Brasileirão: riparte il Cruzeiro, bentornato Ganso

Esultano Ganso e il San Paolo tutto (Foto: Wagner Carmo/Inovafoto/Gazeta Press)
Esultano Ganso e il San Paolo tutto (Foto: Wagner Carmo/Inovafoto/Gazeta Press)

Riparte il Cruzeiro. Ma il Grêmio, per quanto possibile, continua a mantenere viva la fiammella della speranza. Vincono entrambe le prime due, in attesa del Botafogo (stasera, contro il Vitória), e così la distanza rimane invariata: 10 punti. La Raposa, in debito d’ossigeno dopo una cavalcata ai limiti dell’incredibile, batte di misura il Fluminense soffrendo più del dovuto. Decide dopo poco più di un quarto d’ora una rete di Borges, ma sono clamorosi due errori a porta vuota (il secondo quasi al 90′) del tricolor Samuel. “Avevamo una certa ansia addosso, e il Flu in certi momenti ne ha approfittato” dice Marcelo Oliveira, conscio dell’importanza capitale dei 3 punti dopo due ko di seguito. Ospiti in 10 nell’ultimo quarto d’ora per il rosso a Rafael Sóbis. Vittoria di misura anche nel Rio Grande do Sul, e non poteva che essere così considerando la sterilità offensiva di Grêmio e Corinthians. Barcos torna a segnare dopo un mese d’astinenza e mantiene i gaúchos al secondo posto. Timão sempre più in crisi: ha vinto una soltanto delle ultime 13 sfide. Chi è ripartito in carrozza è l’Atlético Paranaense: Roger mata l’Atlético Mineiro nel finale in una gara nervosa e polemica. Espulsi Alecsandro e Marcos Rocha, più altri 4 squalificati da parte bianconera. “Assurdo quello che ci hanno fatto oggi” protesta il tecnico Cuca.

RIECCO GANSO – Dietro, nessuno fa il balzo. Solo un pareggio senza reti tra Santos e Internacional, in un match sospeso per 16 minuti a causa di un blackout elettrico alla Vila Belmiro. Mentre il Flamengo torna a vincere (è il quarto successo su 7 per l’interino Jayme de Almeida) contro un Bahia in pesante crisi: segna ancora Hernane, sempre decisivo, ma decisivo è anche Felipe, che all’ultimo secondo di partita respinge una botta da fuori di Raul. Se la rete del Brocador non è una novità, lo è quella di Paulo Henrique Ganso: il maestro del San Paolo torna a segnare dopo 14 mesi nel Brasileirão (l’ultimo gol lo aveva segnato in maglia Santos, contro il Figueirense). Náutico battuto per 3-0 grazie anche a un suo splendido slalom tra i paletti biancorossi. E l’1-0 di Ademilson era iniziato con un suo colpo di tacco. Insomma, bentornato.

SI SALVI CHI PUÒ – Mischia bollente nelle zone basse di classifica. Col successo del Morumbi il San Paolo tira un sospiro di sollievo, mentre rientra in gioco la Ponte Preta, che batte e inguaia il Coritiba grazie a un sinistro incrociato del laterale mancino Uendel. Per il Coxa il rischio retrocessione, dopo un grande avvio di campionato, è sempre più fondato. “Dobbiamo migliorare molto” dice la stella Alex, pure lui in declino col passare delle giornate. Se stasera il Vasco da Gama batte il Goiás, saranno proprio i paranaensi a sedersi al quartultimo posto. Clamorosa chance sprecata dal Criciúma, che in casa non fa il bis dopo il successo di domenica facendosi infilzare dalla Portuguesa. Lo scontro diretto va ai paulisti, che si impongono per 3-1 grazie anche a una rete del solito Gilberto (14 centri) e scappano a +5 dalla quartultima.