Brasileirão: San Paolo a -5, Ceni fa il record

Zero problemi per il San Paolo (foto: Uol)
Zero problemi per il San Paolo (foto: Uol)

Che sia la volta buona? Se lo chiedono in tanti, in Brasile, consapevoli che le altre volte in cui le distanze tra prima e seconda si erano assottigliate, dopo poco il divario era tornato a farsi consistente. Ma con un Cruzeiro non più così cannibale, e un San Paolo ora a -5, tutto diventa ora possibile. La Raposa patisce stanchezza e stress da doppio impegno: a metà settimana c’è l’andata delle semifinali di Copa do Brasil, contro il Santos. E così a Florianópolis sono altri 2 punti persi: Marquinhos porta avanti la capolista sugli sviluppi di un fallo laterale, ma Pablo riporta tutto in ordine regalando il pareggio al Figueirense con un bel sinistro proprio nel finale. E permettendo al San Paolo di sognare per davvero, dopo il rotondo successo del posticipo del lunedì: 3-0 al Goiás, già stordito dopo 7 minuti grazie a Edson Silva e Luís Fabiano (al gol numero 100 nel Brasileirão) e definitivamente messo fuori gioco dal tris di Alan Kardec, neo papà. In tutti i casi c’è lo zampino di Michel Bastos: l’ex romanista sforma 3 assist ed è il migliore in campo. Ma il record vero se lo prende Rogério Ceni, che sorpassa l’ex primatista Giggs e ottiene la vittoria numero 590, con lo stesso club, di una carriera da romanzo. E al termine del match, per il portiere che smetterà a fine anno il desiderio è uno solo: “Voglio lasciare con il titolo”.

ZONA BRASILEIRÃO – Altro che “zona Cesarini”. Anche in Brasile sanno come far durare le emozioni fino all’ultimo minuto, e oltre. Il Corinthians evita il ko nel derby col Palmeiras, l’ultimo al Pacaembu prima che il Verdão adotti l’Allianz Parque come sua nuova casa. Segna l’eterno Danilo negli ultimi istanti di partita, dopo che i padroni di casa avevano aperto le danze con il 15mo gol in campionato di Henrique. Fatale a un 60enne tifoso palmeirense, João Correia Leal Filho, colpito da un infarto proprio dopo la rete del capocannoniere del campionato e deceduto poi in ospedale. Al secondo minuto di recupero è confezionata anche la vittoria del Fluminense, grazie al 13mo centro di Fred. E dire che l’Atlético Paranaense aveva firmato il momentaneo 1-1 al 91’… Riveros evita il ko del Grêmio in casa del Coritiba, che può però recriminare per un incredibile palo a porta vuota di Robinho (che già ne aveva colpito uno in precedenza) nella penultima azione del match. Sofferenza e successo anche per l’Atlético Mineiro, che batte per 3-2 lo Sport nonostante la mezz’ora e passa in inferiorità numerica per il rosso diretto al portiere Victor: a segno anche l’ex napoletano Dátolo e Tiago Pagnussat, statuario difensore arrivato ad agosto dal Caxias e alla prima in maglia bianconera. Così, l’unica vittoria senza patemi è quella dell’oscillante Internacional: Alan Patrick e Nilmar, al secondo centro dal suo ritorno a Porto Alegre, stendono il Bahia in un tempo.

HURRÀ BOTAFOGO – Rogério nel primo tempo, Wallyson nella ripresa con una perla all’incrocio: il derby carioca va al Botafogo, che a Manaus ha la meglio su un Flamengo ormai concentrato unicamente sulla Copa do Brasil, dà un calcio alla crisi, si toglie almeno dall’ultimo posto. A nulla serve il guizzo rossonero, l’ottavo, di Eduardo da Silva. Fogão ancora in zona retrocessione, ma intanto il Vitória quintultimo è a un solo punto. E allora Vagner Mancini, l’allenatore, può permettersi di sognare in grande: “Adesso proviamo a vincere in casa del Cruzeiro”. Proprio il Vitória si aggiudica uno scontro diretto fondamentale, battendo il disastrato Criciúma grazie anche a una spettacolare rovesciata mancina di Edno e costringendo i catarinensi, ora ultimi senza alcuna compagnia, al quarto cambio in panchina della stagione: via anche Gilmar Dal Pozzo, che segue la routine iniziata da Ricardo Drubscky, Caio Júnior e Wágner Lopes. Forse già oggi il nome del sostituto. Un’altra atmosfera si respira a qualche chilometro di distanza, a Chapecó: all’Arena Condá il Santos va avanti con un altro ex Napoli, il centrale Bruno Uvini, salvo essere punito ancora una volta oltre il 90′ dalla Chapecoense, in gol con Leandro e sempre sopra la linea di galleggiamento.

 

RISULTATI

Fluminense 2-1 Atlético Paranaense

Palmeiras 1-1 Corinthians

Figueirense 1-1 Coritiba

Coritiba 1-1 Grêmio

Atlético Mineiro 3-2 Sport

Vitória 3-1 Criciúma

Chapecoense 1-1 Santos

Botafogo 2-1 Flamengo

Internacional 2-0 Bahia

San Paolo 3-0 Goiás

 

CLASSIFICA

Cruzeiro 61

San Paolo 56

Atlético Mineiro 54

Internacional 53

Corinthians 53

Fluminense 51

Grêmio 51

Santos 46

Goiás 41

Atlético Paranaense 40

Flamengo 40

Sport 37

Figueirense 36

Palmeiras 36

Chapecoense 36

Vitória 34

Botafogo 33

Coritiba 33

Bahia 31

Criciúma 30