Messico – Apertura: con Pabon vola il Monterrey, bene America e Tigres, Leoni senza unghie ancora in coda

Pabon MonterreySe chi ben comincia è a metà dell’opera, allora possiamo a buon motivo dire che dopo questa seconda giornata di Liga messicana, il Monterrey e l’America mettono un secondo piccolissimo mattoncino nella conquista del loro sogno.

Allo stadio Hidalgo di Pachuca, viene scritta un pezzettino di storia e gli autori non possono che essere Dorlan PabónJonathan Orozco. Partita bloccata per 90 minuti sui binari dello 0-0 grazie ad una prestazione incredibile del portiere ospite, capace di far impazzire los tuzos, bloccando ogni minima loro occasione da gol. Hirving Lozano e Matías Alustiz siamo sicuri che stanotte avranno gli incubi ripensando sa quanto hanno creato e quanto poco siano stati fortunati nel primo tempo. Nella ripresa, i rayados hanno il merito di riuscir ad addormentare la partita e bloccare ogni minima costruzione di gioco avversario con numerosi falli tattici, finchè, ormai allo scadere, Pabon vola sulla fascia, dribbla un difensore e conclude con un diagonale preciso e potente che sbatte contro il palo interno e supera l’incredulo ‘Conejo’ Pérez.

Un altra gara, giocata sul filo dell’equilibrio e decisa negli ultimi secondi, non senza polemiche, è quella che allo stadio Azteca, vede vincere per 2-1 l’America contro il Tijuana. Un tuffo tra il passato ed il pesente per mister “el turco” Mohamed. Le aquile, sono state indubbiamente padroni del gioco e del possesso palla dall’inizio alla fine ma, quando questo è accompagnato ad una mancanza di idee e ad un flusso macchinoso nella costruzione del gioco, ecco che i contropiedi avversari possono diventare letali. Al 17′, fuga sulla destra di Dayro Moreno, palla al centro per Henry Martin che viene steso senza complimenti da Aguilar: calcio di rigore fischiato e segnato da Juan Arango: 0-1. Sul final di tempo ci prova anche il neo acquisto Peralta, ma il suo colpo di testa va fuori. Nell secondo tempo el turco aumenta la trazione offensiva della sua macchina inserendo Michael Arroyo e Raúl Jiménez, ad indicare quello che ben presto si trasformerà in un assedio. Il pari finalmente arriva al 68′ per mano di Jiménez. Nei minuti finali uno scontro tra Oribe e Cirilo, mette ko il secondo e consente a Gibran Lajud di debuttare per la prima volta in Primera.  Infine, in pieno recupero, un pallone a spiovere sul secondo palo si trasforma in un assist al bacio per Aguilar, a cui va dato il merito di crederci sempre fino in fondo; colpo di testa sul primo palo e gol partita.

Su un altro campo, nonostante l’asticella segnava abbondantemente superati i 30 gradi centigradi, Santos Laguna e Cruz Azul si sono resi protagonisti di un incontro davvero emozionante. Nel primo quarto d’ora i lagunari si fanno cogliere impreparati e dopo 13 minuti Mauro Formica porta subito in vantaggio la Máquina. La partita cambia faccia quando al termine della prima metà, è costretto ad abbandonare il terreno di gioco Pablo Barrera, sicuramente uno degli uomini piu pericolosi. Al 69′ arriva il gol del pareggio con un colpo di testa di Andrés Rentería. Da qui in avanti è un susseguirsi di folate offensive da una parte e dell’altra ma il risultato non si muove più dai binari del pareggio. Il Santos sale a 4 punti e gli Azzurri a 1 punto.

Allo stadio Zoque, los chiapanecos si confermano essere una delle rivelazioni di questo torneo,  superando per 2-1 i diavoli del Toluca e conquistando 4 punti su 6 a disposizione. La partita si sblocca al 26′ grazie ad un centro di testa di Vicente Matías Vuoso. Al termine del primo tempo, gli equilibri sembrano alterarsi quando l’espulsione di Bruno Pires per un fallo ingenuo su Edgar Benítez lascia i padroni di casa in dieci uomini. Cambiano le formazioni ma la sostanza non cambia ed il Chiapas addirittura raddoppia al 71′ con Armenteros. Senza valore l’autogol di Farfán nel finale: il Toluca con zero gol fatti in questo campionato resta ad 1 punto in classifica.

Nelle altre partite finisce 0-0 tra Puebla e Veracruz e 0-1 tra la matricola Leones Negros ed il Queretaro. A Colima, corsaro il Chivas sul Pumas grazie ad una rete al 87′ di Fernando Arce. Infine, dilaga per 4-2 il Tigres contro il Leon, grazie ai gol di Hernan Burbano (doppietta), Villa e Juninho. Inutili le reti di Boselli e Jose Maria Cardenas Lopez, il Leon resta ultimo con zero punti.

 

Risultati:

Morelia – Atlas 0-2
Santos – Cruz Azul 1-1
America – Tijuana 2-1
Puebla – Veracruz 0-0
Tigres – Leon 4-2
Pachuca – Monterrey 0-1
Jaguares – Toluca 2-1
Pumas – Chivas 0-1
Leones negros – Queretaro 0-1