Libertadores 2014: Nacional Asuncion in finale! Il Defensor Sporting vince 1 a 0, ma non basta

Nacional Asuncion in finale (tenfield.com)
Nacional Asuncion in finale (tenfield.com)

Il Nacional Asuncion è la prima finalista di questa Copa Libertadores 2014. Al termine di 90 minuti di pura sofferenza, i paraguayani centrano la prima finale della loro storia superando nella doppia sfida un Defensor Sporting che ha lottato come un leone per ribaltare il 2 a 0 subìto ad Asuncion la scorsa settimana. Gli uruguayani dominano in lungo e largo, trovano il vantaggio ad inizio secondo tempo con Luna, dopodiché vedono negarsi il raddoppio dalle straordinarie parate di Ignacio Don e dalla traversa colpita nel recupero. Tanto rammarico per la Violeta, che ha la colpa di aver regalato la partita di andata agli avversari, dove il Nacional aveva mostrato una certa superiorità. Ieri i paraguayani invece hanno badato sopratutto a difendersi e il fattore C ha dato una mano ai ragazzi di Morinigo, che approdano così alla doppia finale coronando un cammino comunque ricco di soddisfazioni e in maniera certamente meritata.

Davanti circa 20000 spettatori (con ben 3000 arrivati da Asuncion) inizia il match dell’ Estadio Centenario di Montevideo, con i padroni di casa subito arrembanti, come c’ era da aspettarsi. Nei primi cinque minuti infatti i ragazzi di Curutchet assediano la porta tricolor, andando per tre volte vicino al goal in mischia, non fosse che i centrali paraguayani Caceres e Riveros riescano a sbrogliare la situazione e salvare la porta di Ignacio Don. Passata la sfuriata iniziale, il Nacional si assesta in fase difensiva concedendo abbastanza poco al Defensor. L’ occasione migliore per la Violeta ce l’ ha il talento De Arrascaeta, quando al 40′ viene servito ottimamente da Gedoz e a tu per tu con Don prova a scavalcarlo con un colpo di testa, ma il portierone dice di no! Ultimo brivido della prima parte.

Gustavo Morinigo
Gustavo Morinigo

Nella ripresa il tecnico uruguagio Curutchet getta in campo Adrian Luna, al posto di un acciaccato Cardacio e al 55′ proprio il neo entrato porta avanti il Defensor: Fleurquin ruba palla e serve De Arrascaeta in area, palla in mezzo per Luna che da due passi trafigge Don. Goal pesantissimo, manca ancora un’ infinità e il Nacional sembra davvero in balia degli avversari. Continua infatti il forcing degli uruguayani e il tecnico paraguagio Morinigo cambia immediatamente due pedine: fuori Benitez e Montenegro, dentro Balbuena e El Zorro Bareiro. L’ Academia paraguayana si rassegna ad un finale di sofferenza, sperando di colpire in contropiede. Il bomber viola Nico Olivera ci prova per due volte dalla distanza, senza fortuna e anche l’ altro talento purissimo di casa Defensor, Felipe Gedoz, vede negarsi la gioia del raddoppio dal palo. All’ 82′, piuttosto inspiegabilmente, esce proprio Gedoz per far spazio a Castro. All’ 89′ l’ ultima clamorosa opportunità per la Violeta con un calcio d’ angolo da sinistra calciato in mezzo all’ area e il difensore Herrera che da due metri coglie incredibilmente la traversa. Una traversa che i tifosi viola ricorderanno per tutta la vita, è l’ ultima emozione della loro Copa Libertadores. L’ arbitro Ricardo Marques decreta la fine delle ostilità, i giocatori del Nacional esultano per una finale raggiunta con le unghie e con i denti, ma anche con tanta fortuna.

Termina così il cammino del Defensor, la matricola di Punta Carretas deve salutare la competizione non senza alcune recriminazioni, ma consapevole di aver speso ogni goccia di carburante per regalare ai propri tifosi la soddisfazione della finale. Una finale in cui invece il Nacional Asuncion, altra grande sorpresa della Libertadores 2014, attenderà il San Lorenzo vincente 5 a 0 contro il Bolivar, salvo miracoli questa notte nel match di ritorno a La Paz.

Curutchet consola Nico Olivera
Curutchet consola Nico Olivera

 DEFENSOR SPORTING 1:0 NACIONAL

Estadio Centenario

Arbitro: Ricardo Marques Assistenti: Marcio Santiago, Kléber Lucio Gil (Terna de Brasil). Quarto uomoPericles Cortez (Brasil).

DEFENSOR SPORTING: Martín Campaña, Ramón Arias, Nicolás Correa, Matías Malvino, Robert Herrera, Mathías Cardacio (45′ Adrián Luna), Andrés Fleurquin, Felipe Gedoz (82′ Facundo Castro), Giorgian De Arrascaeta, Nicolás Olivera e Ignacio Risso (85′ Joaquín Boghossian). Director Técnico: Fernando Curutchet. Suplentes: Yonatan Irrazábal, Leonardo Pais, Juan Carlos Amado, Mathías Alonso.

NACIONAL: Ignacio Don, Ramón Coronel, Leonardo Cáceres, Raúl Piris, David Mendoza, Marcos Melgarejo, Marcos Riveros, Derlis Orué (83′ Marcos Mier), Silvio Torales, Brian Montenegro (60′ Fredy Bareiro) y Julián Benítez (57′ Fabián Balbuena). Director Técnico: Gustavo Morinigo. Suplentes:Oscar Agüero,  Hugo Lusardi,  Cecilio Domínguez, Julio Santa Cruz.

Gol: 55′ Adrián Luna (DS).

Ammoniti: 20′ Matías Malvino (DS), 64′ Nicolás Correa (DS), 70′ Fredy Bareiro (N)

  • Manuel

    Speravo nel defensor sinceramente tra le 2 era una lieve preferenza…ma la coppa voglio che la vinca il San Lorenzo de Almagro ovviamente!!!!!!!!!!!Vamossssssssss!!!!!!!!