Libertadores 2014 – U de Chile-Guaraní e Caracas-Lanús chiudono l’andata dei preliminari

Il Lanús a caccia di un posto nella fase a gironi. (foto: abc.com.py)
Il Lanús a caccia di un posto nella fase a gironi. (foto: abc.com.py)

Questa notte gli ultimi due preliminari chiuderanno il cerchio delle gare d’andata. La U de Chile, qualificatasi grazie alla vittoria della liguilla dopo la sconfitta nella finale del campionato contro l’O’Higgins, riceverà in casa i paraguaiani del Guaraní. Il Lanús, detentore della Sudamericana, affronterà la delicata trasferta in terra venezuelana al cospetto della squadra della capitale, il FC Caracas.

 

El Relojito Cristián Romero (storico calciatore degli anni ’90 della squadra cilena), tecnico della U, non potrà contare sul portiere titolare Jhonny Herrera né sul centrocampista Juan Rodrigo Rojas, entrambi sanzionati con una squalifica nell’ultima Sudamericana. Luis Marín sostituirà il numero 1 cileno mentre Sebastián Martínez sarà l’alternativa del volante in mezzo al campo. Faranno il loro esordio in maglia azul i volti nuovi della U: Caruzzo (proveniente dal Boca Juniors) nel reparto arretrato e Rodrigo Mora (acquistato dal River Plate) in avanti.
Secondo il DT ospite, lo spagnolo Fernando Jubero, la chiave della partita sarà il possesso palla. “La U gioca molto bene a calcio, possiede giocatori di grande qualità che cercano sempre di mantenere il possesso. Noi dovremo giocare con personalità e provare a rubare la sfera per ripartire” precisa lo spagnolo che, per ora, tiene nascosta la formazione.
Chi passerà il repechaje si unirà nel gruppo 5 a Cruzeiro (Brasile), Defensor Sporting (Uruguay) e Real Garcilaso (Perù).

Probabili formazioni:

Universidad de Chile (3-5-2): Luis Marín; Osvaldo González, Matías Caruzzo, José Rojas; Rubén Farfán, Sebastián Martínez, Ramón Fernández, Gustavo Lorenzetti, Roberto Cereceda; Rodrigo Mora, Patricio Rubio.
DT: Cristián Romero.

Guaraní (4-4-2): Alfredo Aguilar; Tomás Bartomeus, Julio César Cáceres, Luis Cabral, Édgar Aranda; Iván González, Miguel Paniagua, Jorge Mendoza, Darío Ocampo; Fernando Fernández, Federico Santander.
DT: Fernando Jubero.

Arbitro: Martín Vázquez (URU).
Stadio: Nacional, di Santiago de Chile.
Ora:
00.00 (ora italiana).

L’ultima volta che una squadra argentina vinse la Copa partendo dai preliminari era il 2009 e a laurearsi campione fu l’Estudiantes della Brujita Verón. Per il Lanús – alla sua quinta partecipazione – sarà alquanto complicato ma la formazione allenata da Guillermo Barros Schelotto si avvicina alla manifestazione convinta dei propri mezzi avendo, per giunta, confermato l’intera rosa capace di portarsi a casa la Sudamericana. Per los Mellizos formazione confermata da giorni: rientra el Laucha Acosta (dopo l’infortunio che gli ha fatto saltare l’ultima parte del 2013) che affiancherà el Tanque Silva e il giovane Junior Benítez (che sostituisce l’infortunato Lucas Melano).
Il Caracas, che anni fa, al pari delle altre compagini venezuelane, era considerata una squadra materasso, si presenta alla sfida con grande motivazione e voglia di far bene. Alla quattordicesima partecipazione l’esperienza non manca e precedenti quali l’eliminazione del River nel 2007 e il raggiungimento dei quarti nel 2009 fanno ben sperare. Dal canto suo, il Granate può vantare il precedente del preliminare vittorioso del 2008 contro l’Olmedo ecuadoregno. In palio l’ultimo posto disponibile nel gruppo 3 con Cerro Porteño (Paraguay), Deportivo Cali (Colombia) e O’Higgins (Cile).

Probabili formazioni:

Caracas (4-4-2): Alain Baroja; Roberto Tucker, Francisco Carabali, Rupert Quesada, Jefre Vargas; Ricardo Andreutti, Bladimir Morales, Luis González, Romulo Otero; Edder Farías, Dany Cure.
DT: Eduardo Saragó.

Lanús (4-3-3):
 Agustí­n Marchesí­n; Carlos Araujo, Paolo Goltz, Carlos Izquierdoz, Maximiliano Velázquez; Diego González, Leandro Somoza, Ví­ctor Ayala; Lautaro Acosta, Santiago Silva, Oscar Bení­tez.
DT: Guillermo Barros Schelotto.

Stadio: Olímpico UCV di Caracas.
Arbitro: Víctor Carrilo (Perú).
Ora: 2.15 (ora italiana).