Messico: Cruz Azul ko, sale il Toluca. L’América domina il Clásico

La capolista sconfitta a domicilio dall’Atlas, il Toluca regola Los Tigres e si avvicina ad un solo punto, Las Aguilas umiliano il Guadalajara. In coda importante vittoria del Veracruz, il Puebla guadagna un punto ma sarà sufficiente?

Barragán e Maikon Leite, mattatori contro la capolista (foto: Mexsport)
Barragán e Maikon Leite, mattatori contro la capolista (foto: Mexsport)

di Mirko Bianchi

La tredicesima giornata del torneo Clausura offre alcuni spunti interessanti: è crisi per il Cruz Azul? E’ rinascita per l’América? Puebla condannato oppure no?

Procedendo con ordine, la giornata si apre con tre punti d’oro per il Santos Laguna che, grazie ad una rete di Oribe Peralta al 91’, porta a casa l’intero bottino contro i Pumas dell’UNAM. Ospiti in vantaggio dopo soli due minuti grazie ad un fortunoso gol di Dante López. Pareggio ad opera di Oribe “El Hermoso” Peralta al 21’ e definitivo vantaggio degli Albiverdes con il colpo di testa dello stesso numero 24 in pieno recupero.

Venerdì fortunato anche per il Querétaro, che incassa tre punti (2-1) contro il Tijuana grazie ad una doppietta (golazo al 13’ e gollonzo al 35’) di Ricardo Jesus. Il momentaneo pareggio degli ospiti porta la firma di Darío Benedetto al 28’ (botta sotto la traversa, qualche responsabilità dell’estremo difensore locale Hernández ma comunque un bel gol). Vittoria più che importante per il Querétaro che rientra nel gruppone che si contenderà fino all’ultimo un posto nella Liguilla.

Sabato il Veracruz ottiene una vittoria contro il Pachuca (3-1) che potrebbe rivelarsi molto importante. Tiburón in vantaggio già al 10’ con un notevole tocco di prima da parte di Efrain Cortés ma nella propria porta… Pareggio allo scadere del primo tempo con un bel colpo di testa di Enner “Súperman” Valencia. Veracruz che chiude la questione tra il 69’ (Liber Quiñones su tiro di Jehu Chiapas talmente sbilenco che il commentatore messicano lo definisce “horible”…) ed il 72’ (con “El Doctor” Borja che brucia in velocità due difensori, anticipa il terzo e batte il portiere ospite).

Cade a domicilio il Cruz Azul davanti ad un ottimo Atlas. Ospiti in vantaggio dopo due minuti con “El Gasolinero” Barrágan (assist di José Ortigoza), pareggio de La Maquina al 13’ con Marco Fabián, nuovo vantaggio Zorros con Maikon Leite al 32’ (ancora assist di Ortigoza), terzo gol ospite ancora con Martín Barrágan al 43’. Atlas che si gode questa importantissima affermazione, probabilmente fondamentale in ottica lotta per non retrocedere. Tanti, tantissimi invece gli interrogativi da risolvere per il Cruz Azul: un punto in due mediocri partite è qualcosa su cui riflettere a lungo.

Di Toluca-Tigres (2-1) si può dire che i padroni di casa hanno imparato la lezione e dopo aver subito dall’Atlante non ripetono lo stesso errore, giocando in maniera intensa e concentrata. Apre le marcature Pablo Velázquez con un bel colpo di testa (minuto 11), replica “El Gringo” Torres con un sinistro che il portiere locale Talavera riesce solo a sfiorare (minuto 50’) ed infine Raúl Nava López regala la vittoria a los Diablos Rojos al 91’. Grazie a questa vittoria il Toluca è ora ad un solo punto dalla testa della classifica.

Allo stadio Tecnológico di Monterrey Los Rayados e l’Atlante danno vita ad un incontro combattuto; il risultato premia i padroni di casa (3-2). Apre le danze il brasiliano Lucas Silva al 14’ (1-0), pareggia al 24’ Michael Arroyo Mina su rigore, al 53’ il colombiano Wilson Morelo riporta avanti il Monterrey. Terzo gol dei biancoblu al 66’ (César Delgado), Roberto Gutiérrez Gamboa segna il secondo gol azulgrana al 71’ ma non basta per portare a casa un punto.

Per definire il risultato di Jaguares-Monarcas potremmo utilizzare il termine cestistico “a fil di sirena”, visto che il gol decisivo del colombiano Wilberto “la bestia” Cosme è arrivato praticamente mentre l’arbitro stava portando il fischietto alla bocca per chiudere le ostilità. Da segnalare la maglia “ecologica” dei padroni di casa, sicuramente molto particolare (ed ancor di più lo è la seconda maglia dei biancoverdi…).

Puebla e Léon si dividono la posta in palio. Nel caso degli ospiti si tratta sicuramente di due punti lasciati lungo il cammino verso la Liguilla, mentre i poblanos giocano in pratica venti minuti e portano a casa un punto che li fa ancora sperare in ottica salvezza. Gol segnati da Carlos “Gullit” Peña (0-1 al 48’) e Luis Noriega al 75’ (“pase para gol” di Carlos Sánchez, anche se in realtà si è trattato di un tiraccio riciclatosi in un discreto cross).

Ultima, sicuramente non in ordine di fascino, partita della giornata il “Clásico”, ovvero Guadalajara-América. La cronaca sarà breve: ospiti in gita di piacere, 0-4 che risulta essere il miglior risultato di sempre ottenuto da Las Aguilas in trasferta in una partita di campionato (in un’altra occasione avevano segnato quattro reti, las Chivas però avevano risposto con tre). Luis Gabriel Rey al 9’ (difesa locale imbarazzante) ed al 14’ (gran tiro da lontano ed esultanza del Canguro a seguire), Raúl Alonso Jiménez al 55’ (difesa biancorossa in bambola totale), Luis Ángel Mendoza al 74’ (altro orrore difensivo) entreranno sicuramente nella storia del club di Città del Messico. E popoleranno gli incubi dei tifosi biancorossi…

 

RISULTATI 13° GIORNATA

Querétaro FC – Tijuana 2-1

Santos Laguna – Pumas UNAM 2-1

Veracruz – Pachuca 3-1

Cruz Azul – Atlas 1-3

Toluca – Tigres UANL 2-1

Monterrey – Atlante 3-2

Jaguares Chiapas FC – Monarcas Morelia 1-0

Puebla-Léon 1-1

CD Guadalajara – América 0-4

 

CLASSIFICA

Cruz Azul 29

Toluca 28

Santos Laguna 20

América 20

Pachuca 20

Pumas UNAM 18

Atlante 18

Atlas 17

Tijuana17

CD Guadalajara 17

Léon 16

Monarcas Morelia 16

Jaguares Chiapas FC 16

Querétaro FC 16

Monterrey 15

Tigres UANL 14

Veracruz 13

Puebla 11

  • francesco

    delusione pazzesca per i tifosi del chivas, non solo ha straperso ma ha anche giocato piuttosto male, e la qualificazione alla liguilla sempre più in bilico.. non a caso hanno esonerato il tecnico real e stanno prendendo la volpe… tecnico esperto, ma forse un po datato? sicuramente non può fare peggio di real