Ecuador – ¡EMELEC CAMPEÓN! Undicesimo titolo per il Bombillo, storico secondo posto per l’Independiente

foto Joffre Flores e Juan Carlos Pérez/El Comercio
foto Joffre Flores e Juan Carlos Pérez/El Comercio

Undici anni dopo la celebre chilena di Poroso, l’Emelec è nuovamente campione d’Ecuador. Niente gol da copertina, questa volta: a Portoviejo, contro il Manta, è bastato il secondo 0-0 in cinque giorni per dare il via ad una festa che si attendeva da tempo a Guayaquil, in tutto l’Ecuador e ovunque nel mondo vivano tifosi electricos. Bastava un punto e un punto è arrivato: Stracqualursi ha anche l’opportunità per l’1-0, ma dagli undici metri non supera Ramírez. In ogni caso, l’Emelec è campione: anche quest’anno niente finale, la capolista si porta a casa Primera Etapa e Segunda Etapa e, ad una giornata dal termine, il dominio è testimoniato dai tredici punti di vantaggio sulla seconda nella Tabla Acumulada. Un trionfo assolutamente meritato, per una squadra che ha aperto la stagione con otto vittorie consecutive e, aldilà di qualche flessione nella seconda parte dell’anno, ha sempre dimostrato di essere superiore a tutte le rivali.

Dalla penultima giornata di Serie A arriva un altro verdetto: l’Independiente conquista per la prima volta il secondo posto e si assicura così la partecipazione alle prossime edizioni della Libertadores e della Sudamericana. Tutto ciò nonostante la sconfitta dei negriazules, che in casa della LDU Loja vanno in vantaggio con Guerrero, ma subiscono la rimonta di una Garra del Oso che non vuole retrocedere (in gol il capitano Larrea e Wila). L’istinto di sopravvivenza prevale anche a Quevedo, dove il Deportivo batte 2-0 il Deportivo Quito: un’autorete e un gol su rigore costringono l’Academia a rinunciare alla scalata al secondo posto e rimandano all’ultima giornata la risoluzione della questione salvezza.

Visti i risultati delle concorrenti, il Barcelona avrebbe l’opportunità di balzare al terzo posto con una vittoria sull’Universidad Católica: ma, con un ennesimo colpo di scena, è il Trencito Azul a fare i tre punti al Monumental grazie al gol di Elvis Patta, arrivato al termine di una bella azione corale degli ospiti.

Tre punti anche per la LDU Quito: Bauza saluta con una vittoria il pubblico della Casa Blanca, come è bello e giusto che sia. A farne le spese è il Deportivo Cuenca, che nonostante l’ennesimo gol di Andrés Rios si ritrova ora pienamente coinvolto nella lotta per non retrocedere: eventualità non prevista, almeno fino a qualche settimana fa. La LDU, invece, aspetta l’ultima giornata, quando insieme ai cugini del Deportivo e dell’Universidad Católica e al Barcelona si giocherà tutto: una delle quattro andrà ai preliminari di Copa Libertadores, due si accontenteranno della Sudamericana e una resterà fuori da tutto.

Chiude il quadro di questa ventunesima giornata la doppietta con cui Edson Montaño di El Nacional stende il già retrocesso Macará.

Risultati:

El Nacional-Macará 2-0

LDU Quito-Deportivo Cuenca 2-1

Manta-Emelec 0-0

LDU Loja-Independiente 2-1

Deportivo Quevedo-Deportivo Quito 2-0

Barcelona-Universidad Católica 0-1

Classifica Segunda Etapa:

Emelec 40

Universidad Católica 35

Independiente 33

El Nacional 33

Deportivo Quito 30

LDU Loja 29

Barcelona 29

Manta 26

LDU Quito 25

Deportivo Quevedo 22

Deportivo Cuencas 21

Macará 15

Tabla Acumulada:

Emelec 85

Independiente 72

Deportivo Quito 68

Universidad Católica 68

Barcelona 67

LDU Quito 66

El Nacional 59

Manta 48

LDU Loja 46

Deportivo Cuenca 46

Deportivo Quevedo 45

Macará 31