Copa Libertadores 2016 – Un Poker di Calleri trascina il Sao Paulo. Toluca agli ottavi, Dep. Tachira quasi

Doveroso cominciare il nostro racconto della notte di Copa Libertadores dal successo per 1-0 del Deportivo Tachira contro l’ Emelec, partita valida per il gruppo 7 in cui i venezuelani sono ad un passo da una storica qualificazione alla fase successiva e per far si che ciò avvenga dovranno sperare che l’ Olimpia Asuncion non batta i messicani del Pumas. I 3 punti ottenuti questa notte dagli Aurinegros di San Cristobal sono stati del tutto meritati, frutto di una prestazione perfetta in difesa e di grande sacrificio collettivo. La rete che ha deciso l’ incontro è stata realizzata dal classe 1993 Angel Wilker al 20′, che s ‘ incarica di battere una punizione a due e complice una deviazione insacca il pallone alle spalle di Dreer. Da li in avanti nonostante manchino ancora 70 minuti di occasioni da gol ce ne saranno pochissime da entrambi le parti, la ripresa sarà molto nervosa e con numerosi falli e così il Deportivo Tachira blinda i 3 punti difendendosi grazie ad un’ ottima organizzazione tattica.

Grande prestazione per Ramon Abila ieri autore di una doppietta
Grande prestazione per Ramon Abila ieri autore di una doppietta

Passiamo allo scoppiettante 4-2 con cui l’ Huracan ha superato in casa lo Sporting Cristal, balzando in tal modo al 1° posto del girone 4 che vede in testa l’ Atletico Nacional. Il risultato premia gli argentini che nella ripresa sono stati maggiormente cinici in attacco, ma al netto delle occasioni i peruviani con un pareggio non avrebbero rubato nulla. Le marcature si aprono già al 15′ quando lo Sporting passa in vantaggio con l’ uruguayano Santiago Silva che imbeccato in area di rigore da uno splendido passaggio di Avila si libera con una grande finta della marcatura di Mancinelli e col destro trafigge Diaz. Lo schiaffo subito sveglia i padroni di casa e tra il 23′ e il 30′ sale in cattedra Ramon Abila, che con una doppietta ribalta la situazione mostrando ancora una volta le sue doti in fase di realizzazione. Gli ospiti però non si arrendono e, a pochi minuti dalla fine del primo tempo segnano il 2-2 con Calcaterra che raccoglie una difettosa respinta di Diaz e segna a porta vuota. La ripresa vede entrambe le compagini a caccia della vittoria ma dopo varie chance sprecate da ambo le parti è l’ Huracan a trovare il 3-2 con il classe ’95 Alejandro Romero che arriva a rimorchio su un cross di Abila e con un preciso sinistro porta avanti il Globo. Nonostate lo Sporting Cristal crei almeno un paio di ghiotte opportunità per ristabilire la parità, all’ 84′ arriva il colpo di testa vincente di Miralles che chiude i conti in favore dei ragazzi di mister Eduardo Dominguez.

Show di Calleri ieri notte, 4 reti per l' argentino contro il Trujillanos
Show di Calleri ieri notte, 4 reti per l’ argentino contro il Trujillanos

Prima vittoria nel girone per il Sao Paulo che in attesa di River Plate The Strongest in programma questa notte batte in goleada con un rotondo 6-0 i Trujillanos. La partita è archiavata già nei primi 45′: Calleri apre le marcature con una rete di testa su cross di Bastos al 12′, poi Kelvin fa 2-0 pochi minuti più tardi sfruttando un assist del cileno Mena. Al 24′ invece una splendida azione corale dei brasiliani consente al giovane Joao Schmidt di reaizzare il 3-0 su asssist millimetrico di Ganso. Nella ripresa il Tricolor Paulista dilaga ulteriormente e Calleri realizza altre 3 reti segnando uno storico poker che lo lancia in testa alla classifica marcatori della Copa.

Concludiamo con l’ importatissimo 2-1 del Toluca ai danni del LDU Quito che permette ai messicani di qualificarsi con ben due turni d’ anticipo agli ottavi di finale in un girone con Gremio e San lorenzo che li vedeva sfavoriti dai pronostici della vigilia. Eppure sono gli ecuadoriani a passare in vantaggio probabilmente galvanizzati dal cambio in panchina da Claudio Borghi ad Alvaro Gutierrez: al 17′ infatti un’ invenzione di Edson Puch con un bolide dalla distanza vale lo 0-1. L’ illusione però dura poco perchè al 18′ il Toluca fa 1-1 grazie ad un tocco sotto misura di Ernesto Vega (classe 1997) che ribadisce in gol la respinta del portiere Dominguez su colpo di testa di Triverio. La rete che decide il match arriva al 60′ e a siglarla è ovviamente Enrique Triverio che si fa trovare al posto giusto sugli sviluppi di un calcio piazzato e insacca la rete del definitivo 2-1.

 

  • giovanni

    Abila è nettamente più forte di Guerrero

    Qualcuno dirà che Corinthians sta rimpiangendo la partenza di Guerrero.
    Falso.
    I tifosi del Timao hanno già scaricato senza rimpianti il calciatore più sopravvalutato di tutti i tempi dalla stampa peruviana,
    il bugiardo Guerrero è passato da idolo a traditore,
    non si scherza con i sentimenti dei tifosi a cui si giura amore eterno e poi si passa alla squadra nemica Flamengo,
    in certi casi è meglio non rilasciare dichiarazioni ingannevoli.
    Guerrero quanti gol ha realizzato con il club Corinthians?
    Poca roba se confrontata alle gesta di Emerson e Paulinho vedi la Copa Libertadores
    vinta a suo tempo,
    il vero goleador che stanno rimpiangendo semmai è Vagner Love
    che a suon di reti aveva sostituito nel migliore dei modi il peruviano con la conquista
    del campionato brasiliano
    forse a lui si riferiva l’utente che mi ha preceduto.
    L’indisciplianto Guerrero per poco stava compromettendo la qualificazione
    facendosi espellere al preliminare della scorsa Libertadores,
    merito dei compagni che in inferiorità numerica hanno saputo essere più forti
    vincendo una gara non semplice per come si era messa.
    Guerrero agli ottavi di finale viene completamente annullato da un mesteriante
    come Maldonado in riferimento alla sfida contro Guarani,
    Guerrero ha avuto la bravura se tale si può definire di segnare contro le riserve
    di Danubio che equivale un pò come segnare alla nazionale boliviana che ti invita
    a nozze senza volerlo e a farsi infinocchiare vedi ultima copa America,
    i gol nelle finaline del 3° posto in copa America hanno poco valore rispetto alle gare vere e nei momenti
    importanti come nelle qualificazioni ai Mondiali
    in cui Guerrero si è divorato incredibili palle gol.
    Guerrero per me è un attaccante qualunque come Amauri,
    Fred, Di Vaio di una volta e forse sono stato buono,
    ossia attaccanti non fenomenali che per segnare si mangiano prima reti già fatte
    perciò non hanno avuto una carriera trascendentale a livello di club.
    Abila che ha un’ottima percentuale realizzativa è più concreto tra campionato
    e Libertadores segna in partite importanti gol di pregevole fattura,
    pur partendo dalla panchina vedi la gara di andata contro Sporting Cristal,
    squadra sciagurata con i giocatori della nazionale peruviana
    nel doppio confronto dovrebbe uscire imbattuta invece perde in Argentina
    e per poco non si fa pareggiare a Lima.
    Questo significa essere competitivi?
    Soso tecnico ancora non altezza del ruolo la squadra non percepisce i suoi schemi ognuno gioca per conto suo,
    Avila è tutto fumo e poco arrosto,
    dovrebbe cedere il posto ad uno tra Ramua o Sheput,
    la difesa troppo lenta e avanti con gli anni
    è impresentabile a livello internazionale,
    Cazulo dietro o in mezzo non serve,
    ha già compiuto il suo ciclo,
    Lobaton paragonato a Pirlo è un’eresia,
    può giocare solo nel calcio sudamericano,
    quando affronta la nazionale cilena più aggressiva e veloce si nota la sua lentezza e va in difficoltà per non dire va completamente in tilt.
    Ballon ha avuto la fortuna di vestire la maglia di un club non copero e vincente
    come Boca Juniors vero re di coppa
    ma comunque importante come River Plate non vergine di titoli in campo internazionale vedi Sporting Cristal,
    ma Ballon si è rivelato un flop della squadra di Buenos Aires a suo tempo.
    Onore a Huracan dopo il dramma vissuto in Venezuela
    con giocatori assenti per infortunio e squalifica non si è messa a piangere piuttosto rimboccandosi le maniche con umiltà,
    Chacana ha fatto impazzire il povero Cespedes
    provenie dalle serie inferiori ma non deve essere una condanna
    Dybala si è messo in evidenza nella serie b argentina
    e più indietro nel tempo Torricelli addirittura dai nostri dilettanti,
    in comune entrambi vestendo i colori della vecchia Signora
    Per dire la provenienza di un giocatore seppur partendo del basso
    non può stroncare a prescindere la carriera di un calciatore anzi,
    a volte può riscontrare successo a lungo andare con umiltà e sacrificio.
    Abila è emerso tardi rispetto a Dybala,
    l’età è relativa,
    in questo momento è senza dubbio uno dei migliori attaccanti che milita in Sudamerica,
    non sarà Neymar versione Santos e mai lo sarà
    ma certamente è più forte e concreto
    rispetto a Guerrero in termini di reti.

    Sull’altra peruviana Melgar già mi ero espresso la conquista del titolo in ambito locale fu meritata,
    si è presentata male in Libertadores squadra smantellata
    e non rinforzata adeguatamente,
    se i migliori elementi Cuesta e Fernandez perdonano davanti alla porta,
    poi ci aggiungiamo che il tecnico Juan Reynoso non ha saputo creare una formazione base in Libertadores si paga,
    in campionato la musica era diversa l’anno scorso,
    non sempre le ciambelle escono col buco.

    Cobresal pecora nera sì con Melgar direi,
    entrambe nelle sconfitte hanno perso almeno di misura
    tranne contro Santa Fe ma lì i cileni hanno dovuto schierare le riserve
    per preservare i titolari coinvolti in campionato nella lotta salvezza,
    colpa della società che non ha saputo allestire una squadra competitiva
    su 2 fronti,
    ma ci sono le risorse?
    L’anno scorso Palestino non disputò una malvagia Libertadores
    la prese un pò sottogamba dando più importanza alla Copa Chile dove arrivò in finale e perse,
    tanta fatica per qualificarsi in Libertadores e poi si snobba.

    Pumas non ha regalato nulla a Tachira,
    semplicemente si può permettere in lusso di mandare le riserve
    giocatori come il nazionale ecuadoregno Martinez,
    l’argentino Luduena naturalizzato messicano, il cileno Vidangossysono ecc. nettamente più forti sulla carta rispetto alle riserve di Tigres che vinsero in casa di San Josè
    e soprattutto pur essendo già qualificati in casa di un ingenuo
    Juan Aurich ritenuto più forte dell’attuale Melgar?
    Bah mica tanto tra una squadra peruviana e una venezuelana la differenza non è abissale anzi.
    Tornando a Pumas ha preferito dare importanza alla gara di campionato attenzione non di liguilla contro Tigres ,
    convinti di essere in grado di vincere agevolmente in Venezuela con le seconde linee,non paragonabili a quelle di Cobresal,
    perchè considerata Tachira sulla carta la squadra più debole del girone.

    Le riserve di Tigres fase a gironi scorsa edizione che fine hanno fatto?
    Non furono neppure tenute in considerazione come per es. il protagonista delle 4 reti rifilate a Juan Aurich se non erro non era seduto in panchina,
    i titolari di Tigres fase a gironi opinione personale imbattuti in campo contro River Plate tra cui tipo Guerron,
    avrebbero dato maggior battaglia rispetto ai rinforzi nella finale persa
    perchè i vari Damm ,Aquino, e soprattutto Gignac erano da poco arrivati senza partite di campionato messicano alle spalle provenienti da realtà eruopeee il tempo di amalgamarsi con i nuovi i compagni rispetto ai rivali
    squadra già collaudata che aveva vinto la Sudamericana.

    Tra giocatore e allenatore ,
    i tifosi a prescindere si schierano sempre dalla parte del giocatore soprattutto se è una bandiera Totti o un simbolo Perez,
    ma anche il tecnico Pelusso ha ragione perchè ha vinto semplicmente perchè perez era infortunato e Seijas ha saputo ritagliarsi un posto da titolare fisso
    attirando le attenzioni dei brasiliani di Internacional sua prossima destinazione.
    Perez magari ritornerà titolare con il nuovo tecnico chissà, il problema che Pelusso non lo considerava più nemmeno come calciatore pronto a subentrare nella ripresa.
    Chi alza la voce come Totto ottiene qualcosa,
    al termine della carriera di calciatore sarà dirigente della sua squadra del cuore, futuro assicurato,
    mentre Recoba coccolato da Moratti ma umiliato dai tecnici come mancini che lo schieravano solo negli ultimi minuti si è arrugginito in panca
    e alla fine ha dovuto ritirarsi dal calcio nel piccolo Uruguay,
    forse meritava una carriera migliore,
    io al posto suo primo di marcire in panchina o in tribuna tra infortuni diplomatici o meno,
    avrei chiesto di essere ceduto magari una piazza ideale come napoli
    che esalta i calciatori sudamericani come Cavani, Lavezzi, Higuain,
    il posto da titolare fisso è garantita, ovvio poi devi dimostrare le tue qualità,
    Recoba a Venezia aveva dimostrato grandi numeri.

    Campionato argentino in corso
    al momento le qualificate alla Libertadores sarebbero vediamo un pò,
    Godoy Cruz e Arsenal che non sono considerate grandi
    stesso discorso per Lanus,
    invece Estudiantes per me è una grande
    argentina in ambito internazionale.
    Huracan avrà goduto del regolamento a favore non suo nello specifico
    ma delle argentine,
    la vincente della Supercopa vedremo se la toglieranno nel 2017
    per quanto riguarda la qualificazione alla Sudamericana.

    Tevez marchese del grillo?
    Ha risposto sul campo con una prestazione maiuscola non sarà quello dei bei tempi per vai dell’età non più verdissima
    che golazo ha segnato simile a quello in maglia bianconera contro i parmigiani se non ricordo male.

    A mio avviso la migliore tra le argentine fin qui è Racing, dagli ottavi di finale in poi comunque conosceremo il suo vero valore, ha un attacco fortissimo Bou, Milito, Lopez
    e il colombiano Martinez dal futuro promettente che vedremo alle Olimpiadi di Rio.

    Avanti:
    – Nacional di Nico Lopez se è sato rimpatriato avrà le sue colpe calciatori che non sfondano cene sono lo stesso Iturbe a Verona sembrava un fenomeno ma a Roma sponda giallorssa e in Premier league non sta combianando nulla di buono.

    – Atletico Nacional del fenomeno Moreno ma il centrocampista Perez è l’anima della squadra l’abbiamo visto anche con la maglia della nazionale colombiana, senza tralasciare il venezuelano Guerra.

    – Complimenti a Tachira per le 3 vittorie casalinghe ha sfruttato il fattore campo
    qualificazione meritata,
    Trujillanos beh si è qualificato alla libertadores per aver vinto il torneo locale del 2014,
    impossibile chiedere miracoli in gruppo con rivali duri.

    -Ok le messicane già qualificate il menzionato Pumas di Sosa e Britos,
    e il solido Toluca di Triverio e Vega.

    Campionato cileno da rivedere nel regolamento una squadra già qualificata in Libertadores non può partecipare anche in Sudamericana nello stesso anno
    dove sta scritto se le due competizioni non si giocano in parallelo.
    Independiente del valle è la migliore ecuadoregna finora,
    se avesse pareggiato in casa di Atletico Mineiro non avrebbe rubato nulla, trascinatore Sornoza,
    pizzico di fortuna al preliminare rigore fallito da Lopez di Libertad
    come contro River Plate a sua volta campione della Sudamericana,
    la dea bendata ora premierà Sornoza e soci?
    Difficile ma non impossibile almeno superare la fase a gironi vanno su 2 risultati su 3 contro Colo Colo costretto a vincere nella sfida decisiva.

    Male Emelec che è la base della nazionale ecuadoregna va a casa,
    ancora in corsa LDU ma a parte il cileno Puch c’è poco o nulla da salvare,
    ha cambiato allenatore.
    Eliminato Olimpia la speranza paraguaiana è rivolta in Cerro Porteno.
    Infine tra le brasiliane la più convincente Corinthians ma ancora non è qualificato.
    Atletico Mineiro probabilmente terminerà 1° nel girone ricevendo Melgar che non ha totalizzato nemmeno un punto.
    Palmeiras ce la può ancora fare
    se Nacional l’aiuta battendo Rosario Central che va per il pareggio.

    Ah Deportivo Cali sembra una squadra peruviana
    ha fatto poco o nulla contro Boca Juniors più calci violenti che calcio vero,
    leggermente meglio contro Racing,
    in trasferta decisamente peggio difesa inguardabile stile Sporting Cristal, merita di essere eliminato,
    sarà per la prossima volta.
    Su ciò che tralasciato San Lorenzo, Gremio, boliviane ecc.
    concordo in sostanza

    p.s.
    Sampaoli rimane un grande allenatore ma un pessimo uomo
    datemi tempo che lo dimostrerò
    con la solita schiettezza che mi contraddistingue,
    ho le prove di ciò che affermo.
    Buona notte!

  • Francesco Madeo

    Independiente del Valle baciato dalla fortuna. L’articolo non lo menziona ma negli ultimi 5 minuti Colo Colo ha colpito 3 pali! Ancora più fortunata sarà la squadra che incontrerà gli ecuatoriani agli ottavi.

    Peccato per Sporting Cristal, gioca bene ma raccoglie poco (un po’ come la nazionale peruviana). Cucchiaio di legno per Melgar, anche se Trujillanos e Cobresal hanno vinto nel finale contro avversari sbilanciati cui il pari non serviva a nulla. La sfida tra Olimpia e Tachira ha detto tutto su quale squadra avrebbe meritato il passaggio del turno (in particolare, il secondo gol preso dai venezuelani è roba da calcio parrocchiale). Contro ogni pronostico le due boliviane sono arrivate all’ultima giornata in casa padrone del proprio destino. Fin qui la superiorità del Boca di Schelotto su quello di Arruabarrena sta solo in quei due gol nei minuti finali. Quanto ad Abila, mi pare un centravanti con un buon fiuto del gol ma parecchio scarso tecnicamente, non difficile da limitare con la cara vecchia marcatura a uomo; nelle quattro sfide contro Santa Fe e At. Nacional praticamente non ha toccato palla. Fuori luogo l’accostamento con Guerrero, il peruviano al cospetto di Abila appare un gigante: miglior realizzatore di tutti i tempi della propria nazionale e con un rilevante passato europeo, nonché match-winner della finale Mondiale per club 2012 (ultimo trionfo di un club sudamericano, destinato a rimanere tale per anni, se non decenni).

    Parentesi: il tabellone della fase a eliminazione diretta senza alcun sorteggio è certamente preferibile rispetto a quanto accade da noi con le coppe europee dove ogni singolo turno viene sorteggiato e immancabilmente finisce per favorire determinate squadre, tant’è che si parla di ‘bolas calientes’ pro Real. Io non sono un complottista, ma in alcuni casi è difficile credere alla casualità. Bene quindi la Conmebol, che però dovrebbe eliminare l’assurda regola delle semifinali ‘obbligate’ fra due club della stessa nazione e soprattutto introdurre la finale in gara unica (ovviamente in campo neutro): il fatto che nelle ultime 6 edizioni di Libertadores e anche le ultime 6 edizioni di Sudamericana (quindi per 12 volte consecutive) abbia vinto sempre la squadra con il ritorno in casa, anche questa non può essere una coincidenza.

    Ormai restano da assegnare soltanto tre posti, che scaturiranno dagli scontri diretti (‘mors tua vita mea’, direbbe Lotito) The Strongest vs Sao Paulo, Bolivar vs Racing e Cerro Porteno vs Santa Fe. Proviamo a ipotizzare il quadro degli ottavi di finale con due giorni d’anticipo.

    TABLA DE PRIMEROS: scontate le vittorie casalinghe di River, Boca e Corinthians contro squadre nettamente più deboli e già eliminate. L’unico dubbio riguarda l’entità del successo della squadra di Tite: non dovrebbe essere un problema sopravanzare il Toluca, dal momento che è necessaria una vittoria con due gol di scarto o in alternativa un successo di misura dal 2-1 in poi, più difficile (e poco conveniente, dato che in tal caso finirebbe nella stessa parte del tabellone di Boca e River) scavalcare At. Mineiro in quanto Corinthians dovrebbe battere Cobresal con cinque gol di scarto.

    TABLA DE SEGUNDOS: situazione non chiara, tutto dipenderà dall’esito delle tre sfide decisive, ma nell’ipotesi di punteggio più basso le seconde del gruppo 1 e del gruppo 8 totalizzeranno 9 punti con differenza reti positiva, quindi in ogni caso meglio di Nacional e Tachira. Solo la sconfitta del Racing può impedire un abbinamento tra i venezuelani e Pumas (altro scontro tra due squadre dello stesso girone, dopo il già certo Huracan vs At.Nacional). Per il Gremio è sicuro l’abbinamento con una squadra argentina.

    POSSIBILI OTTAVI DI FINALE:

    Huracan vs At. Nacional
    Gremio vs Rosario Central

    Santa Fe vs Corinthians
    Racing vs Toluca

    Tachira vs Pumas Unam
    Ind. Valle vs River Plate

    Nacional vs At. Mineiro
    Sao Paulo vs Boca Juniors