La telenovela infinita ha emesso il suo verdetto: Erbes resta al Boca! Diaspora All Boys: Gagliardi l’ennesimo a fuggire!

Erbes, ora, vede solo azul y oro (foto: vavel.com)
Erbes, ora, vede solo azul y oro (foto: vavel.com)

La dirigenza del Bétis Sevilla opta per l’ennesimo dietrofront e rinuncia all’acquisto del Pichi, che deluso dal trattamento ricevuto, torna a Casa Amarilla. Stefan Medina, dell’Atlético Nacional, sarebbe seguito con interesse dal Tomba. Jonathan Bottinelli sta per dire addio al River: per lui è pronta una cessione in prestito all’estero.

“Ci servono più centimetri” – L’operazione-Erbes si fa, non si fa. Si fa, non si fa. Un giorno sembra tutto definito, quello successivo è tutto da rifare. Nel gioco del fare e disfare, il ruolo della vittima è interpretato dal povero Cristian Erbes. Prima sedotto illusoriamente e poi abbandonato malamente da una società, quella del Bétis, che, già soffocata da problemi extracalcistici, si è presa anche la briga di scherzare puerilmente con la professionalità di un giocatore il quale, tra l’altro, sarebbe potuto essere un buon rinforzo per una squadra che viaggia in ultima classe sul treno della Liga.
Qualche giorno fa si era giunti all’accordo finale. Erbes sarebbe dovuto partire a breve per la Spagna. Ma il nuovo direttore tecnico, l’argentino Gabriel Calderón, del club iberico ha personalmente bloccato la trattativa. “Per quel posto ci serve un giocatore più alto” ha dichiarato. Da Siviglia, inoltre, hanno precisato che, dato che nessun contratto era ancora stato firmato, la trattativa è da considerarsi annullata.
Il Boca Juniors, indignato, ha emesso immediatamente un comunicato nel quale accusa di scarsa professionalità e mancanza di rispetto la società spagnola.
Erbes dal canto suo, stanco dell’ennesima ritrattazione, ha fatto sapere, tramite il suo procuratore Marcelo Lombilla, che intende restare al Boca e non ha intenzione di valutare nuove offerte.
Dunque, un rinforzo in più e quanto mai insperato per il centrocampo di Carlos Bianchi.

Gagliardi, l'ultimo della lista dei partenti in casa Albo (foto: olé.com.ar)
Gagliardi, l’ultimo della lista dei partenti in casa Albo (foto: olé.com.ar)


LA COPERTA SI STA ACCORCIANDO –
 Il tecnico Rodríguez aveva espressamente richiesto che la rosa attuale non venisse modificata. I pesanti problemi economici del club gli stanno remando contro. È notizia recente l’ennesima fuga: lascerà il club anche Alejandro Gagliardi, destinato all’Unión.
La sua partenza va a sommarsi a quelle già note dei vari Colazo, Soto, Ferrari, Maxi Núñez, Grana, Benavídez. Chissà quanti altri mancheranno all’appello all’inizio del campionato…

MERCATO CHE LATITA –
 La crisi del mercato argentino è profonda e si fa sentire. Perciò continuiamo a leggere di prestiti, rescissioni e club indebitati fino al collo che riescono a permettersi a malapena di pagare gli stipendi ai propri giocatori.

Il Godoy Cruz, per colmare il vuoto lasciato dalla partenza di Curbelo, starebbe contrattando il giovane terzino destro dell’Atlético Nacional e della nazionale colombiana, Stefan Medina. Dalla Colombia emerge una notizia interessante: il calciatore è proprietario del suo cartellino il che rende la trattativa molto più semplice. Accantonate per ora altre operazioni di mercato riguardanti centrocampo e attacco.
L’Estudiantes si muove per rinfoltire l’attacco e pare aver già individuato il nome adatto: si tratta dell’uruguayano Juan Manuel Olivera che ha appena rescisso con il Náutico, fanalino di coda dell’ultimo Brasileirão.
Bruno Urribarri potrebbe tornare all’Argentinos in seguito alla brusca rescissione con il Colón (club che il giocatore ha denunciato per mancato pagamento di alcune mensilità) . Sono questi i rumors provenienti dalla Paternal.
Bottinelli è assai vicino all’addio. Il River lo cederà in prestito. Le due pretendenti più accreditate sembrano essere l’Universitario peruviano e l’Universidad Católica cilena.