Cile: Paredes sotterra la U. Il Superclasico è del Colo Colo

elgrafico.cl
elgrafico.cl

Otto gol in otto Superclasicos. Questo il bottino di Esteban Paredes che oltre a regalare la vittoria nella partita più sentita del paese, si avvicina (mancano 3 gol) a Manuel Muñoz, attualmente massimo goleador Albo nella storia del Superclasico cileno. La doppietta di ieri poi, proietta Visogol a quota 96 con la maglia dell’equipo popular.
Una vittoria importantissima quella del Colo Colo che balza momentaneamente in testa alla classifica con due punti di vantaggio sul Cobresal impegnato oggi ad Antofagasta.
Per la U di Martin Lasarte arriva la sesta sconfitta in 11 gare, a testimoniare ancora una volta il brutto momento dell’Azul Azul che continua il suo percorso verso un tunnel che non pare avere una via d’uscita.
Per il tecnico uruguagio c’è comunque l’appoggio della maggior parte della dirigenza dopo che qualche malumore ha iniziato a serpeggiare dalle parti di Nuñez. Le parole di Sabino Aguad, direttore generale della U confermano, almeno per ora, l’intenzione di proseguire con il tecnico ex Catolica: “Se non rinnoveremo Lasarte con le buone maniere, lo faremo con le cattive”.
Sembra quasi un paradosso dunque che il primo spunto della gara, quello che porta al vantaggio della U, arrivi da un errore in disimpegno di Paredes, Vidal riconquista palla, serve Guzman Pererira che trova al limite dell’area Sebastian Ubilla che lascia partire un sinistro che viene deviato da Vilches e su cui Villar non è reattivo. Palla nel sacco e 1-0.
Nel primo tempo non succede altro in una partita con tanti errori di impostazione; inevitabile che nella ripresa Tapia debba dare una svegliata ai suoi, quasi intimoriti dal leggero dominio degli arcirivali.
Il giovane tecnico manda in campo Delgado per uno spento Figueroa, non ancora pienamente integrato negli schemi bianconeri.
La ripresa però si apre con un’altra occasione per la U, questa volta è Canales a far tremare Villar con un destro a giro che termina di poco a lato.
Al minuto 51 episodio dubbio in area di rigore colocolina. Corujo disorienta Fierro ricevendo dallo stesso uno sgambetto che sembra netto anche senza l’ausilio del replay. L’arbitro Gamboa soprasiede e fa proseguire senza sanzioni.
Due minuti più tardi si sveglia finalmente il Colo Colo con Paredes che regala il primo dispiacere alla U. Barroso pesca Valdes in mezzo al campo, l’ex Parma avanza indisturbato (male difesa e centrocampo della U che non chiudono in nessuna maniera) finché con un bel tocco in profondità pesca Paredes che solo davanti a Herrera non può che depositare in rete il gol dell’1-1.
A questo punto il Colo Colo guadagna campo con la sensazione di avere più birra in corpo rispetto ai padroni di casa.
Al 71’ Paredes elude il fuorigioco pescato da Valdes ma questa volta la sua conclusione è sventata in angolo da Herrera, reattivo a chiudere lo specchio e salvare il risultato.
Lasarte a questo punto prova a dare vitalità all’attacco dei suoi inserendo Cortes e Benegas con quest’ultimo che rileva un Canales lontano anni luce dalla miglior condizione.
Al 90’ altro episodio dubbio, questa volta in area di rigore della U. Beausejour sombrera Espinoza che nel tentativo di contrastare l’ex Wigan, tocca con la mano mandando la palla in calcio d’angolo.
Anche in questo caso l’arbitro Gamboa lascia correre senza che alcun giocatore del Colo Colo protesti; il primo a non accorgersene è proprio Beausejour che non inveisce contro il direttore di gara.
Tre minuti più tardi l’episodio che decide la gara: cross in mezzo di Pavez, saltano Delgado e Corujo con quest’ultimo che devia di mano. Questa volta l’arbitro Gamboa non ha dubbi ed assegna il tiro dagli 11 metri al Colo Colo. Paredes trasforma lasciando immobile Herrera.
E’ l’ultimo episodio di una gara giocata con pazienza dalla nuova capolista, mentre alla U rimane l’amaro in bocca per una gara che poteva avere un ben diverso epilogo.
Al termine della gara spazio alle dichiarazioni con Lasarte che guarda piccatamente già al futuro: “Non ho tempo di rimuginare, sto già pensando a The Strongest”, mentre Tapia si gode il successo: “E’ stato un duro confronto, abbiamo avuto carattere e forza. Una vittoria molto importante”.

TABELLINO

UNIVERSIDAD DE CHILE:  Johnny Herrera; Mathias Corujo, Benjamin Vidal, Josè Rojas, Paulo Magalhaes; Gonzalo Espinoza, Ricardo Guzman Pereira, Gustavo Lorenzetti; Sebastian Ubilla (80’ Cesar Cortes), Gustavo Canales (78’ Leandro Benegas), Maximiliano Rodriguez (66’ Sebastian Martinez). DT Martin Lasarte

COLO COLO: Justo Villar; Gonzalo Fierro, Christian Vilches, Julio Barroso, Jean Beausejour;  Jaime Valdes, Esteban Pavez, Humberto Suazo (71’ Emiliano Vecchio); Felipe Flores (67’ Claudio Baeza), Esteban Paredes, Luis Pedro Figueroa (46’ Juan Delgado). DT Hector Tapia

MARCATORI: 17’ Ubilla (U), 53’ Paredes (CC), 94’ rig Paredes (CC)

AMMONITI: Corujo e Vidal (U), Pavez e Delgado (CC)

ARBITRO: Eduardo Gamboa

SPETTATORI: 25.732