Il Boca Juniors si ferma ancora: solo pari a San Miguel

Club Atlético Boca Juniors

Argentina – Bou salva il Boca sul campo dell’Atletico Tucumán

E’ un gol di Walter Bou a salvare il Boca Juniors dalla quarta sconfitta stagionale. L’ex attaccante del Gimnasia La Plata mette la sua firma sull’1-1 finale, e di conseguenza sul punto, che gli xeneizes si portano a casa dal campo dell’Atletico Tucumán. Il Tucu gioca una grandissima partita, nonostante la squadra non se la stia passando troppo bene, e domina soprattutto nel primo tempo, quando va vicino al gol a più riprese prima di sbloccare il match con Toledo. Nella ripresa, Schelotto – che ancora sta gestendo le scorie post Superclásico – butta dentro Reynoso e Bou nel finale, trovando grazie a quest’ultimo il guizzo decisivo per tenere il Talleres a distanza. Club Atlético Boca Juniors

La T invece non sbaglia, e con un gol di Ramirez batte un buon Defensa y Justicia al termine di un match molto nervoso, che conterà tre espulsi. Il Talleres, che dopo la sosta per le nazionali andrà a La Bombonera per provare a fare l’impresa dell’anno. Qualora la squadra di Kudelka dovesse battere il Boca, si porterebbe a tre punti dalla capolista.

Scendendo di posizioni, il turno prima della pausa ha visto vincere tutte le squadre piazzate tra il terzo e l’ottavo posto. Il Godoy Cruz espugna il Ciudad de La Plata, casa dell’Estudiantes, grazie a una punizione dell’ex Boca Pol Fernandez, mentre il San Lorenzo – dopo due pareggi consecutivi – torna alla vittoria regolando 2-0 un Olimpo sull’orlo del baratro. A spingere il Ciclón, dopo un brutto primo tempo, sono le reti di Barrios e Blandi, al settimo gol stagionale. Festa grande anche ad Avellaneda, dove il Racing spazza via il Patronato con un rotondo 5-0; il protagonista inaspettato del Cilindro è il centrale difensivo Alejandro Donatti, autore di una doppietta, che va a completare la goleada imbastita dall’altro centrale, Leonardo Sigali, e rifinita da Lisandro Lopez e Lautaro Martinez (autore di un caño che ha già fatto il giro del mondo). Molto bene anche l’Huracán, corsaro sul campo del Temperley grazie alle reti di Chavez e Pussetto.

Seconda vittoria consecutiva per il River Plate, inframezzata anche dal successo in Supercoppa. Nel match del Monumental contro il Belgrano, i Millonarios trovano il successo nel finale grazie alla doppietta di Nacho Scocco, sempre più leader di questa Banda. La gara era stata aperta dal Pity Martinez, e rimessa in equilibrio da Garcia per il Pirata.

Nona vittoria in campionato per l’Argentinos, trascinato dalla nuova nidiata di ragazzini cresciuti nel Semillero migliore del mondo. Contro il Newell’s è Nicolas Gonzalez a risolvere la partita, deviando in porta un assist straordinario di Alexis McAllister. Tornano a vincere anche il Lanus (1-2 contro il Colón in rimonta, reti di Acosta e Bruno Vides) e il Rosario Central, che nell’anticipo di venerdì spazza via il Chacarita trascinato dalla doppietta del pibe Maziero. In coda perdono tutte, con la sola eccezione dell’Arsenal, bloccato in casa sull’1-1 dal Velez (in gol Zarate su rigore).

 

Brasile – Estaduais nel vivo: cadono San Paolo e Corinthians, al Vasco il clássico col Botafogo

I quarti di finale del Paulistão iniziano con due sorprese: le sconfitte di San Paolo e Corinthians.
Il Tricolor cade 1-0 a casa del São Caetano, squadra rivelazione della prima fase, che vince grazie a una rete del bomber Chiquinho. Il passivo sarebbe potuto essere ancora più pesante se i padroni di casa non avessero sprecato almeno tre palle gol nitide, create nell’ultimo quarto d’ora di partita. A sorpresa, anche il Corinthians esce sconfitto dalla gara di andata dei quarti di Paulistão: il Timão perde 3-2 contro il Bragantino, altra mina vagante di questa edizione, bravo ad approfittare di tutte le debolezze difensive palesate dal Corinthians. Da Balbuena e Pedrinho arrivano le reti per i gavioes, inutili per il risultato finale, ma che almeno tengono in equilibrio la sfida in vista del ritorno.

Lo 0-0 tra Santos e Botafogo-SP va a completare il quadro del weekend, in cui solo il Palmeiras ha già ipotecato il passaggio alla semifinale. Il Verdão va a vincere 3-0 in casa del Novorizontino, sigillando la qualificazione con le reti di Dudu, William e Keno.

Nel Carioca, il Botafogo perde il clássico ma accede comunque alle semifinali. Il 3-2 subito dal Vasco (partita decisa nel finale dal solito Paulinho) rischiava seriamente di mandare all’inferno l’Estrella Solitaria, salvata dal 4-0 del Flamengo alla Portuguesa. Infatti, il pesante passivo subito da quest’ultima permette al Botafogo di rimanere al secondo posto, per differenza reti. Nel frattempo, il Fluminense blinda il primo posto nel gruppo B con l’1-1 in casa della Cabofriense, mentre i rubronegros mantengono il secondo posto nel gruppo A, assicurandosi il FlaFlu in semifinale. Per il Flamengo vanno in gol Dourado, Everton Ribeiro e soprattutto Geuvânio, tornato in prestito dalla Cina. Tra giovedì e venerdì si giocano le due semifinali, Vasco – Botafogo e Flamengo – Fluminense, in gara secca.

A pochi giorni dal 2-1 che ha sancito con ufficialità il GreNal nel quarti del Gauchão, il Gremio spazza via i rivali dell’Internacional con un rotondo 3-0. Se la scorsa settimana fu Luan a rovinare la festa per le 400 presenze di D’Alessandro, questa volta l’Imortal tira su una prestazione collettiva da stropicciarsi gli occhi, che tradotta in campo vede la squadra di Renato trionfare con i gol di Everton, Jael e Arthur.

Grandi avanti anche nel Mineirão: Cruzeiro, Atletico Mineiro e America-MG accedono alle semifinali vincendo di misura i loro match. La Raposa si sbarazza 2-0 del CAP, trascinato dalla doppietta del classe 1996 Raniel, mentre il Galo fa fuori l’URT grazie a un gol di Fabio Santos. Infine, He-Man Rafael Moura lancia l’America-MG contro il Boa, e regala al verdinegro la semifinale contro l’Atletico (il Cruzeiro giocherà contro il Tupi). Bahia e Vitoria pareggiano le relative finali di andata nel torneo bahiano, mentre la Chapecoense inanella la decima vittoria in campionato e continua a marciare in vetta al catarinense.

 

Colombia – Atletico Nacional senza limiti: primo posto e gioco che convince

L’Atletico Nacional inanella la quarta vittoria di fila e si prende il primo posto in classifica, in attesa dell’Once Caldas. Almiron sembra aver finalmente trovato la quadra, e la squadra ha cominciato a giocare un calcio piacevole. Contro il Deportivo Pasto sono Torres e Ramirez a risolvere la partita, dominata in lungo e in largo, nella quale la goleada poteva essere decisamente alla portata visto la mole di occasioni create.

In scia ai verdolaga rimangono Patriotas e Atletico Junior (2-0 ai Millonarios, reti di Ruiz e Chará), entrambe vittoriose nell’ultimo turno, nel quale si registra il ritorno alla vittoria dell’America de Cali, mentre il Deportivo perde la sua seconda partita nelle ultime tre. Il campionato non si ferma nemmeno per le nazionali: nelle prossime due settimane sono in programma ben tre turni, con Santa Fe – Tolima come piatto forte.

 

Cile – Universidad Católica senza freni: schiantato anche Martin Palermo

Sei partite, sei vittorie, diciotto punti e la miglior difesa del torneo. In Cile c’è una grande protagonista del momento. Si chiama Universidad Católica, e in questo primo scorcio di stagione ha  rullato ogni avversario incontrato sulla propria strada. Contro l’Union Española arriva un altro convincente 3-1, una prestazione maiuscola aperta in avvio da Fuenzalida e chiusa dall’uno-due firmato da Henriquez e Llanos, dopo il momentaneo pari di Figueroa.

In classifica l’Universidad Católica primeggia, ma viene inseguita da vicino dall’altra U, dietro di tre punti. Più dietro il Colo Colo, a meno 8, e virtualmente fuori dai giochi.

 

Paraguay – Cerro Porteño ancora ko, vince il Libertad

Turno lungo in Paraguay, cominciato venerdì e con mercoledì prossimo come termine. Il Cerro Porteño perde l’anticipo sul campo del General Diaz, giustiziato da un gol di Ocampo, che a metà ripresa condanna gli azulgrana alla seconda sconfitta consecutiva. Avvicinano la vetta, in attesa dell’Olimpia, Independiente di Campo Grande e Libertad; il Gumarelo trova il terzo successo – sui quattro totali – in trasferta, andando a sbancare casa del Capiatà, trascinato dai “vecchietti” del gruppo. Sono infatti Salcedo, Bareiro e Cardozo a segnare i primi tre gol per il Libertad, in un 4-2 arrotondato da Cardozo Lucena.

 

Ecuador – Cinque gol e tanta festa: Barcelona show a Guayaquil

L’eliminazione dalla Libertadores ha svegliato il Barcelona, che in campionato sale a 13 punti in cinque partite, coronati dal 5-1 rifilato domenica a El Nacional. Nella serata del Monumental segnano proprio tutti: apre Marcos Caicedo, raddoppia Esterilla, poi vanno in gol Di Nenno, il Kitu Diaz e Nahuelpan, una vera e propria furia che testimonia l’ottima fase offensiva della squadra di Almada.

Il prossimo turno vedrà due big match, in barba alla sosta per le nazionali: sono infatti in programma LDU – Emelec e Aucas – Barcelona, due partite che promettono spettacolo.