Colombia – Semifinali Clausura: il clasíco di Medellín va al DIM

L’Atanasio Girardot esplode al gol di Juan Fernando Caicedo. Mancano venti minuti alla fine, e l’Independiente sblocca un clasíco di Medellín fino a quel momento decisamente bloccato. L’atto primo se lo aggiudicano dunque los Poderosós, che allungano così la loro striscia positiva a cinque vittorie consecutive.

DIM-4-0-Alianza-Petrolera-5

Non solo; oltre a vincere l’importante andata di una semifinale dall’importanza gigantesca, il Depor si prende il secondo dei tre derby giocati negli ultimi sei mesi, con i Verdolagas che non ne vincono uno ormai da marzo. Già, perché se l’Atletico Nacional è la vera corazzata del campionato, l’Independiente è la sua bestia nera e in questo 2015 pare sia giunta finalmente l’ora di uscire dall’ombra gettatagli sopra – da tempo – dai rivali cittadini. Merito di Leonel Alvarez, uno dei tecnici in rampa di lancio nel mondo cafetéro, e tornato a dirigere qui dopo le esperienze con Itaguì e Deportivo Cali. “I ragazzi meritano questo successo perché lo hanno cercato senza sosta – dice il dt – e alla fine siamo stati premiati“. Vero, com’è altrettanto vero che in vista del ritorno di domenica bisognerà fare molta attenzione al ritorno dell’Atletico Nacional, che Rueda ieri sera ha schierato con un 4-2-4 simile a quello di Osorio, ma decisamente più inconsistente nella manovra offensiva. A decidere l’ultimo clasíco fu Christian Marrugo, protagonista nell’azione del gol di Caicedo; l’ex regista dei Millonarios salta due avversari a metà campo e trova la linea di passaggio per il numero 9, bravo ad entrare in area per freddare imparabilmente Armani in una gara che di occasioni non ne ha contate molte.

Ad Ibagué intanto, l’Atletico Junior – altro club in un perfetto momento di forma – batte 1-0 il Deportes Tolima, grazie alla rete segnata dal paraguayano Ovelar. A Barranquilla sognano di mettere nuovamente un titolo in bacheca, dopo anni di vacche magre e delusioni continue. La truppa diretta da Mendoza la finale l’ha già ipotecata, battendo un Tolima poco incisivo in quella che probabilmente era la partita più importante del semestre. Un semestre appassionante, nonostante sia appena entrato nel vivo, con tre squadre almeno meritevoli di andare a vincere questo Clausura. Entrambi i ritorni si giocheranno domenica sera, con l’orizzonte già tratteggiato ed un obiettivo da non fallire: la qualificazione in Libertadores.