L’agente di Armani apre al River Plate: “Sarebbe un onore per lui…”

(credito: futbolete.com)
(credito: futbolete.com)
(credito: futbolete.com)

Martin Aráoz è uno dei procuratori più influenti che operano all’interno del mercato e del calcio colombiano. Tra i suoi assistiti c’è quello che probabilmente, ad oggi, è il portiere più forte dell’intero continente.

Si tratta di Franco Armani, saracinesca dell’Atletico Nacional, che in questa campagna di Libertadores ha quasi eguagliato il record di imbattibilità mantenendo la rete inviolata per quasi otto partite, avvicinandosi ad Andujar. Armani è ormai un personaggio; arrivato in Colombia dopo un girovagare incerto in Argentina, con i Verdolagas si è consacrato fino a rubare l’occhio di Pekerman, che ha insistito perché la federazione lo naturalizzasse.

Mentre l’iter procede, visto l’imminente inizio del calciomercato iniziano a circolare voci riguardo al suo futuro: “Franco ha un contratto fino al 2017 – ha detto Aráoz a Sportiama se qualcuno chiede notizie di lui saremo ben lieti di dargliele“. L’agente del portiere apre a diverse soluzioni, una delle quali porterebbe Armani al River Plate, che dopo l’addio di Barovero e la momentanea promozione di Batalla, vorrebbe cautelarsi con un elemento di esperienza: “Il River? E’ una soluzione che valuteremmo con molta attenzione” ha concluso Aráoz.

A Nuñez intanto vanno avanti le chiacchiere con il Galatasaray per Muslera, che però difficilmente lascerà l’Europa, mentre sul mercato interno non paiono esserci soluzioni per l’immediato. Così la candidatura, o almeno i messaggi lanciati dal procuratore di Armani, potrebbero dare il là ad un’intavolatura del discorso.

A margine, il River Plate valuta quali giocatori far rientrare dai vari prestiti per la prossima stagione. I giocatori messi sotto la lente di ingrandimento sono Simeone, Andrada, Kaprof, Tomas Martinez, Guido Rodríguez, Alexander Barboza e Cirigliano.