Dopo due giornate di Mondiali

Diego Forlan, autore della prima doppietta del MondialeSta per iniziare la terza e ultima giornata dei campionati mondiali di calcio in Sudafrica. Le squadre sudamericane si sono comportate ottimamente, infatti tutte e cinque hanno vinto portando a casa 3 punti importantissimi per il proseguio del campionato.

Brasile: con una doppietta di Luis Fabiano ed il secondo gol in due partite per Elano, il Brasile bissa il successo della prima partita, battendo per 3-1 la Costa d’Avorio di Drogba (autore del gol della bandiera per la formazione africana) ed offrendo sicuramente una prestazione più convincente dell’esordio, dove la vittoria di misura sulla Corea del Nord aveva sollevato parecchie critiche. Da registrare l’espulsione di Kaká.

Argentina: se nella prima partita, vinta per 1-0 contro la Nigeria, la formazione albiceleste aveva creato molte occasioni poi non concretizzate, nel secondo match, giocato contro la Corea del Sud, c’è stata la goleada. Dopo gli errori dell’esordio, si è svegliato Higuain, autore di una tripletta nel 4-1 che mette al sicuro il discorso qualificazione. A sbloccare il risultato era stata però un’autorete di Park.

Cile: altra vittoria di misura del Cile, questa volta contro la Svizzera. Il gol di Mark Gonzalez spalanca le porte degli ottavi di finale per la formazione guidata da Marcelo Bielsa, che dovrà vedersela però con la Spagna nell’ultima partita del girone.

Uruguay: una doppietta di Diego Forlan ed un gol a tempo scaduto di Pereira piegano il Sudafrica, condannando di fatto la formazione ospite a salutare il torneo. Da notare che il bomber dell’Atletico Madrid è stato l’autore della prima doppietta dei Mondiali. Quasi impossibile a questo punto, per la formazione di Tabarez, mancare la qualificazione agli ottavi.

Paraguay: dopo il pareggio contro gli azzurri, il Paraguay centra una vittoria importantissima contro la Slovacchia per 2-0 con gol di Vera e Riveros. Il Paraguay guida il proprio girone con 4 punti e nell’ultimo match deve sfidare la Nuova Zelanda, considerata la cenerentola del girone ma capace di conquistare due pareggi ed essere così ancora in gioco per la qualificazione al turno successivo.