Guida ai campionati statali – Campeonato Carioca

Giunti al giro di boa della rubrica dedicata alla presentazione dei campionati statali brasiliani, non potevamo che parlare di un torneo ormai leggendario, in cui si è fatta – e si sta facendo – la storia del calcio brasiliano e mondiale.

In evidenza la superficie dello stato di Rio de Janeiro.

Telê Santana, Garrincha, Fla-Flu, Maracanã: sono nomi che fanno ormai parte del mito calcistico mondiale, giocatori incontri e luoghi che fanno sognare tutti gli appassionati di questo sport. E hanno tutti un comune denominatore: Rio de Janeiro.

Lo stato – Dire del carnevale di Rio richiederebbe un libro, così come parlare di una città che tutti nel mondo conoscono, di cui vale la pena solo ricordare che è stata capitale federale sino al 1960 e che è lo stato attuale si è formato solo nel 1975 con l’incorporazione del Guanabara (il vecchio Distrito Federal) nel resto dello stato di Rio. L’economia si basa quasi completamente sul turismo, ed è estremamente fiorente: il PIL di Rio è secondo solo a quello di São Paulo; non vanno però dimenticati anche il settore petrolifero e quello dell’arricchimento dell’uranio.

Storia del campionato – Da sempre contende lo scettro di campionato più importante del Brasile al Campeonato Paulista: rispetto a questo è iniziato quattro anni più tardi (1906) ed è stato conteso da un minor numero di squadre. Ha assegnato 113 titoli: la discrepanza tra titoli possibili e titoli effettivi si spiega con la disputa contemporanea di più tornei in alcune stagioni (1912, 1924, 1933-36, 1979). Due campionati sono stati assegnati con anni di ritardo: quello del 1907, assegnato (ben 90 anni dopo!) ex-aequo a Botafogo e Fluminense, e quello del 2002, assegnato ancora alla Fluzão. È il Flamengo la formazione più vincente con 31 titoli, seguita dalla Fluminense con 30. Gli scontri tra le due squadre sono leggendari: 375 volte si sono sfidate, con 135 vittorie del Fla, 123 pareggi e 120 successi della Flu. Campione uscente è il Botafogo, che lo scorso anno ha vinto tutto: Taça Rio, Taça Guanabara e titolo generale.

Formato – È diviso in più fasi: la prima è chiamata Taça (Coppa) Guanabara, e si disputa da gennaio a marzo. Divise in due gironi da 8 squadre, solo le prime due di ogni girone accedono alla fase finale, ad eliminazione diretta. La Taça Guanabara esiste dal 1965, e la squadra con più successi è il Flamengo (18). Ai primi di marzo comincia la Taça Rio: di nuovo due gruppi, con la stessa composizione della Taça Guanabara, e stesso sistema di accesso alla finale. C’è però una differenza importante: in questo turno, ogni squadra gioca solo contro squadre dell’altro girone. La Taça Rio è più giovane della Taça Guanabara (è iniziata nel 1978) ed ha come squadra più titolata il Vasco da Gama. Al termine della stagione si disputa la finale-scudetto tra la vincitrice della Taça Guanabara e quella della Taça Rio: se coincidono, il titolo viene assegnato automaticamente.

Le squadre – Botafogo o Fluminense? Campione statale o federale? Al momento sembrano queste due le formazioni pià accreditate per la vittoria del Carioca 2011, ma non è certamente possibile sottovalutare Flamengo e Vasco. Come da tradizione, le quattro squadre sono divise equamente nei due gironi, quindi le possibilità che a disputare le semifinali di entrambe le coppe siano proprio loro sono altissime. Vogliamo però dare una piccola quota a due possibili outsider, l’América RJ e l’Olaria, vincitrici lo scorso anno rispettivamente del torneo Ellis e del torneo Moisés (riservati alle squadre che non si qualificano alla fase finale).

Il Botafogo campione Carioca 2010.

Questa la composizione dei gironi: gruppo A Americano, América RJ, Boavista, Flamengo, Nova Iguaçu, Resende, Vasco, Volta Redonda; gruppo B Bangu, Botafogo, Cabofriense, Duque, Fluminense, Macaé, Madureira, Olaria.

Prima giornata – Inizierà di mercoledì la Taça Guanabara 2011, la prima senza il mitico Maracanã chiuso per restauri in vista dei Mondiali del 2014: il primo atto è previsto per il 19 gennaio. Boavista – América e Vasco – Resende sono gli anticipi. Il giorno dopo tutte le altre partite: Flamengo – Volta Redonda, Americano – Nova Iguaçu, Olaria – Madureira, Botafogo – Duque, Bangu – Fluminense, Macaé – Cabofriense.