornate, ma faticano terribilmente anche a trovare la via della rete. E’ stato un gran trionfo quello del Rubio Nu sul Nacional: i Nuenses regolano per 3 a 1 i loro avversari e fanno un importante balzo in avanti, salendo a quota 6 punti. Primo tempo bloccato sullo 0 a 0, ma nella ripresa il Rubio entra in campo più deciso e al 48′ passa avanti con Francisco Vera. Il Nacional così si trova costretto a sbilanciarsi e a lasciare spazi ai padroni di casa, che puntualmente al 57′ infilano il 2 a 0 con Nery Cardozo. La partita sembra chiusa, ma al 70′ Perez la riapre con un acuto, prima che Robert Piris metta nuovamente la parola fine all’ 89′. Questo Apertura non ha ancora registrato una vittoria del Nacional, che dovrà sin dal prossimo turno rialzare la testa prima che sia troppo tardi.

Malissimo anche l’ Olimpia. Il Decano era atteso dalla partita della svolta, ma così non è stato e anzi, si è dovuto arrendere in casa, contro un ottimo Deportivo Capiata. Crisi pesante per gli uomini di Nery Pumpido che si trovano con appena 1 punto e 1 solo gol fatto. Mister Pumpido pensava di risolvere il problema legato al gol dei suoi con un atteggiamento chiaramente offensivo. E così dentro dal primo minuto le tre punte: Acuna, Gonzalez e Bareiro tutti assieme per cercare di aumentare il peso in attacco. Mossa che non paga dato che all’ Olimpia manca evidentemente un centrocampista in grado di proporre gioco e di legare a dovere le due fasi, difensiva e offensiva. Al contrario il Deportivo Capiata gioca un incontro quasi perfetto, fatto di corsa e di ripartenze immediate che venivano rese ancora più facili dai buchi lasciati in mezzo al campo dall’ Olimpia. All’ 8′ minuto è gia vantaggio ospite: gran giocata del centrocampista William Candia e Gustavo Romero batte Campestrini per il vantaggio del Capiata. L’ ansia prende il sopravvento sull’ Olimpia di Pumpido, che sbaglia anche passaggi elementari e che in tutti i primi 45′ di gioco sfiora il pari solo in un’ occasione, quando di testa Carlos Rolon per poco non fa 1 a 1. Nella ripresa l’ Olimpia prova a prendere per mano la partita, ma troppo nervosismo e poca lucidità fanno sì che ogni contropiede degli ospiti sia una potenziale occasione da gol. Serviva una svolta per il Franjeado, svolta che arriva al 75′ quando l’ arbitro concede un penalty per un fallo di Jorge Paredes su Eduardo Aranda. Dagli undici metri si presenta la stella Salgueiro (entrato ad inizio ripresa) che fa 1 a 1. Nessuno si poteva aspettare però ciò che sarebbe successo al 92′ quando Achucarro, entrato al posto di Lopez, parte in contropiede, lascia sul posto Salustiano Candia e zittisce il pubblico del Manuel Ferreira siglando il punto dell’ 1 a 2 per il Capiata e lasciando il Decano con 1 punto in classifica e con tantissimi dubbi sul futuro.

Risultati terza giornata:

Guaraní 3 2 General Díaz
Deportivo Santaní 1 1 Libertad
S. de América 2 1 Sportivo San Lorenzo
Svo. Luqueño

0 3 C.Porteño
Rubio Ñu 3 1 Nacional
Olimpia 1 2 Dvo. Capiatá

Classifica:               

PTS P G N P
Cerro Porteño 7 3 2 1 0
Guaraní 6 3 2 0 1
Rubio Ñu 6 3 2 0 1
Deportivo Capiatá 6 3 2 0 1
Sol de América 6 3 2 0 1
Deportivo Santaní 5 3 1 2 0
Libertad 4 3 1 1 1
Sportivo Luqueño 4 3 1 1 1
General Díaz 3 3 1 0 2
Olimpia 1 3 0 1 2
Sportivo San Lorenzo 1 3 0 1 2
Nacional 1 3 0 1 2

Classifica marcatori

D. Doldan. General Díaz 3

W. Leiva 3 López Libertad 3

J. Ortigoza C.Porteño 3

F. Fernández Guaraní 2