Ecuador – L’Independiente fa la voce grossa: 5-0 all’Emelec!

SANGOLQUI 31 DE AGOSTO DE 2014,  En el estadio Rumiñahui Independiente del Valle recibe al Emelec  FOTO API/JAVIER CAZARUn 5-0 fa notizia di per sé: se poi, dalla parte di chi subisce, c’è la capolista e detentrice del campionato, i titoloni sono obbligati. L’Emelec aveva subito, prima di questa giornata, 15 gol in 25 partite, e in quel di Sangolquí crolla sotto i colpi dell‘Independiente. Una squadra, quella che ora non nega di sognare il primo posto nella Segunda Etapa e un posto nella finale di dicembre contro il Bombillo, che non smette di crescere da qualche anno a questa parte. Dopo dieci minuti di gioco il gioiello dei negriazules, Junior Sornoza, apre le danze con un calcio di punizione; due minuti dopo Julio Angulo raddoppia. E qui scoppia il caso di cui si continua a parlare tutt’ora, perché al momento della rete l’Emelec si trovava in inferiorità numerica: il tecnico Quinteros se la prende con l’arbitro, reo di non aver permesso a un suo giocatore di rientrare in campo, e viene espulso. La superiorità dei padroni di casa è comunque schiacciante: al 36′ arriva il 3-0 con González, nella ripresa c’è gloria anche per Núñez e Guerrero. Un tripudio, seguito da immancabili polemiche: Quinteros afferma di non aver perso con l’Independiente, ma con l’arbitro, e mostra ai giornalisti un sms inviato al presidente del club, prima dell’incontro, in cui preannunciava un arbitraggio sfavorevole. Zambrano, il direttore di gara, risponde accusando il tecnico di incitare alla violenza nei suoi confronti.

Meno roboante, ma non meno importante, la vittoria del Barcelona sulla LDU Quito. I toreros si prendono tre punti e si portano in testa alla classifica: dato che vale fino a un certo punto, viste le partite da recuperare di chi insegue, ma che mette pressione ai cugini dell’Emelec e fa ben sperare. Il gol da tre punti arriva dopo soli due minuti per mano del capitano Matias Oyola: basta e avanza per far sorridere Rubén Israel. Sorride meno Luis Zubeldia, protagonista di un episodio kafkiano: ignaro di tutto, si siede in panchina, come tutte le domeniche. Salvo scoprire, a gara in corso, di essere squalificato, per colpa di un tardivo ingresso in campo nell’ultimo incontro: ora dovrà scontare altre due giornate di squalifica, pur non avendo nessuna colpa, non essendo stato informato dalla federazione prima del match.

Per il resto è una giornata avara di gol: El Nacional ferma la striscia positiva vincendo di misura all’Atahualpa (1-0, gol di Villalba), Deportivo Quito e Deportivo Cuenca non vanno oltre uno 0-0 che non fa felice nessuna delle due (stesso risultato per Olmedo-LDU Loja). Un punto a testa anche per Manta e Universidad Católica, due delle squadre che vivono un brutto momento: gli atuneros vanno sotto dopo quattro minuti e riescono a pareggiare, ma questo non basta ad avvicinarsi alla zona salvezza.

Risultati

El Nacional-Mushuc Runa 1-0

Manta-Universidad Católica 1-1

Deportivo Cuenca-Deportivo Quito 0-0

Olmedo-LDU Loja 0-0

Barcelona-LDU Quito 1-0

Independiente-Emelec 5-0

Classifica Segunda Etapa

Barcelona 10

Mushuc Runa 10

Independiente 7**

Emelec 7*

LDU Quito 7*

LDU Loja 6

El Nacional 6*

Deportivo Cuenca 5*

Olmedo 3*

Universidad Católica 2**

Deportivo Quito 1

Manta 1*

Tabla Acumulada

Emelec 51*

Independiente 47**

Barcelona 45

LDU Loja 42

LDU Quito 36*

Mushuc Runa 36

El Nacional 33*

Universidad Católica 30**

Olmedo 29*

Deportivo Quito 28

Deportivo Cuenca 28*

Manta 24*

(* una partita da recuperare, **due partite da recuperare)