Messico: Clausura 2014 – Primera División

Leon campione15/12/2013 – Leon Campione Apertura 2013.
04/01/2014 – Inizia il Clausura 2014.

Il tempo è tiranno, si sa, e dopo appena 20 giorni dall’ultimo capolavoro calcistico, in Messico è già tempo di Ricominciare: ricominciare una nuova avventura, azzerare i conti con il passato, belli o brutti che siano stati, e calarsi nuovamente in un nuovo torneo, in una nuova realtà, in una nuova vita. Una delle cose sicuramente più belle del calcio Sudamericano è l’imprevedibilità: alzi la mano chi all’inizio dell’ultima Apertura avrebbe pronosticato il Leon campione, dopo 21 anni, vincitore in finale per ben 5-1 contro l’America, la schiacciasassi della Regualr Season. Sognare, calcisticamente parlando, per fortuna, in SudAmerica è ancora consentito e così come ogni semestre, si riparte con un calderone di speranze, scongiuri, preghiere, voti, certezze ed illusioni.

América
Le aquile ricominciano questa Liga, con un unico pensiero fisso: conquistare il Titolo. E’ ancora fresca la ferita della sconfitta maturata nela finale di liguilla contro il Leon. Tra i nuovi arrivati troviamo: il difensore Pablo Aguilar e l’attaccante Andrés Ríos. Quest’ultimo è il colpo di mercato più recente degli Azulcremas (dopo il definitivo abbandono delle piste ScoccoCaicedo): 23 anni, argentino, un passato al River Plate, Wisla Cracovia ed infine al Deportivo Cuenca. Dovrà vedersela in attacco con Raúl Jiménez e Luis Gabriel Rey. Tra gli arrivi illustri, spicca in panchina el Turco Mohamed (subentrato al posto di Miguel Herrera), vecchio conoscitore del calcio messicano e reduce da un semestre non troppo esaltante in Argentina. In uscita segnaliamo gli addi di MinaBermudez e Burón, di ritorno dal prestito al Queretaro.

Tigres
Le Tigri, si presentano ai nastri di partenza, con una considerevole voglia di rivalsa, dovuta all’eliminazione nello scorso campionato per mano dell’America. Tra gli arrivi ci sono: Burbano (fresco campione di Liga), Estrada, Villaluz (di ritorno dal prestito) e Espericueta (salito in prima squadra). Un’importante defezione, invece, è quella che obbligherà il Tigres a riunciare in questo semestre a Villa,fuori per infortunio. In attacco, tutte le speranze sono riposte in Alan Pulido, un giovane che più che promessa ormai è diventato una realtà per i felinos.

Cruz Azul
Un lungo semestre a grandi livelli e poi una deludente sconfitta nel primo incontro decisivo della stagione. E’ questa la sintesi dell’ultima temporada degli azzurri. La maquina, in questa finestra di mercato, è forse la squadra che ha subito le modifiche più rilevanti. Vázquez ha rescisso il contratto, Lara, Madrid e Flores sono andati in prestito e Castro e Rodriguez sono stati ceduti. A rinforzare la plantilla, ci pensano Marco Fabián (dal Chivas), Fausto Pinto, Xavier Báez e lo stratega Luis Fernando Tena. 

Monterrey
Il Monterrey non ha effettuato cambiamenti rilevanti nel suo organico e dovrà affidarsi nuovamente al profe Cruz, per cercare di far un campionato ai livelli che gli competono. Los Rayados, acquistano Arce, Ramirez, Morelo e Ramos. Madrigal e Acosta, invece, vanno in prestito all’Atlante.

Pachuca
Il Pachuca, si conferma la squadra messicana che più di tutte, ogni anno, cambia tanto e raccoglie poco. Anche quest’anno tanti addii e tante novità. Sicuramente le speranze di Enrique Meza (con fiducia a tempo), sono quelle di arrivare per lo meno alla Liguilla. I maggiori movimenti li vediamo nella zona offensiva del team. Un grande addio è quello del torito Cavenaghi, che lascia los Tuzos, per tornare al suo River. A prendere il suo posto arrivano Acosta, Pajoy, Colon e soprattutto Enner Valencia (Emelec). In uscita, anche quest’anno è un esodo: Arce, Suarez, Rojas, Riascos, Morales, Bueno, Garcia, Gastelum, Ledesma, Estrada e Gomez.

Toluca
Il Toluca, lascia un 2013 consapevole di aver fatto una gran bella impressione e con l’obbiettivo dichiarato di José Saturnino Cardozo di migliorarsi ulteriormente in questo 2014 puntando almeno ai play-off. In prestito arrivano Ponce e Orrantia; a titolo definitivo Salgueiro. Dall’altro lato, Rodríguez va al Chivas, Pinto e Baez tornano al Cruz Azul e Ortiz dovrà assistere da spettatore causa infortunio.

Juaguares
I giaguari sono una delle squadre invischiate nella lotta per non retrocedere (12 punti di vantaggio sull’Atlante) e faranno di tutto per tirarsi fuori da queste sabbie mobili. In entrata arrivano Casillas, Gabas, Rojas e Nava. Lasciano il Chiapas: Bella, Torres, Villaluz, Velasco, Juarez e Alvarez.

Veracruz
Il Veracruz, non ancora al riparo per il descenso, dovrà subito far i punti necessari e mettersi in una posizione favorevole tale da pensare con tranquillità a ben più ambiziosi traguardi. Parlando di rinforzi, si aggregano alla squadra Quiñones, Bajter e Moreno. In uscita, troviamo: Tejada, Marrugo, Martinez, Santana Murguia.

Atlas
Rivoluzione totale è quella avvenuta in casa dell’Atlas. Los Rojinegros, non solo hanno cambiato proprietario (TV Azteca), non solo hanno risanato economicamente le proprie finanze, non solo sono stati capaci di attuare una buona campagna acquisti ma hanno anche visto tornare in panchina l’artefice dell’ultimo traguardo, chiamato liguilla, Tomas Boy. L’Atlas dovrà rinunciare al suo goleador Omar Bravo, ma allo stesso tempo potrà contare sull’abile Federico Vilar, oltre a Perez, Bucio, Leite, Pindter e Gastelum. Con Bravo, se ne vanno, Villalobos, Loera, Pinto e Ayala.

Tijuana
Gli Xolos, cercheranno di rivivere la gloria passata, neanche troppo tempo fà, affidandosi al venezuelano César Farías. Ulteriori innesti sono poi avvenuti in difesa e in attacco con l’argentino Pellerano e con l’ecuadoriano Jaimen Ayoví. Tra le cessioni vediamo: Polo, Cerda, Olsina ed Enriquez.

Pumas
La squadra di José Luis Trejo dovrà assolutamente cambiare marcia in questa temporada, per cercar di dimenticar in fretta l’ultimo posto in classifica collezionato nella passata stagione. Gli universitari potranno contare, tra gli altri, su Ismael Sosa, attaccante argentino con un passato nell’ Independiente, Argentinos Juniors e Universidad Católica (dove è stato capocannoniere). A contendergli il posto ci saranno Dante López ed il giovane Daniel Ramírez. Ulteriori rinforzi sono Morales, Izazola, Ludueña, Augusto e Lagos.

Puebla
Il Puebla, con al comando Rubén Omar Romano, punterà direttamente alla qualificazione alla liguilla. Per puntellare la difesa, arriva dal River Plate, Jonathan Maidana, esperto difensore (con un passato ne Los Andes, Boca Juniors, Metalist e Banfield) che può agire tanto da centrale come da laterale. Con lui arrivano in prestito: Barrera, Meja, Luna, Villalobos, Alvarez e Torres. Termina il prestito, invece, di Lacerda che torna al Santos Laguna. Infine cessioni di Moreno, Augusto, de Buen e Ruiz.

Atlante
Los Potros de hierro, in questa Clausura, siamo sicuri che si si giocheranno la vita dalla prima all’ultima giornata, in virtù di una tabla de descenso che, ad oggi, li condanna inesorabilmente. Ad alimentare qualche speranza di permanenza nella massima serie, arrivano gli attaccanti Arroyo, Mina e Madrigal ed i difensori Bornstein, Candia, Zamora e Dominguez. In uscita segnaliamo: Orozco, Rojas, Diego, Vera e Fonseca.

Leon
Dopo appena 20 giorni dalla conquista del titolo, i campioni in carica del torneo, ritornano sui campi da gioco, con ancora nellla mente e nel corpo la sbornia dei festeggiamenti. I leoni, confermano completamente la propria rosa, eccezion fatta per la cessione di Hernán Burbano, ampiamente sostituito, però, da Miguel Sabah e José María Cárdenas. La star di questa squadra è superfluo dire che è rappresentata da quel Mauro Boselli, laureatosi capocannoniere della Liga.

Santos Laguna
I lagunari, arrivano a questa clausura, con la soddisfazione di chi sa di essersi arreso solo contro i futuri campioni. Lo stratega Pedro Caixinha, vuole nuovamente ripetersi e cercare di arrivare ancora più vicino al trofeo finale. Il Santos è ormai una squadra esperta e rodata e gli arrivi di Ribair Rodríguez e Jonathan Lacerda, non fanno altro che rafforzare un organico già di per sè molto solido. Rodríguez (26 anni ma già una notevole esperienza in Italia, Uruguay e Argentina) è un giocatore polivalente, capace di ricoprire sia il ruolo di difensore centrale che quello di centrocampista di contenimento.
In uscita lasciano i lagunari Baloy, Cuevas ed Esterilla.

Chivas
Il Chivas dovrà dimenticare uno dei peggiori campionati della sua storia e oltre a questo dovrà rinunciare ad alcuni elementi chiave della sua colonna vertebrale come Héctor Reynoso e Marco Fabián. Per far questo, los rojiblancos, saranno comandati da José Luis Real in panchina e guidati da Omar Bravo in attacco. Tra gli arrivi segnaliamo anche Israel Castro, Jair Pereira e Carlos Gerardo Rodríguez.

Morelia
Los Monarcas, hanno aumentato la competitività della propria rosa, acquistando un elemento per reparto: Felipe Baloy in difesa, Egidio Arévalo a centrocampo e Duvier Riascos in attacco. Uno degli abbandoni più pesanti e quello di Federico Vilar, fidato portiere di Carlos Bustos. Il Morelia, oltre a lottare per conquistare finalmente il titolo, si vedrà impegnata anche nella Copa Libertadores, più un sogno che un obbiettivo.

Queretaro
La squadra di Ignacio Ambríz, proverà di nuovo a ripetersi, cercando di raggiungere le fasi finali della Liga e per far questo ha confermato l’intera rosa messicana di giocatori, con l’innesto di qualche straniero, come per esempio Guastavino, William, Sanvezzo e Martinez. Sul versante delle cessioni: Nava, Apodi,  GabasOswaldo Henriquez.

 

Buon campionato Clausura a tutti.

  • guido

    Il MESSICO non è SudAmerica ma Nord America….

    • http://andreabracco.blogspot.it/ Andrea Bracco

      Grazie per la dritta e per l’enorme apporto alla discussione. A presto.

  • Gasco

    Ma il Messico quando parte l’azione del movimento dei continenti parte in posizione regolare

  • http://calciosudamericano.it Marco Bernardello

    Mi risulta che il Messico sia in centroamerica. Inoltre a Queretaro farebbero bene a mettersi il cuore in pace: sono sicuro che Camilo Sanvezzo resterà a Vancouver.

  • http://calciosudamericano.it Marco Bernardello

    Mi risulta che il Messico sia in centroamerica. Inoltre a Queretaro dovranno cambiare obiettivo: credo che Camilo Sanvezzo resterà a Vancouver.