Mercato Boca: Sanchez Miño verso il Toro. In arrivo Roncaglia, davanti dubbio Bergessio – Scocco

La costruzione del nuovo Boca Juniors di Carlos Bianchi è cominciata e tra questioni irrisolte (leggi Riquelme) e sicure partenze, il mercato xeneize inizia a concentrarsi anche sui possibili volti nuovi da aggregare alla squadra.
I soldi – si sa – non sono certo molti, ma gran parte del gruzzolo derivante dalle cessioni sarà reinvestito. Per le operazioni meno facili o più onerose, economicamente parlando, la dirigenza argentina tenterà di strappare formule convenienti come prestiti.

Innanzitutto, la partenza di Juan Sanchez Miño. Gli emissari del Boca sono attualmente a Torino e stanno trattando sul prezzo del laterale mancino di 24 anni. La squadra granata aveva inizialmente offerto 2,5 milioni di euro per il cartellino, divenuti poi 3; al momento di chiudere l’affare, però, i sudamericani hanno alzato ulteriormente il prezzo, fissandolo a 3,5 milioni di euro. Asta che, in casa Toro, non è affatto piaciuta: entro i prossimi giorni l’operazione dovrebbe comunque andare in porto, a meno di qualche colpo di scena. L’accordo con il giocatore di Saavedra è già stato trovato da tempo e per lui è pronto un contratto quadriennale, a cifre ancora ignote.

Juan Sanchez Miño, 24 anni

Potrebbe invece rientrare in patria, da dove era partito sin dalle giovanili, Facundo Roncaglia, centrale difensivo della Fiorentina. Lo scorso anno sembrava essere al centro del progetto di Montella, che lo aveva fatto spesso partire titolare; qualche errore di troppo gli è costato il posto, situazione che si è ripetuta questa stagione. Il contratto che lo lega ai Viola scade nel 2016, ma da Firenze fanno sapere di voler accontentare il numero 4 e aiutarlo a fare ritorno in Argentina. Roncaglia tornerebbe al Boca molto volentieri e gli xeneizes lo accoglierebbero a braccia aperte: rimane da trovare l’intesa economica, dal momento che la società italiana valuta il difensore 5 milioni di euro, cifra che il Villarreal potrebbe anche decidere di spendere per anticipare gli argentini e portarlo nella Liga spagnola. La priorità del Torito, come detto, rimane il Boca, ma se non dovesse arrivare un’offerta adeguata, i ritorno a casa potrebbe doversi rimandare.
Quasi impossibile, ad oggi, il ritorno di Walter Samuel. L’ex Inter, con ogni probabilità, giocherà ancora un anno in Italia o, comunque, in Europa, prima di tornare in Argentina.

Dalla difesa, all’attacco. Attualmente, gli obiettivi per rinforzare il reparto offensivo sono due. Il primo risponde al nome di Ignacio Scocco.
Trattativa molto difficile, come ha sottolineato il suo agente, Pavlos Diannis. Il motivo è di carattere puramente economico, visto che l’attaccante – passato a gennaio dall’Internacional al Sunderland – ha una valutazione ritenuta eccessiva per le casse societarie gialloblu. Gus Poyet, manager degli inglesi, ha infatti chiesto non meno di 5,5 milioni di euro e ha categoricamente escluso la possibilità di un prestito. Il 29enne di Hughes nell’ultimo semestre è sceso in campo solamente 233 minuti, senza mai andare in gol; nonostante ciò, è ritenuto pedina importante del progetto Sunderland della nuova stagione. Tirando le somme: o il Boca paga la cifra richiesta, o il ragazzo non si muove.

Ignacio Scocco, valutato 5,5 mln €

Lo stallo nella vicenda Scocco ha fatto virare gli uomini di mercato boquensi su Gonzalo Bergessio, retrocesso quest’anno in Serie B col Catania. Il centravanti classe 1984 è ormai sicuro di non vestire più la maglia etnea nella prossima stagione, ancora ignota, invece, la destinazione del trasferimento. Il Boca Juniors sta facendo più di qualche passo in direzione del calciatore calcisticamente cresciuto nel Platense, anche se la formula più gradita sarebbe quella del prestito con diritto di riscatto. Difficile che, a queste condizioni, il Catania possa accettare: in fila ci sono anche Roma, Sampdoria, Atalanta e Torino, quasi tutte pronte a sborsare i 3/4 milioni di euro richiesti per lasciarlo partire. Un ruolo fondamentale sarà giocato dalla volontà del giocatore di fare ritorno in Argentina, con una casacca importante come quella xeneize.

Per quanto riguarda la vicenda legata alle parole di Carlitos Tévez, che ha ribadito la sua volontà di chiudere la carriera al Boca, nessuna possibilità di fraintendimento: l’attaccante argentino tornerà alla Bombonera una volta che il suo contratto con la Juventus sarà scaduto.