Estaduais 2016 – Psicodramma San Paolo: Bauza sepolto, Tricolor fuori dal Paulistao

hqdefault (2)

Domenica 17 aprile è una data che difficilmente verrà dimenticata dai tifosi del San Paolo. Ad Osasco si consuma uno dei più grandi drammi sportivi del periodo recente, con il Tricolor seppellito 4-1 dall’Audax-SP, matricola che – dopo un’ottima prima fase – collezione il primo scalpo importante ed accede alle semifinali di Paulistão. La goleada subita dalla truppa di Bauza non ha scuse plausibili, perché il San Paolo doveva essere una delle squadre da battere dopo anni di anonimato nel torneo statale, invece – alla fine – ha collezionato la quinta eliminazione negli ultimi sette anni per mano di una “piccola”. Disastro.

NIENTE SCUSE – Eppure in campo ci sono andati i titolari, nonostante la prossima settimana riservi al Tricolor la trasferta difficile sul campo di La Paz contro The Strongest, dove c’è bisogno di un punto per approdare agli ottavi di finale di Copa Libertadores. Nonostante ciò, Bauza si affida alla formazione migliore a disposizione, nella quale si rivede anche Diego Lugano in mezzo alla difesa. Un rientro a tratti imbarazzante, perché dall’altra parte è l’Audax a sfoderare la prestazione da grande squadra, trascinata dalle invenzioni del 22enne Yuri Oliveira, autore di tre assist, e dalla vena realizzativa del bomber Ytalo. E’ sua la doppietta che rende inutile il momentaneo pari di Calleri (funziona sempre l’asse con Bastos), con la compagine allenata da Fernando Diniz che nella ripresa va a nozze con gli spazi lasciati dagli ospiti, dilagando nel finale grazie ai gol di Mike e Juninho. A fine match Bauza non ha parlato, ma Ganso sì: “Siamo dispiaciuti per questa eliminazione. Ora dobbiamo pensare al match di La Paz“.

IN SCIOLTEZZA – In attesa della partita in programma stanotte tra Palmeiras e São Bernardo, Corinthians e Santos strappano il pass per le semifinali del Paulistão senza particolari problemi. All’Arena Corinthians il Timão spazza via 4-0 il malcapitato RB Brasil, liquidato con due gol per tempo. Ad aprire le marcature dopo un quarto d’ora ci ha pensato Giovanni Augusto, che nel finale di prima frazione ha servito ad André la palla del raddoppio. Nella ripresa sale invece in cattedra Lucca con l’assist ad Alan Mineiro, prima del 4-0 segnato con un assolo personale. Anche il Santos sbriga la pratica São Bento in pochi minuti; ne bastano infatti solo 41 al 21enne Vitor per segnare la doppietta decisiva, che vale la semifinale al Peixe.

NESSUNA SORPRESA – Se il Paulistão ci ha regalato il fallimento del 2016, quello del San Paolo, il Carioca invece procede secondo previsioni, con le quattro grandi che dovevano strappare il pass per le semifinali di Taça Guanabara. Obiettivo centrato per tutte, con il Vasco Da Gama che vince il girone grazie al successe nel derby contro il Fluminense – secondo – al termine di un match nervoso e con parecchie decisioni arbitrali discutibili. Nel primo tempo entrambe le squadre reclamano un rigore, poi la terna annulla un probabile gol buono di Scarpa, e nella ripresa lo strappo decisivo di Nenê regala al colombiano Riascos la palla della vittoria. In semifinale i cruzmaltinos troveranno il Flamengo, vittorioso per 3-0 sul campo del Bangu; dopo il vantaggio di Marcelo Cirino nel primo tempo, i rubronegros dilagano nel finale grazie al solito Guerrero (in questi giorni al centro di parecchie voci di mercato) e al sigillo finale di Jorge. A completare la griglia della fase finale ci sarà il Botafogo, terzo in classifica e con il Fluminense nel mirino, che batte 1-0 il Boavista – in gol Leandro – candidandosi a mina vagante per la vittoria finale.

STOP INASPETTATO – Nel Gauchão arriva l’inopinato stop per l’Internacional, fermato in casa a reti bianche dal São Bento, mentre il Grêmio – causa impegno in Libertadores – giocherà venerdì la sua semifinale di andata contro la Juventude. A Belo Horizonte, dove anche il Mineirão è arrivato alle semifinali, il Cruzeiro cade 2-0 sul campo dell’America-MG (Adalberto e Vitinho i marcatori), mentre l’Atletico-MG si fa fermare sul 2-2 dall’URT recuperando il risultato per ben due volte grazie ai gol di Douglas Santos e Clayton. Nello stato di Parana Atletico-PR e Coritiba ipotecano la finale battendo rispettivamente Parana e PSTC (nel prossimo weekend si giocano le gare di ritorno).