Garra charrua a Rosario: esordio per Camacho e Menosse. E Téo flirta col Central…

central

Doppio colpo in entrata per il Rosario Central. Due giorni fa sono stati presentati alla stampa due rinforzi di spessore in vista della prossima stagione. Si tratta di Washington Camacho ed Hernan Menosse, entrambi uruguayani e portatori sani di garra charrúa, una delle caratteristiche principali della Celeste.

Camacho, passato un anno e mezzo fa al Racing, aveva ormai tutte le porta di Avellaneda chiuse, diventando di fatto un comprimario: “Dovevo cambiare. o bisogno di giocare – ha detto l’esterno offensivo – e qui posso farlo con continuità“.

A farli eco è il mediano: “Ho scelto il Central perché è una grande squadra – dice Menosse, che pare aver rifiutato il Peñarol – se sono qui è perché credo di potermi togliere parecchie soddisfazioni“. Sia Camacho che l’ex Once Caldas sono andati a segno contro la matricola San Juan, in amichevole.

Intanto, con la partenza di Larrondo, il Rosario Central cerca un attaccante. Dal Portogallo Téo Gutierrez fa sapere che tornerebbe volentieri in Argentina: “Ho parlato coi dirigenti del Central – ha detto Téo – andrei lì di corsa. E’ uno dei club più famosi al mondo, sono convinto di poter fare bene“. Rilevarne il cartellino però non è uno scherzo, visto quanto lo valuta lo Sporting. Nei prossimi giorni si valuterà il da farsi.