Messico, scandalo Trevino: il politico chiama “scimmia” Ronaldinho

La lettera di scuse firmata da Trevino
La lettera di scuse firmata da Trevino

La madre degli idioti è sempre incinta. In tutto il mondo, non solo in Italia.
Nonostante l’avventura di Ronaldinho non sia ancora cominciata sul campo da gioco, il brasiliano è stato già vittima di un’uscita poco felice da parte di un politico del partito PAN di Querétaro.

Carlos Trevino si è lamentato del traffico vicino lo stadio, dovuto alla presentazione dell’ex pallone d’oro, che lo ha portato ad arrivare a casa con due ore di ritardo dando la colpa alla “scimmia” brasiliana.
La dirigenza dei Gallos Blancos ha chiesto ufficialmente delle scuse che sono arrivate con una lettera dopo due giorni dall’evento accaduto.
Il fattaccio non è stato ben visto neanche dal partito politico con alcuni rappresentanti che hanno chiesto la testa di Trevino.

Di tutto ciò, Ronaldinho non ha commentato nulla mostrandosi superiore e ha preso parte nella giornata di lunedì al primo allenamento con la squadra. Per il debutto bisognerà aspettare la Copa MX, dove Dinho esordirà contro i Tigres.

Boom prezzi: domenica è previsto lo scontro tra i Chivas e i Gallos Blancos a Guadalajara nel bellissimo stadio Omnilife. La dirigenza dei rojiblancos ha pensato bene di aumentare i prezzi per la partita del 25%, portando i biglietti ad essere più cari rispetto allo scontro con il Cruz Azul, una delle squadre più famose e forti di tutto il Messico.

Per quanto riguarda il Queretaro si stima che nelle ultime cinque partite in casa con un 100% di affluenza, possa incassare 40 milioni di pesos (2,5 milioni di euro). Una cifra non male per una squadra mai presa in considerazione in Messico che potrà beneficiare anche degli introiti dovuti alla vendita di gadget e magliette.