Copa Libertadores 2016 – All’ Atletico Mineiro non basta il 2 a 1, in semifinale ci va il San Paolo

Nella notte appena trascorsa l’ Atletico Mineiro ha battuto il San Paolo per 2 a 1 al termine di una partita bellissima e tirata fino all’ ultimo istante. La vittoria tuttavia non è stata sufficiente al Galo per qualificarsi e così ad approdare alle semifinali è il Tricolor Paulista in virtù del prezioso 1 a 0 ottenuto all’ andata. Al di là del risultato finale bisogna però fare i complimenti ad entrambe le squadre per aver dato vita ad una doppia sfida davvero entusiasmante e combattuta fino alla morte, sicuramente un bello “spot” per la Copa Libertadores.

Il goal-qualificazione di Maicon (youtube.com)
Il goal-qualificazione di Maicon (youtube.com)

Spinto dal tutto esaurito dell’ Estadio Independencia di Belo Horizonte, l’ Atletico Mineiro (privo di Carioca, Robinho, Urso Junior e Luan) parte subito a mille e nel giro di appena dodici minuti riesce addirittura a portarsi sul 2 a 0, un doppio vantaggio che lì per lì sembra tramortire un San Paolo in evidente difficoltà. Al 7′ una bella azione di prima consente a Pratto di allargare sulla destra per Marcos Rocha che calcia con violenza in diagonale e sulla respinta del portiere Denis si precipita l’ ecuadoriano Juan Cazares, lesto a ribadire in rete col mancino e fare esplodere i suoi tifosi. Cinque minuti più tardi invece un cross sensazionale dalla sinistra di Douglas Santos permette al giovane Carlos (che a fine primo tempo lascerà il posto a Carlos Eduardo per infortunio) di svettare in libertà sul secondo palo e infilare l’ incolpevole Denis per il 2 a 0. La festa dei tifosi bianconeri viene però bruscamente interrotta già al 15′, quando su un corner da destra calciato da Kelvin è l’ ex capitano del Porto Maicon a svettare più in alto di tutti e battere Victor (colpevolmente in ritardo nell’ uscita) segnando di fatto il goal che qualificherà il San Paolo. Giusto premio per il roccioso difensore classe 1988 che da quando è arrivato in Tricolor ha contribuito notevolmente a far fare il salto di qualità. Il primo quarto d’ ora è senz’ altro la parte più emozionante del match, ma anche nel resto della prima frazione entrambe le squadre continuano a giocare a viso aperto: l’ Atletico sbatte contro il palo con un colpo di testa di Pratto che avrebbe significato portarsi sul 3 a 1, mentre il San Paolo impegna Victor con un diagonale di Calleri e soprattutto colpisce in pieno il montante con Rodrigo Caio proprio durante l’ unico minuto di recupero.

Victor esce male e Maicon lo trafigge (globoesporte.com)
Victor esce male e Maicon lo trafigge (globoesporte.com)

Nella ripresa i ritmi si abbassano e l’ Atletico Mineiro evita di sbilanciarsi troppo inizialmente, ben consapevole che subire un altro goal sarebbe letale. Ci provano dalla distanza Eduardo e Cazares trovando sempre la risposta del portiere Denis, che seppur con uno stile rivedibile riesce ad allontanare qualsiasi minaccia si presenti dalle sue parti. Al 70′ il tecnico del Galo Diego Aguirre inserisce Clayton al posto dell’ evanescente Patric per cercare di creare nuove soluzioni in avanti, mentre nel Tricolor Edgardo Bauza manda in campo Wesley, che impegna immediatamente Victor con una sassata dalla distanza. A pochi minuti dal termine invece è proprio Clayton a far tremare gli avversari, quando riceve palla al limite da Donizete riuscendosi a liberare nello stretto dalla marcatura di Maicon, ma incredibilmente il suo tiro esce a lato di qualche centimetro. Una circostanza in cui si poteva fare certamente meglio e che sarà l’ ultima vera chance per l’ Atletico Mineiro, che nonostante i cinque minuti di recupero concessi da Cunha (buona la sua direzione) dovrà arrendersi e salutare la coppa. In semifinale ci va così il San Paolo che guidato dall’ esperto Bauza (due Libertadores vinte con LDU e San Lorenzo) può davvero sognare il quarto titolo continentale della sua gloriosa storia.

Estadio: Independencia, Belo Horizonte, Brasil

Atl. Mineiro: Victor; Marco Rocha, Erazo, Leonardo Silva, Douglas Santos; Eduardo (85′ Datolo), Leandro Donizete; Juan Cazares, Patric (70′ Clayton), Carlos (46′ Carlos Eduardo); Lucas Pratto. DT: Diego Aguirre

Sao Paulo: Denis; Bruno Vieira, Maicon, Rodrigo Caio, Mena; Hudson, Thiago Mendes (70′ Wesley, 87′ Kardec); Michel Bastos (78′ Matheus Reis), Ganso, Kelvin; Calleri. DT: Edgardo Bauza

Goal: 7′ Juan Cazares (AM), 12′ Carlos (AM); 15′ Maicon (SP)

Arbitro: Andrés Cunha (URU)

Ammoniti: Eduardo, Donizete, Leo Silva (AM); Bastos, Maicon, Kelvin (SP)

Espulso: Donizete per doppia ammonizione al 94′