Coppa Sudamericana: il River espugna il Nuevo Gasómetro, vincono anche Bahia e Deportivo Pasto

Foto: Clarín
Foto: Clarín

Vittoria del River Plate nel clásico contro il San Lorenzo, grazie al gol del difensore Jonathan Maidana che fa esultare Ramón Díaz, «uomo dei due mondi» in quanto simbolo di entrambi i club. Emozionante ma senza reti la sfida tra LDU Loja e Nacional, mentre il Bahia ha la meglio sulla Portuguesa solo all’ultimissimo minuto, grazie al gol di Obina. Il Deportivo Pasto riesce a battere il Colo-Colo grazie alla rete dell’attaccante Mauricio Mina.

CRONACHE E TABELLINI

San Lorenzo (ARG) – River Plate (ARG) 0-1, arbitro: Vigliano (ARG)
[17′ Maidana]

San Lorenzo: C. Álvarez; Prósperi (46′ G. Verón), Cetto, Gentiletti, Más; Mercier, Ortigoza (63′ Villalba); Buffarini, Correa, Piatti (77′ Ruiz); Cauteruccio.
River Plate: Chichizola; Ponzio, Maidana, E. Álvarez Balanta, Vangioni (80′ Ferreyra); Kranevitter, Ledesma, A. Rojas (63′ R. Funes Mori); Lanzini, Fabbro (57′ Carbonero); Mora.

Sfida certamente sentitissima in Argentina, questo clásico tra San Lorenzo e River Plate; e ancor più sentita da Ramón Díaz, figura storica di entrambi i club, che attualmente siede sulla panchina del River. Juan Antonio Pizzi, allenatore spagnolo ma nato in Argentina, manca in campo una formazione con Piatti e Buffarini che sulle fasce devono provvedere ad armare il caldissimo piede di Cauteruccio, 3 gol in 3 partite in Primera con la maglia del Cuervo. Il River sceglie invece la coppia di trequartisti Lanzini-Fabbro a supporto del centravanti Mora. La prima occasione e per la squadra di casa, con Más che al 9º minuto non riesce a centrare la porta. Nonostante le avanzate del San Lorenzo è il River a rendersi più pericoloso e al 17′ va a segno con Jonathan Maidana, che riesce a far gol sugli sviluppi di un’azione confusa nata da un calcio di punizione dalla fascia sinistra ribattuto da Álvarez. Numerosi falli nel prosieguo del primo tempo; altra occasione per il San Lorenzo al 29′ con Cetto, e poco altro. Nel secondo tempo ancora iniziative del Ciclón con Correa al 2′, Verón al 6′ e Cauteruccio al 40′, in mezzo alla pioggia di falli e relativi calci di punizione. L’ultima opportunità ce l’ha Verón, entrato al posto di Prósperi, al 92′, ma ancora nulla di fatto. River che vince per 1-0 e si porta in vantaggio in vista della partita di ritorno.

LDU Loja (ECU) – Nacional (PAR) 0-0, arbitro: Vélez (COL)

LDU Loja: L. Fernández; A. Gómez, Ayala, Arboleda, J. Ayoví (46′ Mejía); Arroyo, E. Castillo (56′ Cordero), Requene (71′ Wila), Uchuari; Barboza, Fábio Renato.
Nacional: Don; Cáceres, Balbuena, R. Piris; Coronel, Riveros, Orué (83′ Achucarro), Miers (esp. 46′); Cristaldo (74′ Mendoza), Torales, Melgarejo (88′ A. Mazacotte).

Gara con poche emozioni quella giocata in Ecuador tra la LDU di Loja. Le due squadre si dànno battaglia con vigore, si vede che entrambe ci tengono a proseguire il cammino internazionale in questa Sudamericana. In evidenza il portiere del Nacional Ignacio Don, riserva di Villar per tutto l’Apertura 2013 e adesso tornato titolare dopo la partenza di Justo: numerose parate decisive per l’estremo difensore argentino. Al 46′ Marcos Miers viene espulso per doppia ammonizione, lasciando il Nacional in 10: ma l’inferiorità numerica non ha scoraggiato i paraguaiani, che hanno saputo resistere agli avversari. Molto attivo anche Torales, schierato come attaccante per il Nacional. Lo 0-0 favorisce il Tricolor che adesso ha la possibilità di qualificarsi ad Asunción.

Portuguesa (BRA) – Bahia (BRA) 1-2, arbitro: Wilton Pereira (BRA)
[41′ Wallyson, 60′ Carlos Alberto (P), 91′ Obina]

Portuguesa: Gledson; Corrêa, Lima, Diego Augusto, Magal (46′ Bergson); Renan, Carlos Alberto, Willian Arão (75′ Aurélio), Jean Mota; Cañete; Bruno Moraes (78′ Neílson).
Bahia: Marcelo Lomba; Mádson, Lucas Fonseca, Titi, Raul (70′ Jussandro); Feijão, Diones, Rafael Miranda; Anderson Talisca (65′ Adu), Obina; Wallyson.

La sfida verde-oro tra Portuguesa e Bahia vede i baiani tornare alla vittoria dopo 4 partite: è una vittoria soffertissima, giunta solo all’estremo finale con il gol di Obina al 91′. Lo stadio Canindé è scarsamente popolato, tanto che i tifosi del Bahia sembrano quasi superare in numero quelli della Portuguesa. Sono però i padroni di casa a essere più pericolosi in campo, specialmente con Corrêa. Cañete spreca un’interessante occasione da gol, ma al 41′ è Wallyson a portare il Bahia in vantaggio. Carlos Alberto riesce a pareggiare al 14′ del secondo tempo, riprendendo una ribattuta di Marcelo Lomba. Ma quando il risultato pareva cristallizzato sull’1-1, arriva il gol di Obina: calcio di punizione per il Bahia, palla in mezzo su cui Gledson, incerto per tutta la gara vista la lunga inattività, buca l’uscita, e colpo di testa di Obina che realizza il 2-1 baiano.

Deportivo Pasto (COL) – Colo-Colo (CHI) 1-0, arbitro: Maldonado (BOL)
[18′ Mina]

Deportivo Pasto: Álvarez; Piedrahita, Palacios, Pérez, Murillo; Pacheco, Mosquera, Montaño (68′ V. Zapata); Villota; Lalinde (70′ Obeso), Mina (89′ Vélez).
Colo-Colo: Salazar; Fuenzalida, Vilches, Domínguez, L. Pavez; Silva, Benítez (45′ E. Pavez), Baeza; Vecchio; Flores (64′ Fierro), Olivi (70′ Toledo).

La rete al 18′ di Mauricio Mina porta la vittoria in casa del Deportivo Pasto. Un margine forse troppo esiguo, considerato il valore del Colo-Colo: i colombiani dovranno difendere strenuamente il gol di vantaggio nella partita di ritorno in programma a Santiago. Il gol, venuto da un assist di Lalinde per Mina, è contestato dai cileni, che sostengono che Mina si trovasse in posizione di fuorigioco. Il Pasto, spinto dal vantaggio, attacca con veemenza per gran parte del primo tempo. Nel secondo tempo, invece, il Colo-Colo reagisce e si presenta più volte davanti a Lucero Álvarez, che prova di essere un portiere affidabile e sicuro. Risultato finale, 1-0 per il Deportivo Pasto, aspettando la gara di ritorno.