Cile- C’è sempre una prima volta, O’Higgins campeón!

O'higgins campione Apertura 2013Dopo 58 anni dalla sua fondazione arriva il primo titolo  per l’O’Higgins che allo stadio Nacional di Santiago batte la Catolica in una partita giocata a ritmi altissimi, caratterizzata da continui ribaltamenti di fronte. Alla fine sarà decisivo il gol del tucumano Hernandez  al 34′ del primo tempo a decidere le sorti dell’incontro.

La Celeste parte subito forte e al 3′ minuto ha subito l’occasione di portarsi in vantaggio, cross dalla destra e colpo di testa di Calandria, ma  un super Toselli gli dice di no. La Catolica dopo i primi 20 minuti di affanno esce fuori prima con Cordero e poi con  il palo colpito da Tomàs Costa intorno alla mezz’ora. Al minuto 33′ però succede l’impensabile, nel miglior momento dei cruzados arriva il gol dell’O’Higgins. Sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Yernan Opazo, Hernandez  colpisce al volo sul primo palo indisturbato per il vantaggio celeste. Nel secondo tempo l’O’Higgins si limita a contenere  l’avanzata della Catolica, cercando poi di sfruttare al meglio le ripartenze concesse dall’UC. La Catolica inizia ad attaccare a testa bassa senza esprimere un grande gioco, Lasarte  decide di far entrare “RiberyMuñoz per affiancarlo  a Sosa, ma tutti i tentativi vanno a sbattere sul muro del portiere Paulo Garcés in giornata di grazia. Al minuto 69′ los tigres avrebbero anche l’occasione per chiuderla definitivamente quando Barriga si trova  a tu per tu con  Toselli , ma è bravo il portiere a deviare in corner. Lasarte le prova tutte gettando nella mischia el zlatan Nico Castillo e Ramos, ma al 79′ è Muñoz a rendersi pericoloso dalle parti di un attento Garcés.1 minuto dopo, Barriga ha l’occasione di farsi perdonare sul bell’invito di Calandria ma ancora una volta Toselli riesce a deviare. Nei minuti finali è un vero e proprio assedio dalle parti di Garcés, con la Catolica che reclama per un contatto dubbio in area di rigore su Nico Castillo anche se l’arbitro Osorio si trovava lì. Al triplice fischio la gioia incontenibile dei 22.000 tifosi celestes si tramuta in un’invasione di campo, controllata poco dopo dalle forze dell’ordine. Per la UC adesso sarà importante non sbagliare la doppia gara  contro il Dep.Iquique  nella Liguilla per qualificarsi alla Libertadores.

Estadio: Nacional | Árbitro: Jorge Osorio

O’Higgins (1): Paulo Garcés,  Yerson Opazo, Mariano Ugglesich, Julio Barroso, Alejandro López, Braulio Leal,  César Fuentes, Pablo Hernández, Luis Pedro Figueroa (Francisco Pizarro, 45+1′),  Pablo Calandria y Gonzalo Barriga. DT: Eduardo Berizzo.

U. Católica (0):  Cristopher Toselli, Cristián Álvarez, Hans Martínez, Enzo Andía, Alfonso Parot,  Michael Ríos, Tomás Costa, Fabián Manzano, Fernando Cordero, Matías Jadue e  Ismael Sosa. DT: Martín Lasarte.

Goles: 1-0 Hernández (34′)