Copa Sudamericana: Il Lanus campione in carica saluta la coppa, alla Fortaleza non va oltre l’ 1 a 1 che qualifica il Cerro Porteno

IMG

Niente da fare per i campioni in carica della Copa Sudamericana, gli argentini del Lanus che non riescono a difendere il titolo conquistato l’ anno scorso e che salutano la competizione agli ottavi per colpa del Cerro Porteno. Gli uomini di Schelotto non riescono a rimontare il 2 a 1 subito all’ andata e causa anche un’ inizio di partita nel quale si complicano la vita da soli, non sono in grado di andare oltre l’ 1 a 1, risultato che premia gli azulgrana e spedisce la squadra di Asuncion ai quarti di finale.

Per l’ occasione il Lanus ritrova Marchesin tra i pali e Gomez in difesa, entrambi assenti all’ andata, mentre gli ospiti ritrovano in attacco lo spagnolo Daniel Guiza con Gamarra, il più pericoloso dei suoi all’ andata, si accomoda in panchina. Nemmeno il tempo d’ iniziare che arriva la doccia gelata per i tifosi della Fortaleza: Braghieri dopo 50′ secondi di gioco, nel tentativo di far ripartire l’ azione perde un pallone clamoroso al limite della propria area di rigore, Oscar Romero gli sfila il pallone e con un preciso sinistro a giro batte Marchesin e fa 1 a 0. Il gol, oltre che rendere più difficili le cose per il Lanus, innervosisce la squadra di Schelotto, che fino al 32′ del primo tempo è incapace di impensierire la porta difesa da Barreto. In particolar modo quando il Tanque Silva sciupa un’ importante occasione. Pochi minuti e lo stesso Braghieri trova il modo di farsi perdonare: raccoglie un pallone nella propria metà campo  e complici anche una fase difensiva a dir poco impacciata degli ospiti e un’ uscita rivedibile di Barreto, deposita in rete con un pregevole tocco sotto il gol dell’ 1 a 1 che restituisce speranze al Lanus. A parte i demeriti della difesa paraguayana, rimane una grande cavalcata quella di Braghieri, conclusa con un pregevole colpo sotto. La prima frazione termina così sull’ 1 a 1, che rispecchia i valori visti in campo nei primi 45′ minuti: infatti se da una parte il Lanus non ha giocato come potrebbe, anche il Cerro Porteno, non fosse per il gol a inizio gara, non si è quasi mai visto dalle parti di Marchesin. Nel secondo tempo il Lanus si sbilancia maggiormente e ciò ovviamente favorisce i contropiedi degli Azulgrana come per esempio al minuto 27 quando Barreto è bravissimo su Silvio Romero e nel ribaltamento di fronte, Jose Ortigoza non riesce a portare in vantaggio gli uomini di Leonardo Astrada. L’ ultima occasione capita a Jorge Valdez, ma gli ospiti si salvano e il Cerro Porteno può così passare ai quarti ed eliminare i detentori del trofeo, che si mangeranno le mani per le disattenzioni nei 180′ minuti. Paraguayani che affronteranno la vincente della sfida tra Deportivo Capiata e Boca Juniors con i primi, autentica rivelazione del torneo e capaci di vincere alla Bombonera.